Skip to content

La responsabilità precontrattuale nei contratti della Pubblica Amministrazione

Informazioni tesi

  Autore: Maria Carmen Agnello
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Carmelo Lazzara
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 333

La tesi espone le linee essenziali della responsabilità precontrattuale della pubblica amministrazione, oggetto di un’evoluzione normativa e di un dibattito dottrinario e giurisprudenziale. Sebbene il dogma delle immunità statali per illecito civile è stato scardinato dalla dottrina e giurisprudenza, nel nostro ordinamento non esiste, a differenza di altri ordinamenti,una normativa inerente la responsabilità civile della Pubblica amministrazione. Tale vulnus impone all’interprete di affrontare questioni attinenti all’adattamento della disciplina di diritto comune all’attività amministrativa ed all’accertamento dell’illecito compiuto da quest’ultima. La maggiore difficoltà riguarda l’estensione della disciplina sulla responsabilità precontrattuale alla pubblica amministrazione nelle ipotesi di culpa in contrahendo.
Il primo orientamento degli anni 50 della giurisprudenza e dottrina ha escluso la configurabilità di una responsabilità precontrattuale della pubblica amministrazione per ragioni di ordine sostanziale e processuale.
L’applicazione estensiva del principio di correttezza e buona fede nella formazione del contratto, oggetto di una riflessione giurisprudenziale dagli anni ’60 ha riconosciuto una responsabilità della P.A. per inosservanza delle disposizioni di legge o di regolamento, che prescrivono determinate modalità di comportamento e delle regole di diligenza e prudenza.
La dottrina civilistica e giuspubblicistica dagli anni ’60, ha superato l’opinione dell’insindacabilità del comportamento dell’amministrazione nella fase delle trattative attraverso un’analisi critica dell’attività svolta ed un esame delle forme di responsabilità imputabili. Su tale scia, il principio del neminem laedere è stato applicato nei confronti dell’Amministrazione e si è avviata una progressiva apertura alla tutela di interessi in precedenza irrisarcibili, retaggio di un’arcaica visione del rapporto cittadino e amministrazione.
In particolare, secondo l’orientamento espresso da autorevole dottrina e confermato dalla giurisprudenza, nei rapporti contrattuali con i privati l’Amministrazione non si presenta come autorità amministrativa, ma come “soggetto di diritto comune” e come tale l’accertamento giudiziale riguarda il comportamento, quale “corretta contraente”, a cui si applicano le norme del codice civile comprese quelle sulla responsabilità precontrattuale.
La deroga più rilevante della sovranità pubblicistica della P.A. è individuata dalla giurisprudenza, nell’ipotesi culpa in contrahendo, consistente nell’interruzione senza giusto motivo, in una fase procedimentale precedente all’aggiudicazione della gara.
Quanto all’assunto secondo cui l’Amministrazione nel condurre le trattative del contratto esercita un potere discrezionale insindacabile dal giudice ordinario, in base alle legge fondamentale del 1865 n.2248 allegato E, si obietta che non si accerta la scelta del mezzo adoperato, ma l’esercizio secondo il principio di buona fede espresso dall’art. 1337 c.c. ed a tutela dell’affidamento dei privati alla conclusione del contratto.
Le questioni relative alla responsabilità della P.A. hanno assunto una dimensione sovra nazionale. Al fine di superare la disomogeneità dell’azione pubblica e garantire l’attuazione del mercato unico europeo, le direttive comunitarie sugli appalti e le leggi di attuazione, hanno attribuito una maggiore importanza alla concorrenza e trasparenza, nell’interesse delle stazioni appaltanti e delle imprese alla massima partecipazione alle procedure ad evidenza pubblica, rispetto alla corretta formazione della volontà contrattuale e della gestione delle risorse finanziarie pubbliche.
Il legislatore europeo ha rilevato nella carenza di strumenti di tutela un elemento dissuasivo alla partecipazione alle gare tra amministrazioni di altri paesi membri. A tale stregua, sono stati uniformati i mezzi di tutela con la determinazione di una soglia minima comprensiva dei rimedi risarcitori. La direttiva ricorsi ha previsto l’obbligo agli Stati membri di rafforzare i rimedi giurisdizionali di annullamento, cautelari e risarcitori per il danno procurato da una decisione illegittima.
L’attività legislativa nazionale ed europea, della dottrina e giurisprudenza, per un verso ha consentito di superare alcune questioni giuridiche di rilievo, per altro verso non è riuscita a superare delle criticità in tale contesto dei contratti della pubblica amministrazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La responsabilità precontrattuale consegue alla violazione del dovere di buona fede, al quale deve essere improntato il comportamento delle parti nella fase di svolgimento delle trattative e di formazione del contratto. Gli articoli 1337 – 1338 cod.civ., che disciplinano tale responsabilità operano in funzione di tutela delle aspettative deluse. Il primo, si riferisce alla fase anteriore nella quale le parti instaurano una trattativa volta a determinare i termini per la conclusione della operazione economica. Nel secondo articolo è sempre tutelato l’affidamento, ma questa volta nella validità del contratto, presupponendosi una fattispecie contrattuale, già conclusa. In base all’art.1338 la parte che conoscendo o dovendo conoscere l’esistenza di una causa d’invalidità del contratto, non ne ha dato notizia all’altra parte, è tenuta a risarcire il danno da questa risentito per aver confidato senza sua colpa nella validità

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

risarcimento del danno
responsabilità precontrattuale
tutela giurisdizionale
evoluzione normativa europea
evoluzione dottrinaria e giurisprudenziale
contratti pubblica amministrazione
applicazione art. 1337. c.c.- principio buona fede
ipotesi tipiche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi