Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dinamiche tecniche e psicologiche sulla scomparsa dei minori

L’attenzione per il fenomeno dei bambini scomparsi è relativamente recente e collocabile temporalmente intorno agli anni ’80. Infatti per molto tempo questo fenomeno è stato sottovalutato forse anche a causa della bassa frequenza delle segnalazioni pervenute. Negli ultimi anni si è assistito ad un incremento di casi di scomparsa di minori tanto da mettere in allarme non solo le forze di polizia ma anche i mass media che hanno persino dato vita a programmi televisivi centrati sull’argomento. Si sentono sempre più spesso appelli accorati di genitori disperati che attendono con speranza che arrivi qualche notizia dei propri figli e che cercano di non pensare ai crimini aberranti in cui i loro figli possano esser stati coinvolti. I giorni e i mesi passano e la vita di questi genitori rimane incarcerata alla ricerca di ogni minimo segno, non solo della loro esistenza ma anche del destino loro toccato, qualunque esso sia. Innocenti strappati alla loro vita, spogliati della loro umanità, vittime di abusi e maltrattamenti, a cui, spesso, viene vietato anche il diritto all’esistenza stessa. Bambini inghiottiti dal nulla le cui tracce vengono perse a pochi metri da casa. Nessuno ha visto o sentito nulla. Nessuno passava di lì in quel momento.
Il presente lavoro tenterà di mettere insieme le varie sfaccettature della piaga che oggi, più che mai, sta dilagando in mezzo alla nostra società, per darne un quadro d’insieme.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione “Il trauma psichico è il dolore degli impotenti. Nel momento del trauma, la vittima è resa inerme da una forza soverchiante e se si tratta di forze della natura, parliamo di disastri, quando la forza è quella degli altri uomini, parliamo di atrocità.” Judith Lewis Herman, “guarire dal trauma” L’attenzione per il fenomeno dei bambini scomparsi è relativamente recente e collocabile temporalmente intorno agli anni ’80. Infatti per molto tempo questo fenomeno è stato sottovalutato forse anche a causa della bassa frequenza delle segnalazioni pervenute. Negli ultimi anni si è assistito ad un incremento di casi di scomparsa di minori tanto da mettere in allarme non solo le forze di polizia ma anche i mass media che hanno persino dato vita a programmi televisivi centrati sull’argomento. Si sentono sempre più spesso appelli accorati di genitori disperati che attendono con speranza che arrivi qualche notizia dei propri figli e che cercano di non pensare ai crimini aberranti in cui i loro figli possano esser stati coinvolti. I giorni e i mesi passano e la vita di questi genitori rimane incarcerata alla ricerca di ogni minimo segno, non solo della loro esistenza ma anche del destino loro toccato, qualunque esso sia. Innocenti strappati alla loro vita, spogliati della loro umanità, vittime di abusi e maltrattamenti, a cui, spesso, viene vietato anche il diritto all’esistenza stessa. Bambini inghiottiti dal nulla le cui tracce vengono perse a pochi metri da casa. Nessuno ha visto o sentito nulla. Nessuno passava di lì in quel momento. Il presente lavoro tenterà di mettere insieme le varie sfaccettature della piaga che oggi, più che mai, sta dilagando in mezzo alla nostra società, per darne un quadro d’insieme.

Tesi di Master

Autore: Stefania Manganaro Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 940 click dal 14/02/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.