Skip to content

L'abuso sessuale nelle persone disabili

Informazioni tesi

  Autore: Lelio Bizzarri
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master Esperienziale in Gestalt Counseling
Anno: 2006
Docente/Relatore: Anna Capponi
Istituito da: Scuola Superiore Europea di Counseling Professionale ASPIC
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 75

L’abuso fisico, psicologico e sessuale ha conseguenze che possono essere devastanti dal punto di vista psicopatologico. Tali conseguenze variano molto a seconda delle modalità con cui esso viene perpetrato sulla vittima. Ha conseguenze più gravi se è reitereato negli anni, se viene accompagnato da comportamenti violenti da parte del molestatore e, infine, se incontra il silenzio e l’indifferenza delle persone che stanno intorno alla vittima. In particolare l’abuso sessuale perpetrato da un padre nei confronti della figlia oltre ad essere la più frequente forma di abuso è anche la più odiosa sia per il tipo di relazione che intercorre tra aggressore e vittima sia perchè molto spesso è agevolato dall’omertà e dal silenzio degli altri familiari, in particolare la madre.
Relativamente allo specifico delle persone disabili, possiamo affermare che l’idea secondo la quale le persone potratrici di handicap siano in qualche modo escluse dal rischio di subire abusi è soltanto un mito, dato che in realtà esso, in questa popolazione, ricorre molto più frequentemente che nella popolazione delle persone che non hanno handicap.
L’incidenza maggiore è spiegata da diversi fattori che rendono le persone disabili molto più vulnerabili all’abuso: l’isolamento sociale, l’educazione che spesso li porta a reprimere la loro capacità di essere assertivi, la mancanza di educazione sessuale, la scarsa considerazione riservata alle testimonianze delle persone con ritardo mentale relativamente agli abusi subiti. Altri fattori sono da individuare nella ricerca di soluzioni al bisogno di sessualità delle persone con handicap che ha creato il mito della legittimità del rapporto sessuale tra genitori e figli disabili nonchè nella diffusione del fenomeno del devotismo. Fenomeno che tra le altre cose implica che sotto una relazione genuina e sincera si celi in realtà una sorta di feticismo per i deficit e le menomazioni. Un inganno così odioso che può essere vissuto come una forma di abuso sessuale.
Alla luce di queste evidenze empiriche è necessario riconsiderare le ipotesi circa i comportamenti devianti e psicopatologici che si possono riscontrare in alcune persone con handicap e che vengono quasi sempre ritenuti sintomi sindrome-specifici.
Per prevenire l’abuso e le sue conseguenze, è importante creare servizi che diano contemporaneamente informazioni di educazione sessuale alle persone disabili, ai loro familiari e agli operatori. Ma questo processo di educazione sessuale è inscindibile dall’elaborazione dei vissuti emotivi legati alla disabilità e alla sessualità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo I - L’abuso sessuale: un inquadramento teorico. § 1.1 Le definizioni. Si definisce abuso sessuale infantile ogni attività sessuale in cui viene coinvolto un minore incapace di un libero e cosciente consenso (Petruccelli, 2002). Si concretizza, quindi, una situazione di abuso sessuale su minore ogni volta che:  Un/a bambino/a sia sfruttato/a per la gratificazione di un adulto;  Ogni volta che il minore non sia libero di scegliere se intraprendere attività sessuali con l’adulto a causa di una rilevante differenza di età o a causa del ruolo che ricopre l’adulto e per l’autorità che viene conferita da tale ruolo;  Ogni volta che l’adulto sia una persona che ha un ruolo significativo nell’ambiente familiare del minore. Non è quindi necessaria la violenza e la coercizione ottenuta con la forza fisica perché si concretizzi una situazione di abuso. D’altra parte un quadro di “violenza generalizzata” è spesso associato e concorre a determinare, come vedremo nei prossimi capitoli, il quadro psicopatologico che potenzialmente può sviluppare la vittima. Tale quadro di abuso comprende sia gli atti, fisici, psichici e sessuali subiti dalla vittima, sia le carenze di cure che minano lo sviluppo fisico, psicologico e intellettivo del minore stesso. Secondo Montecchi le forme di abuso possono essere le seguenti:  Abuso fisico (maltrattamenti e violenze fisiche);  Abuso psicologico: omissione di attenzioni, insulti, atteggiamenti denigratori e svalutanti;  Trascuratezza e incuria;  Ipercura: il caso più eclatante è la Sindrome di Munchausen per Procura che consiste nell’intenzionale simulazione da parte del genitore di sintomi nel bambino o addirittura nell’induzione di sintomi reali attraverso la somministrazione di sostanze

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi