Skip to content

La gestione dei rifiuti nella più recente evoluzione legislativa

Informazioni tesi

  Autore: Gianmaria Macrì
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Claudio Franchini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 199

Il presente lavoro parte dalla constatazione che l'industrializzazione degli ultimi decenni ha provocato un aumento della produzione dei rifiuti, senza controllo e senza che siano state prese in parallelo, dalle imprese produttrici, i necessari ed essenziali rimedi per evitare quel collasso, come nel territorio campano nell'anno 2010, nella gestione dei rifiuti.
L'imput è arrivato, come spesso accade, dal legislatore europeo che con varie Direttive, tra le quali la 2008/98/CE, ha imposto agli Stati membri una ferrea programmazione nell'ottica di una società "zero – waste" a dispetto di quella del "tutto rifiuto" dove tutto veniva collocato in discarica, obiettivo che in Italia iniziava a prendere forma già con il "Decreto Ronchi" nel 1997.
Proprio le discariche nella nuova disciplina vengono declassificate ad extrema ratio della gestione dei rifiuti; infatti, percorrendo la nuova "gerarchia" nella gestione dei rifiuti, il legislatore, sia europeo che nazionale (il quale ha disciplinato in maniera globale la materia con il D.Lgs. 152/2006 e successive modifiche), prescrive ed incentiva gli operatori del settore a preferire anzitutto la prevenzione nella produzione stessa dei rifiuti o semmai il riutilizzo/riciclo.
Con questo assunto si intende responsabilizzare i produttori stessi, prima che i loro prodotti passino ad essere rifiuti, mediante l'internalizzazione dei costi di smaltimento e la creazione di prodotti riutilizzabili o riciclabili per la maggior parte dei componenti o addirittura biodegrabili.
La gerarchia prosegue includendo: la preparazione per il riutilizzo, il riciclaggio ed il recupero di altro tipo dei rifiuti (pensiamo al recupero sotto forma di energia), ordine che può essere variato solo per specifiche esigenze o flussi di rifiuti senza incorrere in censure.
Lo smaltimento in discarica compare solo quale ultima opzione, difficilmente preferibile alle altre, solo nel caso in cui le operazioni di recupero siano materialmente o economicamente sconvenienti.
Tale modo di gestire i rifiuti deriva principalmente dalla nuova concezione del "rifiuto". Questo è un altro punto focale del lavoro: la nuova concezione del rifiuti ai sensi dell'art. 183 T.U.A. Infatti, il rifiuto non viene più considerato come qualcosa di negativo ed inutile, ma quale risorsa da sfruttare al posto delle materie prime vergini, in modo da abbattere sensibilmente sia i costi di produzione che i connessi costi di smaltimento dei residui.
Dalla prima Direttiva in materia, la 74/442/CE, alla Direttiva 2008/98/CE, la nozione ha subito vari cambiamenti, che la hanno attualizzata ponendo l'accento sull'intenzione di "disfarsi" del detentore e distinguendoli in base al loro livello di pericolosità, di modo che ogni tipo rifiuto abbia una propria disciplina e proprie autorizzazioni con differente complessità. [...]

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE L’analisi del tema oggetto di questo lavoro parte da un dato di fatto: la produzione dei rifiuti a livello globale ha raggiunto dimensioni insostenibili, tali da compromettere sempre più l’ecosistema e la salute umana. La società del consumo in cui oggi viviamo comporta, infatti, la produzione di un numero elevato di rifiuti a causa di eccessivi imballaggi e di tutto il materiale usa e getta che ci circonda. Non vi è processo di consumo o di produzione che non comporti la produzione di scarti; e ciò sembrerebbe il risultato della scienza moderna preoccupata di ricercare e produrre sempre nuovi beni curando poco gli aspetti relativi agli effetti negativi di tale produzione sull’ambiente. A fronte di tale constatazione, e considerando anche i continui disastri ambientali verificatisi in varie parti del nostro territorio, ci si è chiesti se e in quale misura l’impianto normativo che nel corso del tempo ha disciplinato il settore dei rifiuti possa considerarsi “a tenuta” per una reale efficacia della disciplina. A partire dagli anni ottanta infatti, il legislatore, tanto europeo che nazionale, ha cercato di modellare un corpus normativo che rispondesse alle esigenze di migliorare la gestione dei rifiuti per rendere gli stessi riutilizzabili, al fine di evitare catastrofi ambientali irreversibili e cercando al tempo stesso di orientare le coscienze della società civile ad un uso più consapevole delle risorse. Sono proprio questi due momenti gli aspetti principali che interessano la disciplina dei rifiuti come regolata, a livello sovranazionale, dalla Direttiva 2008/98/CE, e nel nostro ordinamento dal D. Lgs. 152/2006 (come successivamente modificato dal D. Lgs. 205/2010) che ha portato alla creazione di un Testo Unico Ambientale in cui sono

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rifiuti
smaltimento
raccolta differenziata
gestione dei rifiuti
discarica
sistri
materie prime secondarie
malagrotta
sottoprodotto
responsabilità civile ambientale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi