Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La riorganizzazione della Guardia di Finanza nel secondo dopoguerra (1945-1950): aspetti e problemi.

Al termine della seconda guerra mondiale tutto l’apparato amministrativo italiano era in ginocchio, prostrato da una grave crisi materiale e morale che, del resto, aveva investito l’intera società civile.
Tra le gravi difficoltà del momento, i governanti ed i vertici delle varie branche della pubblica amministrazione iniziarono da subito l’opera di ricostruzione.
Le forze di polizia furono investite di un compito particolarmente gravoso in quella situazione di rovina diffusa: affermare l’autorità dello stato.
Come poter operare e contribuire alla rifondazione della patria se prima non si era ricostituito il proprio apparato? Questo duplice aspetto del problema afflisse i responsabili delle varie forze di polizia.
Ancora più gravosa fu la situazione per la Regia Guardia di Finanza, la quale, oltre ai compiti di polizia di sicurezza per il mantenimento dell’ordine pubblico, dové provvedere alla salvaguardia ed alla tutela della finanza pubblica.
Lo scopo di questa ricerca si rivolge proprio al corpo di polizia finanziaria italiano.
Nei capitoli che seguono analizzeremo, dopo un breve excursus storico, come la Guardia di Finanza si riorganizzò nell’immediato dopoguerra. L’esame diretto di decine di documenti inediti ha consentito di indagare sul nostro specifico argomento e dare un carattere di originalità all'opera.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE. Al termine della seconda guerra mondiale tutto l’apparato amministrativo italiano era in ginocchio, prostrato da una grave crisi materiale e morale che, del resto, aveva investito l’intera società civile. Tra le gravi difficoltà del momento, i governanti ed i vertici delle varie branche della pubblica amministrazione iniziarono da subito l’opera di ricostruzione. Le forze di polizia furono investite di un compito particolarmente gravoso in quella situazione di rovina diffusa: affermare l’autorità dello stato. Come poter operare e contribuire alla rifondazione della patria se prima non si era ricostituito il proprio apparato? Questo duplice aspetto del problema afflisse i responsabili delle varie forze di polizia. Ancora più gravosa fu la situazione per la Regia Guardia di Finanza, la quale, oltre ai compiti di polizia di sicurezza per il mantenimento dell’ordine pubblico, dové provvedere alla salvaguardia ed alla tutela della finanza pubblica.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Pietro Insalata Contatta »

Composta da 195 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4505 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.