Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La "nuova" legittima difesa: la modifica legislativa e le prime applicazioni giurisprudenziali

Quest'Opera analizza la "nuova" legittima difesa, o cd "difesa domiciliare" - introdotta con Riforma del 2006 (L. 59/06) - per verificarne l'effettiva incidenza che ha avuto sul nostro ordinamento giuridico. Nella prima parte dell'Opera, vi è un'analisi storico-comparativa dell'istituto, con la quale si accerterà come la "nuova" legittima difesa italiana era già prevista negli ordinamenti giuridici del passato, ed è tutt'ora presente negli ordinamenti di Civil Law e di Common Law. Infine, a seguito dell'analisi storico-comparativa e dell'analisi dell'istituto "comune" e "nuovo" della legittima difesa italiana, nella parte finale dell'Opera l'Autore propone quale riforma sarebbe stata realmente efficace per ampliare gli attuali confini dell'istituto in esame.

Mostra/Nascondi contenuto.
LEGITTIMA DIFESA NELLA STORIA E NEL DIRITTO COMPARATO CAPITOLO I: LEGITTIMA DIFESA NELLA STORIA E NEL DIRITTO COMPARATO SOMMARIO: Premessa: ragioni di un introduzione storico-comparativa. – 1. Legittima difesa nel diritto romano e nel diritto medievale. – 2. Evoluzione storica dell’istituto: dalle codificazioni preunitarie al codice Rocco. – 3. Legittima difesa nel diritto comparato: alcuni ordinamenti di Civil Law e di Common Law Premessa: ragioni di un introduzione storico-comparativa L’introduzione della “nuova” legittima difesa nel nostro ordinamento penale con Legge 13 febbraio n. 59 del 2006 è stato il risultato e la conseguenza di incessanti richieste provenienti da commercianti e privati cittadini, i quali “pretendevano” un ulteriore strumento di tutela, rispetto quello offerto dalla legittima difesa “comune”, contro il dilagare di determinati fenomeni delittuosi quali rapine in esercizi commerciali e furti d’appartamento, spesso posti in essere con modalità violente ed efferate. Prima di analizzare nello specifico l’istituto in esame, oggetto tra l’altro di dibattiti a livello dottrinale e giurisprudenziale, nonchØ vedere in concreto come e in quali ipotesi esso risulta essere stato applicato dalla giurisprudenza, è opportuno soffermarci su alcuni aspetti storico-comparatistici. In tal senso porremo l’accento sull’evoluzione storica dell’istituto, muovendo l’analisi dal diritto romano e giungendo sino all’attuale configurazione della legittima difesa nell’ordinamento penale italiano, passando dagli ordinamenti di mezzo e dalle codificazioni ottocentesche, per poi accingerci ad effettuare un’analisi comparata della scriminante con alcuni tra i piø importanti ordinamenti giuridici penali di Civil Law e di Common Law. Siffatta indagine avrà il fine di verificare, in primo luogo, se la nuova legittima difesa introdotta nel nostro

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Manuel Mattia Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1727 click dal 21/03/2014.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.