Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La privacy in Internet: il controllo delle masse

La grande evoluzione e lo sviluppo delle moderne tecnologie telematiche negli ultimi anni hanno favorito l’implementazione di nuovi metodi di comunicazione a distanza fra le persone, ciò ha comportato che, nella nostra epoca, è divenuto sempre più importante per ognuno tutelare il diritto di controllare le proprie informazioni private ed assicurarsi che esse vengano ricevute o trattate da altri solo in caso di necessità in modo da difendere il proprio diritto alla privacy. Internet non ha cambiato solo il modo di comunicare ma ha variato, in modo irreversibile, i modelli di interazione sociale. La diffusione in larga scala della rete, tradotto nella possibilità per la maggior parte della popolazione mondiale di fruire dei servizi che essa offre, oltre a concedere nuove opportunità di comunicazione, è portatrice anche di nuovi rischi che con i tradizionali sistemi di comunicazione erano pressoché sconosciuti. I sistemi di comunicazione odierni consentono, infatti, lo scambio di un’elevata quantità di dati tra gli utenti, tuttavia attraverso le diverse tipologie di intercettazione è possibile reperire, trattare e conservare, quasi senza limitazioni, la maggior parte di queste informazioni scambiate tra gli individui. La nostra società tende così ad essere una società sempre più trasparente, poiché, grazie ai diversi sistemi di intercettazione dei flussi di comunicazione elettronica, è possibile ricostruire le tendenze e le preferenze, i gusti o le esperienze di ogni persona connessa. Questo lavoro ha come obiettivo quello di illustrare a quali rischi è esposta la privacy durante l’uso della rete Internet da parte del comune utente attraverso un’analisi dei processi che hanno permesso e che permettono tutt’ora le intercettazioni dei dati personali. Il furto di queste informazioni diviene un terreno ideale per la cooperazione criminosa online di persone dotate di alta competenza tecnica informatica o sistemi di spionaggio e monitoraggio civile messi in atto dalla maggior parte dei governi delle principali potenze mondiali, soprattutto quello degli Stati Uniti d’America e quello del Regno Unito.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione generale La grande evoluzione e lo sviluppo delle moderne tecnologie telematiche negli ultimi anni hanno favorito l’implementazione di nuovi metodi di comunicazione a distanza fra le persone, ciò ha comportato che, nella nostra epoca, è divenuto sempre più importante per ognuno tutelare il diritto di controllare le proprie informazioni private ed assicurarsi che esse vengano ricevute o trattate da altri solo in caso di necessità in modo da difendere il proprio diritto alla privacy. Internet non ha cambiato solo il modo di comunicare ma ha variato, in modo irreversibile, i modelli di interazione sociale. La diffusione in larga scala della rete, tradotto nella possibilità per la maggior parte della popolazione mondiale di fruire dei servizi che essa offre, oltre a concedere nuove opportunità di comunicazione, è portatrice anche di nuovi rischi che con i tradizionali sistemi di comunicazione erano pressoché sconosciuti. I sistemi di comunicazione odierni consentono, infatti, lo scambio di un’elevata quantità di dati tra gli utenti, tuttavia attraverso le diverse tipologie di intercettazione è possibile reperire, trattare e conservare, quasi senza limitazioni, la maggior parte di queste informazioni scambiate tra gli individui. La nostra società tende così ad essere una società sempre più trasparente, poiché, grazie ai diversi sistemi di intercettazione dei flussi di comunicazione elettronica, è possibile ricostruire le tendenze e le preferenze, i gusti o le esperienze di ogni persona connessa. Questo lavoro ha come obiettivo quello di illustrare a quali rischi è esposta la privacy durante l’uso della rete Internet da parte del comune utente attraverso un’analisi dei processi che hanno permesso e che permettono tutt’ora le intercettazioni dei dati personali. Il furto di queste informazioni diviene un terreno ideale per la cooperazione criminosa online di persone dotate di alta competenza tecnica informatica o sistemi di spionaggio e monitoraggio civile messi in atto dalla maggior parte dei governi delle principali potenze mondiali, soprattutto quello degli Stati Uniti d’America e quello del Regno Unito.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Andrea Antenucci Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5248 click dal 23/01/2014.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.