Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fascino perturbante della sirena: dal mito omerico alla contemporaneità

Il presente lavoro s'incentra sul mito delle sirene, un mito intramontabile che affonda le sue radici nella cultura omerica, per poi irradiarsi fino alla modernità. La sirena, seduttiva per eccellenza, da creatura alata dal timbro irresistibile muta in donna avvenente nella sua interezza,e seduce l'uomo con il suo fisico dirompente.
Dai tempi antichi ad oggi, molti scrittori, intellettuali ed artisti sono ancora irretiti dal suo fascino. Come Licofrone, erudito ellenistico, fino ai moderni Joyce, Kafka, Maria Corti, vittime dello charme della più nota femme fatale di tutti i tempi.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Sirene antiche e moderne Il presente lavoro tenta di esplorare il mito delle sirene, che seduce l’immaginario collettivo sin dalle prime manifestazioni, e ancora oggi continua a farlo, seppur in forme diverse. Creature dall’aspetto ibrido, frutto della sinergia tra l’elemento umano e quello ferino, esse inducono i marinai, con un canto suadente, ad arrestare la navi- gazione. Ma quell’invito cela la morte, e a loro insaputa li priva della gioia del ri- torno. A partire dall’Odissea omerica, che testimonia per prima la loro esistenza, le sirene sono oggetto di studio di eruditi, filologi e grammatici, che ne decifrano le peculiarità e interpretano i racconti su di esse. Portatrici di un fascino intellettuale che muta via via in seduzione fisica, ero- tismo e sensualità, e vede varcarle i confini letterari per imporsi in sfere altre della cultura. Come quella artistica, che sin dai tempi antichi le colloca su vasi e monu- menti funerari, fino ai portali delle chiese romaniche o sulle fontane, ed ancora sui manifesti della belle époque e sulle locandine pubblicitarie. Ma anche le arti mo- derne, quali il cinema e la tv, si lasciano irretire dal loro richiamo, e ne favorisco- no, talvolta, un’integrazione nel mondo umano. Che siano alate o pisciformi, ispirano dunque la letteratura di tutti i secoli, tratta spesso dall’incontro omerico o da quello con Orfeo, ma anche dai continui e numerosi avvistamenti. E se la cultura cristiana ne ostacola il successo e la diffusione, altre culture in tutto il mondo le accolgono, a partire da quella nordica fino a quella oltreoceanica, dove assurgono spesso a simboli e protettrici delle loro terre. Dunque figure universali, che non senza trasformazioni si propagano ovun- que e imprimono un segno indelebile. E forse continueranno per sempre ad osses- sionare l’umanità.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Jessica Tiberti Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4689 click dal 14/03/2014.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.