Skip to content

Produttività e protezione del lavoro in Italia: problemi e prospettive

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Crimi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e management
  Relatore: Lorenzo Carbonari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 43

L’attuale crisi economica, che si è manifestata nel mondo a partire dal 2008 e non ancora terminata, ha messo a dura prova le economie di tutti i paesi, soprattutto quelli dell’area euro. Tuttavia, il biennio 2011/2012 ha conosciuto un’inversione di tendenza di alcuni Stati, il cui PIL è ritornato ad avere una crescita sostenuta, con l’eccezione di altre nazioni che avevano problemi, anche strutturali, che si portavano dietro già prima della crisi: tra tutti ricordiamo l’Italia.
La nostra Penisola, in realtà, non solo si trova in uno stato economico di affanno, ma è stato addirittura proclamato lo stato di recessione: crescita zero, debito pubblico alle stelle, disoccupazione con tassi da record. Il governo Monti sta cercando di risollevare il paese e intentando di trovare soluzioni che riportino il livello di welfare vicino a quello degli altri paesi sviluppati. La parola d’ordine è riforma! Tra le più discusse, c’è quella riguardante la riforma del mercato del lavoro, come mezzo per riportare un livello di produttività soddisfacente per raggiungere il benessere sociale.
Il mercato del lavoro è già stato oggetto di riforme da parte dei governi precedenti per cui possiamo ricordare il pacchetto Treu (1997) o la riforma Biagi (2003). Tali riforme erano indirizzate ad adeguarsi alle direttive europee decise nella Strategia di Lisbona del 2000 dove si richiedeva la cosiddetta flexicurity, un connubio tra liberalizzazione del mercato del lavoro e sicurezza sociale.
La legislazione sulla protezione del mercato del lavoro italiano è sempre stato molto rigoroso a livello europeo e mondiale; costi per i licenziamenti elevati, presenza di costi impliciti dell’impiegato, esistenza di molte tutele per il lavoratore e di clausole per il rinnovo e per la proroga del contratto a termine e per la lettera di assunzioni. Le norme italiane erano piene di procedure che rallentavano il turnover dei lavoratori e la diffusione dei contratti atipici. Per studiare le differenze tra i paesi dell’Unione Europea a 15, ci siamo serviti del grado di rigore della legislazione sulla protezione del lavoro, chiamato comunemente EPL (employment protection legislation), norme che regolano l’assunzione e il licenziamento. L’EPL è nato per proteggere i lavoratori e aumentare la stabilità lavorativa, riducendo la distruzione di posti di lavoro. Adesso, invece, viene visto come un ostacolo all’efficienza e, quindi, alla produttività.
Per contro, i dati teorici e empirici ci illustrano che la flessibilità del mercato del lavoro non basta, perché senza nessuna sufficiente sicurezza sociale e senza la liberalizzazione del mercato dei beni, i risultati non saranno soddisfacenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione L’attuale crisi economica, che si è manifestata nel mondo a partire dal 2008 e non ancora terminata, ha messo a dura prova le economie di tutti i paesi, soprattutto quelli dell’area euro. Tuttavia, il biennio 2011/2012 ha conosciuto un’inversione di tendenza di alcuni Stati, il cui PIL è ritornato ad avere una crescita sostenuta, con l’ eccezione di altre nazioni che avevano problemi, anche strutturali, che si portavano dietro già prima della crisi: tra tutti ricordiamo l’Italia. La nostra Penisola, in realtà, non solo si trova in uno stato economico di affanno, ma è stato addirittura proclamato lo stato di recessione: crescita zero, debito pubblico alle stelle, disoccupazione con tassi da record. Il governo Monti sta cercando di risollevare il paese e intentando di trovare soluzioni che riportino il livello di welfare vicino a quello degli altri paesi sviluppati. La parola d’ordine è riforma! Tr a le più discusse, c’è quella riguardante la riforma del mercato del lavoro, come mezzo per riportare un livello di produttività soddisfacente per raggiungere il benessere sociale. Il mercato del lavoro è già stato oggetto di riforme da parte dei governi precedenti per cui possiamo ricordare il pacchetto Treu (1997) o la riforma Biagi (2003). Tali riforme erano indirizzate ad adeguarsi alle direttive europee decise nella Strategia di Lisbona del 2000 dove si richiedeva la cosiddetta flexicurity, un connubio tra liberalizzazione del mercato del lavoro e sicurezza sociale. Le linee guida dell’accordo europeo hanno l’obiettivo di influenzare la qualità e la quantità delle opportunità di lavoro e di avere effetti sul tasso di occupazione e disoccupazione. Inoltre lo scopo principale è quello di incentivare la produttività per essere competitivi in un mercato sempre più globale e concorrenziale. La legislazione sulla protezione del mercato del lavoro italiano è sempre stato molto rigoroso a livello europeo e mondiale; costi per i licenziamenti elevati, presenza di costi impliciti dell’impiegato, esistenza di molte tutele per il lavoratore e di clausole per il rinnovo e per la proroga del contratto a termine e per la lettera di assunzioni. Le norme italiane erano piene di procedure che rallentavano il turnover dei lavoratori e la diffusione dei contratti atipici. Per studiare le differenze tra i paesi dell’Unione Europea a 15, ci

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

lavoro
protezione
italia
produttività
flexicurity
mercato flessibile
produttività del lavoro
sylos labini
epl
protezione del lavoro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi