Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili critici del concordato preventivo proposto da un'impresa operante nel settore edilizio

Nella tesi sono state affrontate diverse tematiche aventi come filo conduttore il concordato preventivo proposto da un'impresa operante nel settore edilizio. In questi ultimi anni sono sempre maggiori le richieste di procedure alternative al fallimento delle imprese soprattutto nei settori maggiormente colpiti dalla crisi come il settore edile. Dopo un breve excursus sulla procedura di concordato preventivo e le modifiche introdotte negli anni si passerà ad analizzare tutti i profili di criticità di un caso pratico di concordato preventivo proposto da un'impresa edile.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 P R E M E S S A La crisi sembra non finire mai: nel primo trimestre 2013 in Italia i fallimenti delle imprese hanno toccato un nuovo record a 3.500 procedure avviate, +12% rispetto allo stesso periodo del 2012. Lo affermano dati Cerved visionati dall'Ansa: i concordati crescono del 76%, con un boom per quelli “in bianco” introdotti dalla nuova legge di settore. Complessivamente le chiusure aziendali hanno accelerato di molto la loro corsa: nei primi tre mesi si contano circa 23mila imprese che hanno avviato una procedura di insolvenza o una liquidazione volontaria, in aumento del 7% rispetto allo stesso periodo del 2012. Secondo il Cerved, gruppo specializzato nell'analisi delle imprese e nei modelli di valutazione del rischio di credito, il fenomeno più rilevante è il forte incremento dei concordati preventivi, che fanno registrare un aumento del 76% su base annua, un boom che porta al 13% l'incremento delle procedure di insolvenza diverse dai fallimenti. Sempre secondo lo studio, all'origine di questo incremento vi sono le nuove norme con cui è stata riformata la disciplina fallimentare e, in particolare, l'introduzione del cosiddetto concordato “in bianco”. La possibilità di presentare una domanda priva del piano di risanamento e di bloccare le azioni esecutive, anche con effetti retroattivi, è stata quindi molto apprezzata dalle aziende: tra l'entrata in vigore delle nuove norme, nel settembre 2012, e il 31 marzo scorso si stima che

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Dipartimento di Economia Aziendale

Autore: Alessandro Tuono Contatta »

Composta da 126 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 706 click dal 14/01/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.