Skip to content

Devianza e dipendenza da gioco d'azzardo: un nuovo settore di intervento per l'educatore professionale

Informazioni tesi

  Autore: Luca Rebesan
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Brescia
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Educatore Professionale
  Relatore: Frediano Sessi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

Il fenomeno della dipendenza da gioco d'azzardo considerato nella Tesi non è nuovo, esiste da tempo immemorabile ma è nuova la sua trattazione in ambiti quali la cura e la riabilitazione.
Ho scelto di utilizzare principalmente il termine dipendenza da gioco d'azzardo, prediligendolo ad altri quali: gioco d'azzardo compulsivo, gioco d'azzardo patologico, disturbo nel controllo degli impulsi che porta a giocare d'azzardo, etc. Questa scelta deriva dal fatto che ho voluto sottolineare la caratteristica dipendenza intrinseca al fenomeno, piuttosto che inquadrare il problema in termini di diagnosi psicopatologica.
È importante evidenziare che questa particolare forma di dipendenza rientra nelle dipendenze da non-sostanza. Come ogni altra forma di dipendenza ha anch'essa connotazioni psicologiche, ma non ho voluto trattarle in modo approfondito nella Tesi perché esse non sono propriamente di competenza dell'educatore professionale.
Ho preferito quindi illustrare come si evolve la dipendenza da gioco d'azzardo dall'esordio alla richiesta d'aiuto.
Il dipendente da gioco d'azzardo è un deviante; devia dalla media delle persone che giocano a giochi finalizzati alla vincita in denaro. Di fatto, se fruisce dei giochi garantiti dall'AAMS, egli non viola alcuna legge; tuttavia la sua devianza riguarda il non rispetto di un'aspettativa sociale. Gli studi sociologici di R. Caillois riguardo ai giochi mostrano come il gioco d'azzardo sia differente dagli altri giochi, come già detto, e quindi definibile come deviante.
Il nodo gordiano che ho dovuto recidere da subito per poter intraprendere il percorso che mi ha portato alla tesi, è stato proprio quello relativo all'educatore in quanto figura professionale. Ho dovuto comprendere a fondo quanto potesse, e se potesse, operare in ambito di dipendenza da gioco d'azzardo.
Nel lavoro dell'educatore si ripresentano sia il progetto educativo individualizzato, che i colloqui educativi, sia l'équipe, che il lavoro di rete. Tutti i servizi in questo campo operano attraverso équipe multidisciplinari e reti di servizi.
La prevenzione del fenomeno dipendenza da gioco d'azzardo se si vogliono ottenere dei veri risultati, va fatta in modo adeguato progettando interventi e costituendo gruppi specifici nei quali fare prevenzione. Ciò necessita di figure professionali, tra cui l'educatore, correttamente formate sia in ambito di dipendenza da gioco d'azzardo che in ambito di prevenzione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Il mio interesse nei confronti della dipendenza da gioco d’azzardo proviene dall’incontro casuale con tale fenomeno durante il percorso di studi. Mi sono interessato in precedenza della tossicodipendenza ed ho svolto i tirocini del secondo e terzo anno in una comunità terapeutico-riabilitativa per tossicodipendenti. Durante il primo anno ho invece prestato tirocinio in una comunità residenziale per disabili. Il mio intento è stato quello di avvicinarmi ad una tipologia di utenza che non presenti problematiche “croniche”, nei confronti della quale siano possibili interventi educativi (in un contesto di multidisciplinarietà) realmente capaci di riportarla ad uno stato di salute. Questo è difficile da realizzare pienamente, sebbene un’utenza normodotata possa essere un presupposto di piena capacità di recupero. In un primo momento ho trovato molte difficoltà nell’avvicinarmi al fenomeno della dipendenza da gioco d’azzardo, questo perché si tratta di un ambito di intervento presentato spesso come competenza esclusiva degli psicoterapeuti (ad esempio nei testi di Ladouceur). Quindi ho scelto di documentarmi a riguardo e trovare un approccio diverso da quello psicologico. La questione che mi premeva risolvere innanzitutto riguardava la figura del’educatore professionale stesso: l’educatore può operare in ambito di dipendenza da gioco d’azzardo? La risposta mi è arrivata da uno dei massimi esperti italiani di dipendenza da gioco d’azzardo, Mauro Croce. Questi mi ha spiegato che l’educatore è presente e lavora in tale ambito. Così ho seguito l’VIII Convegno Nazionale “Auto aiuto e terapia per i giocatori d’azzardo e le loro famiglie”, dove ho avuto modo di incontrare educatori e psicoterapeuti che hanno presentato studi e materiali utilissimi riguardo al fenomeno. Successivamente ho frequentato un corso di formazione della SIIPAC (Società Italiana di Intervento sulle Patologie Compulsive) sul gioco d’azzardo compulsivo e le new addictions (nuove forme di dipendenza), tenutosi a Roma presso il palazzo sede dell’AAMS (Amministrazione Autonoma Monopoli di Stato).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

goffman
gambling
gioco d azzardo
educatore professionale
sociologia della devianza
roger caillois
ludopatia
dipendenza da gioco d'azzardo
prevenzione gioco d'azzardo
stigma del giocatore d'azzardo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi