Skip to content

Il costume di scena oggetto d'arte e strumento comunicativo nei laboratori didattici della Fondazione Cerratelli

Informazioni tesi

  Autore: Margherita Gagliardi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia dell'arte
  Relatore: Alessandro Tosi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 273

L'oggetto focale della mia tesi verte sui laboratori didattici.
Nello specifico, i primi due capitoli sono un vero e proprio excursus sulla storia della Sartoria Cerratelli di Firenze e sulla Fondazione Cerratelli di San Giuliano Terme con il suo patrimonio storico artistico costituito da 25.000 costumi di scena; il terzo e il quarto si focalizzano sull'importanza della didattica, tema centrale di questo lavoro finale.
Il terzo capitolo fornisce un'attenta campionatura di alcuni musei nazionali e internazionali, strettamente connessi al tessile e al costume (Museo del Tessuto di Prato, Galleria del Costume di Firenze, il Centre National du costume de scène di Moulins) o semplicemente alla conservazione di opere d'arte medievali, moderne, contemporanee (Museo della Grafica di Pisa, Museo Luzzati di Genova, Fondazione Torino Musei, Museo Bambimus di Siena).
È perciò indicato come molti di questi musei abbiano dato alla didattica un ruolo sempre più centrale allo scopo di avvicinare all'arte anche i più diffidenti o i più piccoli. Sono illustrate, anche da un punto di vista critico, le diverse attività che i musei promuovono tenendo conto sia delle loro collezioni sia delle potenzialità che esse possono offrire. L'aspetto innovativo di questa ricerca consiste nell'indagare in maniera approfondita l'attività didattica e laboratoriale che è attività sempre più sviluppata da ogni tipologia di museo.
Il quarto capitolo infine analizza i laboratori didattici promossi dalla Fondazione Cerratelli e formula alcune proposte per una didattica futura, finalizzate alla valorizzazione del patrimonio. Vengono descritti i laboratori svolti durante le mostre dedicate al Maestro genovese Emanuele Luzzati: Lele Luzzati Atto II, Omaggio alla danza (2008-2009) e Lele Luzzati Atto III, Un Mondo di Fiaba (2009-2010). Le proposte teoriche qui formulate per una didattica futura sono dei progetti veri e propri, ipotizzati grazie anche alla mia esperienza all'interno della Fondazione Cerratelli. Queste proposte vengono presentate sotto forma di schedature con apposite voci in modo da dare informazioni più schematiche, sintetiche e immediate e in modo da poter essere consultate da insegnati, genitori e ragazzi direttamente sul sito internet della Fondazione Cerratelli.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Premessa Nell’ottobre del 2006 iniziava il mio percorso formativo Cerratelli, non sapendo che il mio approccio con l’oggetto d’arte e il mio modo di studiare sarebbero progressivamente cambiati; la Fondazione Cerratelli è una realtà, un luogo che affascina, che avvicina persone apparentemente diverse ma unite da una grande passione per il costume di scena. La Fondazione Cerratelli non è propriamente un museo, non si limita a far conoscere il suo patrimonio attraverso mostre, ma è un luogo di formazione per molti studenti, appassionati ed esperti del settore; è uno spazio che accoglie e apre le sue porte a semplici curiosi o a giovani, affascinati dall’ambiente teatrale e cinematografico, che vogliono capire e comprendere in maniera più approfondita un aspetto, come il costume di scena, che può decretare anche il successo o l’insuccesso di un’opera. Ho sicuramente avuto l’occasione di poter fare questa esperienza e la possibilità di imparare attraverso la manualità e oggetti di studio non solo cartacei. Ho pertanto capito la maestria sartoriale e artigianale che vi è dietro ogni costume di scena, le differenze che vi sono tra costume cinematografico e teatrale, tra costume storico o di fantasia, i diversi tipi di tessuti impiegati che possono condizionare anche il movimento degli attori, così come ho potuto vedere e studiare le diverse tecniche di esecuzione e di decorazione. La Direttrice della Fondazione, la Signora Floridia Benedettini, il responsabile dell’Archivio Storico, Diego Fiorini e la Dottoressa Bruna Niccoli, storica del costume dell’Università di Pisa, che collabora dal 2005 alla catalogazione del ricco patrimonio Cerratelli, guidano gli studenti alla scoperta della collezione, alla catalogazione così come all’allestimento di mostre e di set fotografici tenendo conto dei criteri espositivi più idonei. La Fondazione Cerratelli, dal 2005 ad oggi, si è continuamente trasformata acquisendo sempre più valore e importanti riconoscimenti come quello ricevuto dall’Unesco per il volume Monumenta 1 , promuovendo mostre, ospitando corsi universitari o di alta formazione ma anche eventi di livello internazionale come il Costume Colloquium, tributo a Janet Arnold (9 Novembre 2008). Dopo un lungo periodo di tirocinio universitario svolto presso la Fondazione Cerratelli, non potevo non svolgere una Tesi di Laurea Specialistica legata a questa 1 Cfr. Monumenta. I costumi di scena della Fondazione Cerratelli, a cura di C. Sisi, Pisa, Pacini Editore, 2009.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

teatro
musei
didattica
sartoria
costume di scena
cerratelli
abiti di scena
costumi teatrali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi