Skip to content

L'eccellenza nell'ISD ponderata dalla competitività del sistema regionale: il caso "Sardegna - Umbria" - Una proposta di modello per l'analisi statistica su base territoriale: "ISCGR"

Informazioni tesi

  Autore: Pierluigi Ariu
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Manageriale
  Relatore: Alessandro Spano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 172

Questo lavoro fu ideato e sviluppato nell’ambito dell’esperienza svolta come tirocinante presso l’Osservatorio Economico (OE), Ex-Agenzia Governativa Regionale, soppressa nel Febbraio 2011.
L'OE era l'organo tecnico-specialistico della Regione Sardegna in materia di elaborazione statistica e in tale veste svolgeva le attività di rilevazione, analisi, diffusione e archiviazione dei relativi dati. Ad esso era affidata in via esclusiva la responsabilità di curare i rapporti con l'ISTAT e con gli altri organi del Sistema Statistico Nazionale (SISTAN).
Dal 1991 l'OE svolgeva una costante attività di produzione di studi e lavori di ricerca in ambito statistico ed economico; tra questi la Pubblicazione annuale “Imprese guida in Sardegna” che, dal 2007, presentava anche una graduatoria delle imprese c.d. “eccellenti”.
Tale Pubblicazione propone i benchmark delle imprese regionali emersi dall’applicazione del modello d’analisi statistica multivariata ISD (Indice Sintetico di Dinamicità), ideato e implementato all’interno dello stesso OE già dal 2002.
L’ISD è uno strumento volto ad esprimere un giudizio qualitativo (c.d. Livelli di Bontà della Gestione) sull’attitudine delle imprese sarde a distinguersi per alti livelli di performance nella gestione aziendale.
Il modello associa le suddette valutazioni qualitative a un indice quantitativo di sintesi (c.d. ISD), calcolato come combinazione lineare di sei indici di bilancio.
Pertanto, l’ISD e la relativa Pubblicazione sono strumenti d’analisi volti a misurare e ordinare in un ranking le performance delle imprese sarde sulla base dei relativi record di bilancio, offrendo così ai vari stakeholder un report annuale sulla competitività del tessuto economico-produttivo della Regione.
Tuttavia, prima della suddetta sopressione, all’interno dell’OE era stato scelto come obiettivo per il futuro quello di porre le basi per un’evoluzione dell’ISD, in modo tale che, sulla traccia di altri lavori d’analisi su base territoriale, già pubblicati a livello nazionale e internazionale, si giungesse alla costruzione di un indice più articolato e in grado di fornire uno spaccato più ampio della competitività regionale (capace di considerare anche dati tipicamente extra-contabili, quali del tipo infrastrutturali, socio-economici, ambientali, materiali e immateriali), soprattutto allo scopo di configurare per i policy maker scenari propedeutici a politiche di sviluppo.
Dato l’obiettivo, il presupposto iniziale del Tirocinio, nonché di questa Tesi, fu quello di offrire un contributo, secondo un approccio tipicamente manageriale/aziendalista, alla ricerca, all’analisi e alla selezione d’indicatori riconducibili alle suddette tipologie.
Tuttavia, durante il lavoro di ricerca bibliografica, per via delle conseguenti riflessioni e analisi, l’autore di questa Tesi ha ritenuto metodologicamente impraticabile l’obiettivo d’implementare un unico indice in grado di valutare simultaneamente la bontà della gestione delle imprese sarde e le condizioni ambientali del territorio in cui esse operano; ciò avrebbe comportato infatti la necessità di confondere in unica stima la valutazione dell’oggetto di calcolo originario nell’ISD (ossia le performance gestionali delle imprese sarde) con la valutazione del contesto dal quale il dato stesso è stato estrapolato (la competitività della Regione); contesto che, riguardando parimenti tutte le imprese indagate, non può influenzarne le performance se non in egual misura.
Riconsiderando infine i limiti imposti dalle metodologie adottate nei vari modelli studiati rispetto all’obiettivo prefissato in questa Tesi, piuttosto che modificare la struttura dell’ISD, si è ritenuto più opportuno procedere alla creazione di un nuovo e distinto modello, costruito ad hoc e focalizzato sull’analisi della competitività dei territori regionali, da applicare exante ed in maniera propedeutica a neutralizzare i punti di debolezza intrinsecamente connessi con la natura dell’ISD.
In tal modo fu possibile stilare un ranking sulla competitività relativa generale delle Regioni italiane e giungere all’individuazione di quella che, presentando condizioni socio-economiche ed ambientali simili alla Sardegna, si prestasse favorevolmente a un confronto con la stessa. Una volta individuato il territorio simile è stato possibile applicare l’ISD a un contesto più ampio, così da produrre un giudizio sulla gestione delle imprese sarde implicitamente misurato dalla competitività relativa della Regione stessa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Nel primo capitolo del presente lavoro verrà esposta la descrizione del modello ISD, con particolare attenzione ai limiti dello stesso; nel secondo verrà presentata una rassegna dei principali modelli (e relativi indicatori) per la valutazione della competitività su base territoriale tra quelli rintracciati in letteratura. Nel capitolo terzo verrà proposto un modello d’analisi della competitività dei territori regionali nazionali costruito ad hoc per i fini principali della tesi e derivato sulla base dei suddetti; infine, nell’ultimo capitolo, applicando il modello ISD, verrà effettuata un’analisi comparata tra le imprese sarde e quelle operanti nella regione italiana che, a partire dalle valutazioni emerse dall’applicazione del modello di cui al capitolo terzo, più di ogni altra presenta caratteristiche di competitività simili a quelle della Sardegna. Quest’ultima parte del lavoro sarà dunque finalizzata ad osservare quante e quali imprese, tra quelle che venivano considerate “eccellenti” rispetto al solo contesto territoriale sardo, sono in grado di mantenere tale livello di performance di fronte al benchmarking con le imprese operanti in un contesto territoriale caratterizzato da condizioni simili.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

statistica multivariata
modelli d'analisi statistica su base territoriale
indicatori quantitativi e qualitativi
competitività regionale
eccellenza nella gestione d'impresa
benchmarking
marketing territoriale
istat
eurostat
dati contabili
isd indicatore sintetico di dinamicità
dati materiali
extra-contabili
osservatorio economico
dati immateriali
dati socio-economici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi