Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le politiche retributive. Strategie di compensation nella gestione del personale

L'impegno ed il contributo dei lavoratori, in relazione alla coerenza delle politiche retributive, rappresenta un tema di grande attualità ed interesse, in considerazione della crescente centralità rivestita dal capitale umano nel contesto economico e nell'ambito degli studi d'impresa. Il presente lavoro, nasce con la finalità di analizzare in che modo le organizzazioni progettano e attuano i piani retributivi, nell'ottica di allineare due grandi variabili: da una parte i contributi apportati dalle persone nell'impresa e, dall'altra, gli incentivi che queste si aspettano come contropartita dell'impegno profuso. Tanto detto, nel primo capitolo si è inteso descrivere il ruolo del sistema premiante, le relative articolazioni e sottosistemi ad esso connessi, soffermandosi in particolare su come, in occasione della costruzione del piano retributivo, si possa ricreare quella condizione di incentivazione e motivazione nei dipendenti, finalizzata a tradurre le strategie aziendali in risultati concreti.
Nel secondo capitolo si è affrontato il tema della definizione vera e propria della strategia retributiva e degli strumenti di compensation che le organizzazioni pongono in essere con la duplice finalità di sopperire all'esigenza di equità e comparabilità interna, e perseguire una competitività esterna con il mercato di riferimento. Nella scelta della politica retributiva, la prassi aziendale prevede spesso il ricorso ad organismi specializzati nella progettazione e gestione di sistemi organizzativi e incentivanti, nonché nella realizzazione di indagini, statistiche e pratiche, legate alle politiche retributive.
Il ricorso ad organismi esterni di consulenza è giustificato dal fatto che oggi le imprese devono implementare strategie di compensation sempre più varie e flessibili, per rispondere tanto alla mutevolezza ambientale del task di riferimento, tanto al repentino mutamento della disciplina dei contratti di lavoro. Infatti, la previsione di rapporti di collaborazione non necessariamente orientati al lungo periodo ha portato ad analizzare, in chiusura del secondo capitolo, la connessione tra politiche retributive ed evoluzione contrattuale.
In conclusione, nell'ultimo capitolo sono state dapprima evidenziate le voci tecniche che compongono la retribuzione articolate in elementi fissi e variabili e, successivamente, considerati i più recenti orientamenti sulla definizione della remunerazione globale e dei sistemi di compensation. Si è fatto riferimento in particolare al concetto di total reward, inteso come configurazione premiante di più ampia portata, orientata a sistemi di remunerazione compositi che vanno oltre l'aspetto meramente monetario, in grado di fronteggiare la dinamica motivazionale e contribuire in maniera attiva al processo produttivo in cui la persona è inserita.

Mostra/Nascondi contenuto.
SINTESI: L’impegno ed il contributo dei lavoratori, in relazione alla coerenza delle politiche retributive, rappresenta un tema di grande attualità ed interesse, in considerazione della crescente centralità rivestita dal capitale umano nel contesto economico e nell’ambito degli studi d’impresa. Il presente lavoro, nasce con la finalità di analizzare in che modo le organizzazioni progettano e attuano i piani retributivi, nell’ottica di allineare due grandi variabili: da una parte i contributi apportati dalle persone nell’impresa e, dall’altra, gli incentivi che queste si aspettano come contropartita dell’impegno profuso. Tanto detto, nel primo capitolo si è inteso descrivere il ruolo del sistema premiante, le relative articolazioni e sottosistemi ad esso connessi, soffermandosi in particolare su come, in occasione della costruzione del piano retributivo, si possa ricreare quella condizione di incentivazione e motivazione nei dipendenti, finalizzata a tradurre le strategie aziendali in risultati concreti. Nel secondo capitolo si è affrontato il tema della definizione vera e propria della strategia retributiva e degli strumenti di compensation che le organizzazioni pongono in essere con la duplice finalità di sopperire all’esigenza di equità e comparabilità interna, e perseguire una competitività esterna con il mercato di riferimento. Nella scelta della politica retributiva, la prassi aziendale prevede spesso il ricorso ad organismi specializzati nella progettazione e gestione di sistemi organizzativi e incentivanti, nonchØ nella realizzazione di indagini, statistiche e pratiche, legate alle politiche retributive. Il ricorso ad organismi esterni di consulenza è giustificato dal fatto che oggi le imprese devono implementare strategie di compensation

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Nicoletta Crecco Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1145 click dal 31/01/2014.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.