Skip to content

Growth and characterization of Graphene

Informazioni tesi

Autore: Adolfo De Sanctis
Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
Anno: 2012-13
Università: Università degli Studi dell'Aquila
Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
Corso: Fisica
Relatore: MaurizioPassacantando
Lingua: Inglese
Num. pagine: 84

Graphene, a single sheet of Carbon atoms arranged in a honeycomb lattice, has become the most promising material for the future. Graphene has been studied for long time from a theoretical point of view. After its isolation in 2004 experiments began and its properties revealed.
Due to its electrical, optical and mechanical properties, this 2D material can be used in many applications ranging from electronics to medicine. Such applications include, but are not restricted to, energy storage, optoelectronics, THz electronics, transparent conductors, artificial leaves, materials reinforcement, drug delivery, cell scaffolds, and many others.
In order to be able to use Graphene for such applications it is necessary to have a fast, reliable and cost-effective production method.
During the past ten years many methods have been applied for the synthesis and isolation of Graphene. Among them the most promising are the so-called physical vapor and chemical vapor deposition methods.
In this work we will first introduce Graphene and its physical properties. Then we will concentrate on the Characterization techniques used to investigate this material; in particular we will see how Raman spectroscopy is a non-destructive invaluable tool for Graphene identification and characterization. Scanning electron microscopy is also a very useful tool for imaging of Graphene and it will be also described.
The third part of the work is dedicated to a survey of the Graphene growth and isolation methods. In particular our work will focus on Graphene growth by carbon precipitation on thin film metals and, thus, the aspects of thin film deposition and crystallization will be reviewed.
Last, we will present the results obtained in the Surfaces, Thin films & Nanostructures laboratory in L’Aquila on Graphene growth on Ni thin films. The technique used carbon precipitation and subsequent recrystallization in Graphene on top of Ni after thermal annealing, using as carbon sources both solid amorphous carbon (deposited by flash evaporation) and gaseous CH4 precursor.
The as-grown Graphene shows a characteristic Raman spectrum. The presence of D and D’ peaks reveal its defective structure while 2D peak fitting shows few-layer Graphene, compatible with the values found in literature.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 G R A P H E N E Graphene is made of a single plane of carbon atoms arranged in an honeycomb two-dimensional (2D) lattice, and it is the building-block for the construction of the other graphitic materials with different dimensionality. It can be wrapped up into 0D fullerenes (but we need some pentagons to close a sphere of hexagons), rolled into 1D nan- otubes or stacked into 3D graphite (see figure 1.1). More than seventy years ago Landau and Peierls postulated the thermodynamical insta- bility of two-dimensional crystals, due to the divergent contribution of lattice vibrations. A three-dimensional base is necessary to let these structures be stable. This has been the path followed by Geim and Novoselov who, in2004, isolated and spotted Graphene upon a silicon oxide substrate (Novoselov et al. [1]). We will now discuss some of the properties of Graphene. 1.1 brief history The word “Graphene” has been used for the first time in1987 (Mouras et al. [2]) to describe a mono-atomic layer of graphite as one of the constituents of GICs (graphite intercalation compounds). Graphite is an abundant material on Earth and it is known as mineral since500 years. The word Graphene has been also used in the description of carbon nanotubes (CNT), of thin films of epitaxial graphite. Single graphite’s layers have been growth epitaxially upon differ- ent substrates since 1970 (Oshima and Nagashima [3]). “Epitaxial Graphene” is made of an hexagonal lattice one atom thick of sp 2 - hybridized carbon atoms, but the strong interaction between the sub- strate and the epitaxial Graphene hides the properties of Graphene. Attempts to exfoliate mechanically a single layer of graphite began in1990, but it wasn’t possible to find films thinner than50-100 layers until2004, when Geim and Novoselov from the Manchester Univer- sity succeeded in isolating one mono-atomic layer of graphite [1] on top of a silicon oxide substrate. The two researchers succeeded in doing so employing the so called “micro-mechanical cleavage” or, as better known, “tape method”. Silicon oxide insulates electrically the Graphene, weakly interacting with it, leaving its electrical properties unchanged. Theoretical studies on Graphene started in1947 by Philip R. Wallace in order to understand the electrical properties of graphite. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

carbon
raman
cvd
sem
graphene

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi