Skip to content

Giocare con le macchine. Ludicità e interazione uomo-macchina nell'era informatica

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Bory
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Teorie della Comunicazione
  Relatore: Giuseppe Ortoleva
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 146

Questo lavoro trae spunto da contributi provenienti da ambiti di studio diversificati. In alcuni casi si tratta di prospettive diametralmente opposte o apparentemente incompatibili. La ragione alla base di questa scelta multidisciplinare risiede nella necessità di trarre spunto da quante più correnti di pensiero possibili per avvicinarsi ad un nucleo comune dell'oggetto "gioco", ad un possibile incastro tra differenti sistemi di pensiero. Eventuali congruenze tra la teoria del gioco e le più recenti teorie sociologiche sul ruolo della tecnologia informatica nelle dinamiche d'interazione sociale e tecnologica possono far emergere una prospettiva di indagine sui mutamenti e le pratiche socialmente condivise che contraddistinguono la nuova sfera mediatica digitale.
Più che di gioco infatti in queste pagine si parlerà del "giocare". La scelta è dettata dal bisogno di partire dalla pratica ludica per comprenderne la materia: perché è nel giocare, e quindi attraverso l'attività del giocatore, che viene attribuito un senso ad un determinato tipo di gioco. In questo lavoro verranno affrontate tre tematiche principali connesse al attività ludica:

1) Nel primo capitolo verrà approfondito il rapporto tra ludicità e tecnica in relazione ai processi di diffusione e addomesticamento della tecnologia computazionale.

2) Il secondo capitolo è incentrato sul legame tra tecnologia informatica e ludicità nelle pratiche del quotidiano e sugli effetti derivanti dalla diffusione delle tecnologie mobili, e dei software ludici ad esse dedicati, sulle categorie spazio-temporali ipotizzate dalla teoria del gioco del ventesimo secolo.

3) Il terzo e il quarto capitolo sono dedicati all'interazione ludica all'interno degli spazi condivisi in rete, in particolare sulle piattaforme social, e le conseguenti ripercussioni di queste forme d'interazione sulla percezione del sé e della sfera sociale condivisa.

Nei due confronti in appendice si è cercato di approfondire il tema della ludicità con figure provenienti dallo stesso ambito di studi. La principale differenza tra gli studiosi intervistati risiede nel loro differente interesse per la ludicità. Con Antonio Casilli si è sviluppato un dialogo su una possibile relazione tra il suo lavoro sulla socialità in rete e la pervasività di dinamiche ludiche in rete. Con Gianfranco Pecchinenda è stata tentata una riesamina dei mutamenti in ambito ludico avvenuti dopo la pubblicazione dei suoi principali lavori sulla ludicità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
IL GIOCO È UNA COSA SERIA Trattare il tema del gioco in relazione allo sviluppo della tecnologia informatica significa in primo luogo confrontarsi con la profonda complessità della materia ludica. Il termine stesso gioco non ha ancora trovato, e probabilmente non troverà mai, una sua definizione pienamente esaustiva. Infatti nonostante la ludicità sia senza alcun dubbio parte integrante del sistema di bisogni essenziali per la specie umana, la sfera ludica e il gioco si distinguono principalmente per la loro caratterizzazione soggettiva. Ogni individuo ha una propria idea di cosa sia realmente gioco e cosa no, e tale percezione deriva inevitabilmente dall'esperienza personale: i ricordi d'infanzia, le emozioni provocate da un giocattolo, l'inclinazione personale verso determinate attività piuttosto che per altre sono tutte variabili che determinano la prospettiva ludica di ogni individuo. Non è inoltre un caso che la maggior parte delle analisi sul gioco provenga dalla branca degli studi di pedagogia e psicologia infantile. I bambini sono indiscutibilmente i padroni e i migliori maestri della materia ludica. Ma per quanto questi maestri possano insegnarci molto sul gioco, essi non potranno mai, prima di tutto per ovvie ragioni di incomunicabilità, dirci abbastanza. Il vero significato della parola gioco e delle attività che coinvolge è quindi un primo grande ostacolo da affrontare. Per questa ragione sarebbe uno sbaglio, in un lavoro incentrato sulla ludicità, esimersi da una presa di coscienza su quello che potremmo definire il principio di indeterminazione dell'oggetto gioco, ovvero il presupposto per cui, come ha sostenuto Eugen Fink: " Quanto più ci si sforza di riflettere sul gioco, tanto più questo sembra diventare enigmatico e problematico." 2 2 Fink E., Oasi del gioco, Raffaello Cortina, Milano 2008. Cit. p. 27. 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi