Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pratiche di giustizia riparativa: quale impatto nel contrasto alla recidiva? prime riflessioni di una meta-analisi

Il presente lavoro, realizzato nell'ambito della psicologia giuridica, tratterà un tema fondamentale della disciplina ovvero la giustizia riparativa. Il lavoro sarà composto di due macro parti: una prima parte volta ad analizzare il paradigma della giustizia riparativa in generale, fornendo una panoramica del fenomeno in tutti i suoi aspetti salienti e facendo riferimento sia al contesto italiano sia all'esperienza della maggior parte dei paesi, con particolare attenzione agli Stati in cui per la prima volta si è affermato il paradigma; una seconda parte sarà dedicata allo studio particolare di alcune argomentazioni mediante analisi empirica della letteratura nazionale e internazionale. Il focus d'analisi, così come si evince dal titolo del lavoro, consta nell'analizzare ilfenomeno della recidiva nell'ambito delle misure alternative alla detenzione, sia per quanto riguarda il sistema degli adulti sia per il sistema di giustizia minorile, con finalità principale di stabilire un rapporto diretto tra l'impiego delle pratiche riparative e il contrasto al fenomeno della recidiva e fornire un indicazione sui fattori di tipo personale e di contesto capaci di incidere sull'attitudine dei soggetti recidivi.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Il presente lavoro, realizzato nell’ambito della psicologia giuridica, tratterà un tema fondamentale della disciplina ovvero la giustizia riparativa. Il lavoro sarà composto di due macro parti: una prima parte volta ad analizzare il paradigma della giustizia riparativa in generale, fornendo una panoramica del fenomeno in tutti i suoi aspetti salienti e facendo riferimento sia al contesto italiano sia all’esperienza della maggior parte dei paesi, con particolare attenzione agli Stati in cui per la prima volta si è affermato il paradigma; una seconda parte sarà dedicata allo studio particolare di alcune argomentazioni mediante analisi empirica della letteratura nazionale e internazionale. Il focus d’analisi, così come si evince dal titolo del lavoro, consta nell’analizzare il fenomeno della recidiva nell’ambito delle misure alternative alla detenzione, sia per quanto riguarda il sistema degli adulti sia per il sistema di giustizia minorile, con finalità principale di stabilire un rapporto diretto tra l’impiego delle pratiche riparative e il contrasto al fenomeno della recidiva e fornire un indicazione sui fattori di tipo personale e di contesto capaci di incidere sull’attitudine dei soggetti recidivi. Prima di passare in rassegna più specificatamente i temi di cui tratteremo sia nella parte prima sia nella seconda del lavoro, è necessario introdurre il tema della giustizia riparativa in modo tale da evidenziare, sin da subito, gli aspetti salienti del paradigma riconciliativo e fornire un quadro generale sul tema che faciliterà la lettura soprattutto della parte sperimentale. Il paradigma riparativo è ormai tema discusso e pratica introdotta a livello mondiale nei diversi ordinamenti giuridici e, di solito, è fatto risalire agli anni Ottanta. In realtà il primo programma di riconciliazione vittima-aggressore denominato “VORP” risale al 1974 e fu attuato nell’America settentrionale a

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Gian Mario Biddau Contatta »

Composta da 203 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 706 click dal 26/02/2014.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.