Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Criticità e fattori di valorizzazione della Comunità Montana Valli Po-Bronda-Infernotto

Il presente lavoro, dopo aver presentato le principali e più moderne teorie che si occupano di spiegare come i territori possano creare valore, si occuperà proprio di analizzare quali siano le principali difficoltà e le maggiori opportunità di crescita che caratterizzano la Comunità Montana Valli Po – Bronda – Infernotto.
Basandosi su statistiche estrapolate da documenti politico - programmatici e scientifici , ma anche sulle testimonianze gentilmente concessemi da amministratori locali, si cercherà di comprendere se, e in che misura, potrebbe aprirsi una nuova fase di sviluppo per la Comunità Montana.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione La Comunità Montana Valli Po - Bronda - Infernotto comprende le valli alpine più settentrionali della provincia di Cuneo, originate dal Po e dai torrenti che le danno il nome. La Valle Po congiunge Saluzzo (400 m s.l.m.) con Crissolo (1333 m). Da qui si innalza al Pian del Re (2020 m s.l.m.) dove ha la sua sorgente il fiume Po ed infine al colle delle Traversette (2950 m s.l.m.) che la collega con la valle del Guil in Francia. La valle Bronda, di dimensioni modeste, comprende tre comuni, Brondello, Pagno e Castellar. Si trova ad ovest di Saluzzo ed incuneata tra l'inizio della valle Po e l'inizio della valle Varaita. La valle Infernotto (o Ghiandone) comprende due comuni, Barge e Bagnolo Piemonte, e si estende dal Monte Meidia al Monte Bracco. Confina a nord con la Val Pellice e a sud con la valle Po. La Comunità Montana ricomprende quindi un territorio piuttosto ampio, che si estende dal Pinerolese al Monviso. Ciononostante essa non comprende alcun centro di particolare rilievo, né dal punto di vista demografico né da quello economico e, anche in conseguenza di ciò, costituisce un’area del Piemonte tra le più “sconosciute”. Nella Comunità infatti, nonostante un settore secondario sufficientemente dinamico, non è presente nessuna impresa di rilevanti dimensioni 1 , mentre nel settore primario si assiste ad un 1 Cfr. cap. 4.3.2 e allegato 2.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Davide Capitelli Contatta »

Composta da 228 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 138 click dal 22/01/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.