Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli di federalismo fiscale a confronto

Il lavoro analizza le esperienze di 12 Paesi: da quelli piccoli territorialmente e demograficamente (come il Belgio e la Svizzera) a quelli di grandi dimensioni come gli Stati Uniti d’America, abbracciando in definitiva quattro continenti (Europa, America, Africa ed Oceania) e tre differenti culture giuridiche (europea-continentale, anglosassone, latino-americana).
Del sistema di ogni Paese si cerca soprattutto di valutare due aspetti chiave: l’autonomia tributaria degli enti sub-centrali e la perequazione.Particolare attenzione viene data,nell'ultimo capitolo, alle differenze esistenti tra il modello italiano (di tipo cooperativo) e quello svizzero (di tipo competitivo).

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Studi politologici 1 calcolano che circa il 40% della popolazione mondiale vive in sistemi costituzionali a struttura federale, la percentuale sale al 50% circa se si tiene conto degli ordinamenti a base regionale. La formula dello Stato composto sta dunque affermandosi e tende a divenire prevalente negli ultimi decenni: l’avvento del modello democratico e la sua diffusione soprattutto in Europa dopo il 1989 sembrano ,infatti, coincidere con la crescita del decentramento politico o istituzionale. Risulta pertanto più che ovvio il fiorire, negli ultimi anni, di studi e dibattiti sul federalismo fiscale inteso, anzitutto, come decentramento di autonomia fiscale: cioè di entrate e di spesa. Scopo principale di questo lavoro è cercare di fornire un quadro sintetico, ma esauriente, delle più importanti esperienze straniere di decentramento, evidenziandone nel contempo analogie e differenze con il caso italiano. Nel primo capitolo vengono esposte le principali teorie economiche del federalismo fiscale. In particolare, dopo una breve rassegna dei motivi generalmente portati a favore del decentramento e contro, si esamineranno anzitutto le teorie classiche (Oates, Buchanan, Tiebout) dopo di che si darà conto sinteticamente delle cosiddette teorie alternative. Nel secondo capitolo, vengono analizzate le esperienze di 12 Paesi: da quelli piccoli territorialmente e demograficamente (come il Belgio 1 G. ANDERSON, Fiscal Federalism: A comparative Introduction, Oxford University Press, 2010, pp. 1 sgg.; D. HELD, Modelli di democrazia, 2007, pp. 10 sgg.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Lino Domenico Franco Montesano Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1013 click dal 20/02/2014.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.