Skip to content

Profili penali nell'attuale società multiculturale

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Brianda
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giampaolo Demuro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 133

É evidente come il fenomeno della globalizzazione abbia da tempo cominciato ad interessare aspetti ulteriori rispetto a quelli originari dell'economia e della finanza. Si assiste da tempo ad un travaso culturale tra popoli, in un processo inarrestabile che trova alimento nelle estrema mobilitá raggiunta dalle genti del mondo. Si assiste, in altre parole, ad un fenomeno definibile in termini di multiculturalismo. Invero, e qui sta la questione che il presentando lavoro intende affrontare, se lo scambio culturale è un fattore quantomai sano ed auspicabile in alcuni ambiti sociali come l'arte e la scienza, non altrettanto può dirsi con riferimento al settore giuridico, nel quale maggiormente emergono contraddizioni e problematiche prodotte dall'integrazione culturale. Beninteso, esistono alcuni rami del diritto, ad esempio quello dei diritti fondamentali, che fortunatamente vivono un processo di integrazione, seppur lenta, in quasi tutti gli angoli del globo. Tuttavia, tale enfatica affermazione non può essere compiuta per tutti i settori giuridici. Infatti, esistono almeno due rami del diritto che, se li si osserva con attenzione, conservano ancora le caratteristiche dei diritti "localizzati", dei diritti, cioè, fortemente legati al sostrato culturale del territorio in cui sono prodotti: ci si riferisce al diritto della famiglia e al diritto penale.
Il diritto penale, in particolare, rappresenta il nocciolo duro della cultura e della tradizione giuridica di una nazione, perché più di qualsiasi altro insieme di norme sostanziali (dal diritto civile al diritto amministrativo a quello costituzionale) costituisce al tempo stesso causa e conseguenza dell'identità culturale e, si badi, non solo giuridica, di un popolo. Ecco perché il rapporto tra il diritto penale e i fenomeni della globalizzazione e del multiculturalismo fornisce aspetti fortemente problematici: ciò avviene per via della tensione esistente tra due forze quasi contrapposte. Da una parte, infatti, il diritto penale, forse ultimo baluardo dell'identità storica, culturale e giuridica di una nazione, portatore di valori riconosciuti da una comunità come irrinunciabili e sanciti quasi sempre nelle costituzioni, dall'altra parte la globalizzazione che spinge senza sosta all'apertura verso l'esterno, con l'incontro di nuovi valori, di nuovi schemi e di nuove influenze.
Quale, allora, il rapporto tra le due forze? Forse di reciproche, acritiche concessioni? O magari di auto-esclusione, senza tener presente l'ormai mutata realtà politica, economica e sociale in cui viviamo? Ovviamente la risposta non è facile, e forse ancora non esiste. Tuttavia, qualunque essa sia, l'interprete e prima ancora il legislatore dovranno mettere in conto nuove sfide fino ad ora sconosciute, il cui esito si ripercuoterà inevitabilmente anche sul diritto sostanziale.
Attualmente, l'atteggiamento della giurisprudenza, a fronte di una normativa che ancora non ha affrontato esplicitamente questi problemi, è piuttosto disomogeneo e ambiguo, perché condizionato a volte da spinte "assimilazioniste", in forza delle quali il desiderio di concessioni e forzature giuridiche pro reo è assai scarso, altre volte da forze più marcatamente "multiculturaliste", grazie alle quali il dato culturale assume una valenza, in favore dell'imputato, quantomeno nella determinazione della pena finale.
Stando così le cose, allora, emerge con chiarezza l'importanza del ruolo degli interpreti del diritto. Si tratta di dare una risposte ed indicazioni che consentano di avvicinarsi il più possibile ad una soluzione capace di conciliare il rispetto della diversità culturale con il rispetto della uniformità e della credibilità del sistema penale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Premessa Trascorsi quasi dieci anni dall’inizio del terzo millennio è senz’altro possibile affermare che numerosi aspetti dell’attuale “vivere comune” sono fortemente e irreversibilmente influenzati da fenomeni come il multiculturalismo e la globalizzazione. Meritano attenzione, in modo particolare, gli ambiti economico, sociologico e politico, nei quali la rapidità e la facilità degli scambi culturali, a qualsiasi livello, tra i popoli del mondo, ha avuto effetti dirompenti, tanto da comportare la revisione e la creazione di innumerevoli categorie dogmatiche da parte delle scienze che li studiano. In linea di prima approssimazione si nota come le scienze giuridiche non siano esenti da tali tipi di influenze esterne. Tuttavia esistono almeno due rami del diritto che, se li si osserva con attenzione, conservano ancora le caratteristiche dei diritti “localizzati”, dei diritti, cioè, fortemente legati al sostrato culturale del territorio in cui sono prodotti: mi riferisco al diritto della famiglia e al diritto penale. Il diritto penale, in particolare, rappresenta il nocciolo duro della cultura e della tradizione giuridica di una nazione, perché più di qualsiasi altro insieme di norme sostanziali (dal diritto civile al diritto amministrativo a quello costituzionale) costituisce al tempo stesso causa e conseguenza dell’identità culturale e, si badi, non solo giuridica, di un popolo. Ecco perché il rapporto tra il diritto penale e i fenomeni della globalizzazione e del multiculturalismo fornisce aspetti fortemente problematici: ciò avviene per via della tensione esistente tra due forze quasi contrapposte. Da una parte, infatti, il

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

globalizzazione
reato
multiculturalismo
culturale
assimilazionismo
escissione genitale
pusceddu
cultural defence
esimente culturale
reato culturalmente orientato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi