Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi economica. La nuova disoccupazione nel mezzogiorno d'Italia

La crisi finanziaria che ha investito l'economia reale ha riproposto con forza il problema della disoccupazione in Italia e, soprattutto, nel Mezzogiorno. In quest'area, il deterioramento delle condizioni del mercato del lavoro ha contribuito ad aggravare una situazione occupazionale di per se precaria. La misura della disoccupazione che emerge da questo nostro studio mostra valori nuovi rispetto a quelli restituiti dall'applicazione dei metodi di rilevazione standards. Il ricorso al tasso di "disoccupazione esteso" fa emergere la sommersione statistica ovvero la nuova misura della disoccupaizone generata dalla crisi.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La crisi finanziaria apertasi nella seconda metà del 2008, in gran parte dei paesi europei, ha investito l’economia reale, riproponendo con forza il problema della disoccupazione. E’ evidente che la recessione ha colpito anche la nostra economia, contribuendo al progressivo deterioramento delle condizioni del mercato del lavoro. La crisi non ha coinvolto fin dal primo momento tutti i settori della domanda. I primi a flettere (nel 2° trimestre del 2008) sono stati i consumi delle famiglie, seguiti nel 3° trimestre dagli investimenti delle imprese e dalle esportazioni nette. Già dalla seconda metà del 2008 la crisi aveva colpito pesantemente anche le regioni meridionali. Mentre in passato la minore apertura internazionale dell’economia meridionale ne riduceva l’esposizione alle fluttuazioni congiunturali, l’attuale integrazione dei mercati ha acuito drammaticamente le debolezze di una struttura produttiva di per sé vulnerabile. Questo lavoro si propone di descrivere i “conti della crisi” sui livelli occupazionali e più precisamente sulla disoccupazione dell’area meridionale. L’Italia, similmente ad altri Paesi avanzati, ha risentito del crollo della domanda mondiale in modo intenso ed anche immediato. Gli effetti della crisi sui livelli di disoccupazione hanno assunto toni differenti nelle tre articolazioni territoriali: Nord, Centro, Sud.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Gabriele La Fauce Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6048 click dal 17/01/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.