Skip to content

Lavoratori immigrati in Italia: Il fenomeno dell'overqualification e l'esclusione dalle qualifiche più elevate

Informazioni tesi

  Autore: Jorge Andres Herrera Romero
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze del Lavoro
  Relatore: Roberto Impicciatore
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 118

Il fenomeno di cd. overqualification in Italia assume caratteristiche peculiari rispetto al contesto europeo. La nostra analisi è incentrata sulla propensione degli stranieri (distinti fra cittadini europei ed extracomunitari) a occupare qualifiche professionali medio-basse nonché a svolgere lavori manuali rispetto ai cittadini italiani; si analizza inoltre il differenziale salariale medio fra le categorie di cittadini. Operativamente, costruiamo dei modelli di regressione logistica per l'indagine sulle qualifiche e di regressione lineare per quella sui salari, controllando gli effetti della cittadinanza per sesso, età e istruzione. Osserveremo che entrambi i gruppi di stranieri presentano a parità di qualifica uno svantaggio salariale simile, mentre gli extracomunitari vengono occupati in basse qualifiche con una probabilità maggiore rispetto agli europei. Considerando il livello d'istruzione degli stranieri (piuttosto simile a quello degli italiani), confermeremo l'esistenza e l'estensione del fenomeno di overqualification fra i lavoratori immigrati in Italia, nonché lo spreco di capitale umano che ne consegue.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il fenomeno di cd. ‘overqualification’ in Italia assume caratteristiche peculiari rispetto al contesto europeo. Per overqualification s’intende la situazione in cui si è sovra-istruiti e/o il possedere competenze professionali maggiori rispetto a quelle necessarie per svolgere un determinato lavoro. Si tratta di un fenomeno di missmatch fra domanda e offerta di lavoro in cui i lavoratori finiscono per accettare occupazioni a mansioni inferiori che non valorizzano a pieno le loro capacità produttive, spesso frutto di sforzi e investimenti, in tempo e denaro, per il periodo di formazione. L’overqualification può assumere dimensioni diverse (e riguardare tipologie differenti di lavoratori) da paese a paese. Esso, infatti, risulta fortemente legato alla struttura interna del mercato del lavoro, al sistema produttivo e al cosiddetto ‘assetto di welfare’. Un’analisi dell’Eurostat 1 nell’ambito della Labour force survey fornisce gli indicatori di overqualification per tutti i 27 paesi europei, permettendoci di illustrare sinteticamente la peculiarità del caso italiano. Tabella 1. Overqualification rate by groups of country of citizenship, age groups and sex, 2010 (%) Total population Foreigners Of which EU citizens extraUE age 20-64 of which age 20-64 of which age 20-64 of which Age 20-64 of which 25-54 55-64 25-54 55-64 25-54 55-64 25-54 55-64 EU27 21 21 16 38 38 31 29 29 22 46 46 41 EU uomo 20 20 16 33 33 25 24 24 17 42 42 35 EU donna 22 21 17 43 42 38 34 34 29 51 51 48 IT 17 18 8 61 61 62 34 34 29u 77 77 79 IT uomo 14 15 6 61 63 33u 31 31 : 76 78 49u IT donna 20 21 10 61 59 81 36 36 : 78 76 95 Fonte: Eurostat, Labour force survey, 2010 1 Scaricabile dalla pagina web: http://epp.eurostat.ec.europa.eu/portal/page/portal/employment_social_policy_equality/migrant_integration/indicators

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

risorse umane
immigrazione
hr
forza lavoro
brain waste
overqualification
spreco di capitale umano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi