Skip to content

Profili di valutazione economica delle imprese bancarie

Informazioni tesi

  Autore: Anita Francesca Romano
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Riccardo Viganò
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 131

Valutare un’azienda significa stimarne il beneficio economico che la stessa è in grado di produrre per la proprietà. Gli sforzi fatti per definire metodologie universalmente valide non sembrano aver ancora raggiunto un elevato valore applicativo. Ciò è tanto più vero se si prende in considerazione la valutazione bancaria, tipologia di azienda questa che si distingue per la peculiarità della struttura di bilancio, del business model, e dei vincoli normativi che ne influenzano il modus operandi. In particolar modo una delle componenti che contraddistingue gli istituti di credito consiste nella diversa configurazione delle risorse finanziarie di terzi: essi infatti sono strumentali all'attività specifica di impresa, e non una componente accessoria. Risulta quindi necessario utilizzare metodi che sottolineino la rilevanza di queste componenti nell’attività bancaria. Due sono le metodologie sviluppate in tal senso, il dividend discount model e l’excess return.
Modelli, questi, prettamente analitici, e che pertanto richiedono la stima di singoli componenti aziendali, con conseguente esborso di risorse finanziarie e di tempo.
Ad un diverso approccio valutativo si riferiscono i multipli, che non conducono alla determinazione del valore intrinseco di una società in termini assoluti, bensì ad una sua stima relativa, in funzione del prezzo che il mercato è disposto a pagare per attività ritenute comparabili.
I multipli hanno incontrato un notevole successo negli ultimi anni, soprattutto in funzione di operazioni di finanza straordinaria, la lievitazione dei prezzi di borsa, la maggior importanza degli intangibles.
Poiché diverse sono le grandezze che possono essere adoperate ai fini del la valutazione relativa, è necessario adottare i multipli più significativi in funzione delle caratteristiche dell’azienda e del settore analizzati. Il settore bancario prevede una maggiore attitudine ad analizzare il price earning e il price to book value. Il primo permette di valutare in modo sintetico il profilo di rischio e le potenzialità di crescita di un’attività, in funzione degli utili futuri attesi, determinando in tal modo l’eventuale sopra/sottovalutazione dell’azienda da parte del mercato.
Il P/BV è particolarmente utilizzato nel settore bancario in quanto le aziende sono fortemente patrimonializzate e la redditività non è facilmente identificabile. Poiché le regole dell'accountancy bancaria sempre più prediligono l'utilizzo del fair value, la limitata presenza di attività valutate al costo storico fa sì che il valore del patrimonio contabile degli istituti di credito si avvicini molto al valore di mercato, incentivando in tal modo l’uso di questo moltiplicatore per la valutazione delle banche. Risulta inoltre necessario menzionare una variante del P/BV, ovvero il Price/Tangible Book Value che presenta al denominatore il patrimonio netto rappresentato dalle sole attività reali iscritte nel bilancio della società, escludendo i valori immateriali, in primis l’avviamento e i marchi per i quali le tecniche valutative si presentano difficili ed eterogenee.
Il metodo dei multipli conduce ad una valutazione che non risente di ipotesi soggettive dell’analista, ma risulta invece influenzabile dalle aspettative degli operatori del mercato. Esempio concreto del condizionamento che le quotazioni di mercato subiscono in funzione di aspettative degli operatori è la crisi odierna, protagonista della quale sono la crisi della Grecia e la pressione spesso meramente speculativa sul debito pubblico dei paesi più instabili dell’area Euro. Con il solo riferimento alla valutazione relativa non sarebbe possibile constatare l’attendibilità del sentment del mercato e valutarne la fondatezza. Risulta quindi necessario utilizzare tale metodo solo come strumento di controllo e a supporto della valutazione analitica. Questo elaborato vuole dimostrare come questa inesattezza sia particolarmente evidente nel settore bancario.
Analizzando l’andamento azionario dei tre principali istituti di credito italiani, Intesa Sanpaolo, Monte dei Paschi di Siena e Unicredit, è possibile rilevare in modo tangibile il pregiudizio che ha colpito le aziende di questo settore a fronte della crisi economica e della conseguente riduzione dei multipli maggiormente utilizzati.
Analizzando gli ultimi 5 esercizi possiamo sinteticamente evidenziare come tali aziende abbiano registrato un calo delle quotazioni finanziarie di oltre il 70%, lo sforzo finalizzato al costante incremento patrimoniale bruciando milioni di euro in ricapitalizzazione, una depressione della capacità reddituale. Ma ciò che più colpisce è l’inadeguatezza dei multipli a riscontrare il reale valore aziendale, in quanto gli stessi negli anni immediatamente precedenti alla crisi stimolavano gli investimenti in aziende che poi hanno subito perdite non indifferenti.
Ed è inoltre necessario aggiungere che a fronte di tali difficoltà presenti, neanche le prospettive future risultano rassicuranti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE La valutazione delle banche rappresenta un argomento complesso e articolato, in considerazione della peculiarità delle metodologie valutative impiegate dalla prassi professionale, della particolarità del quadro normativo che regola l’operatività degli intermediari finanziari e della specificità del loro business model. Le banche hanno un ruolo centrale nell’economia. Sono imprese del settore terziario che operano nel campo del credito e dei regolamenti monetari, esercitando l’attività di intermediazione, trasmissione degli impulsi di politica monetaria, supporto allo sviluppo delle imprese, nonché il servizio di negoziazione di titoli. Tali aziende, tuttavia, sono state sotto accusa per lo scoppio della più grave crisi che l’economia abbia subito dal ’29 ad oggi. I loro bilanci sono stati gravemente contagiati, le quotazioni sono drasticamente calate, gli apprezzamenti da parte degli investitori diradati, e tutto ciò a causa della carente fiducia verso le aziende di questo settore. Gran parte delle scelte di investimento, prevalentemente quelle compiute da piccoli azionisti, si sono realizzate sulla base dei multipli di mercato, indici che sintetizzano in un quoziente il valore economico delle imprese. Il presente lavoro ha lo scopo di illustrare, nell’ambito della disciplina volta a stimare il valore aziendale attraverso metodi teorici e pratici, le ragioni del successo dei multipli di mercato, evidenziando le differenze rispetto ad altre metodologie. Saranno presentati i vantaggi derivanti dalla loro applicazione, ma in particolar modo gli aspetti negativi, le inefficienze e le ripercussioni che derivano da un uso scorretto di questa metodologia, soprattutto in un contesto di crisi economica e ancor più finanziaria, quale quello contemporaneo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

valutazione aziendale
p/e
unicredit
intesa sanpaolo
imprese bancarie
monte dei paschi di siena
multipli di mercato
p/bv
p/tbv
dividend discount model excess return

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi