Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dallo scarabocchio alla scrittura. Strumenti e metodi per insegnare a scrivere

Il discorso riguardo la scrittura e la capacità di imparare il gesto grafico nasce da tempi molto antichi, che risale a 35.000 di anni fa, in cui l’uomo primitiva utilizzava forme pittoriche per comunicare. Scrivere è un’arte antichissima: il primo alfabeto a noi conosciuto, risale al 2000 a.C. a Ugarit, in Siria; da questo nasce l’alfabeto fenicio e quello greco, che raggiunse l’Italia soprattutto per motivi economici. Ancora oggi, la grafia manuale rappresenta il mezzo di espressione scritta più utilizzato nelle scuole e in diverse situazioni quotidiane. Oggi la scrittura viene considerata la parte finale di un lungo percorso che inizia con l’apprendimento del bambino a migliorare le proprie capacità manipolatorie attraverso il gioco e il disegno. Nelle fasi iniziali in cui il bambino disegna, egli inizia a prendere confidenza con lo strumento grafico, quale matita, penna o pennarelli, e migliora le proprie abilità fino-motorie. Il disegno nasce da uno scarabocchio, inizialmente molto confuso, fatto da linee e tratti che nascono dal piacere di eseguire un movimento con la mano e da lasciare un’impronta di sé. Questo primo gesto grafico è un movimento spontaneo e naturale che esprime il piacere del movimento, di esplorare e di vincere una resistenza. Col tempo e con l’esperienza, uno scarabocchio diventerà una forma ricca di significato e intenzionalità, in cui il bambino ha impiegato le sue forze e capacità manipolatorie. Il bambino raggiunge una buona capacità manipolatoria e riesce a distinguere il disegno dai segni grafici: egli deve riuscire a comprendere che nella scrittura non è presente nessuna relazione figurale con l’oggetto e che nello scritto i segni tracciati sul foglio non riproducono iconicamente l’oggetto. E’ solo allora che si potranno introdurre attività per apprendere a scrivere. Questo è tutto ciò che riguarda i primi due capitoli, in cui si è preso spunto da diversi studiosi quali Oliveiro Ferraris, Luquet, Dewey, Montessori, Kellogg e gli studi di Ferreiro e Teberosky i quali hanno dato un importante contributo allo studio dell’apprendimento della scrittura, partendo da un’iniziale fase che è il disegno. Nel terzo capitolo si introduce l’apprendimento della scrittura vero e proprio, anche se sin da piccolo il bambino tenta di copiare le scritte degli adulti ed è continuamente a contatto con varie scritte che si trovano intorno a lui. Ma è dai sei anni che il bambino ha la vera capacità di scrivere, perché ha sviluppato un buon numero di capacità manipolatorie e di coordinazione del proprio corpo. Rispetto alle indicazioni del 1985 e quelli successivi, le indicazioni del 2012 mostrano come la scuola ha l’interesse nel dare importanza e spazio alla crescita personale, a valorizzare le differenze di ciascun bambino e le loro qualità. Se l’apprendimento della scrittura risulta un’impresa ardua per tutti i bambini, lo è ancora di più per tutti quei bambini che, o per carenza di prerequisiti, o per difficoltà e lentezza nell’apprendere, non riescono a superare da soli le difficoltà iniziali. Questo è l’argomento del quarto capitolo nel quale si tratta un tema molto importante, ossia le varie difficoltà che un bambino può riscontrare e che può mettere in difficoltà l’apprendimento del gesto grafico, quali dislessia, disgrafia, disortografia e disprassia. Questi disturbi di apprendimento indicano problemi legati alle difficoltà nell’acquisizione di abilità di comprensione del linguaggio orale, espressione linguistica, lettura, scrittura, ragionamento.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il discorso riguardo la scrittura e la capacità di imparare il gesto grafico nasce da tempi molto antichi, che risale a 35.000 di anni fa, in cui l’uomo primitiva utilizzava forme pittoriche per comunicare. Scrivere è un’arte antichissima: il primo alfabeto a noi conosciuto, risale al 2000 a.C. a Ugarit, in Siria; da questo nasce l’alfabeto fenicio e quello greco, che raggiunse l’Italia soprattutto per motivi economici. L’insegnamento della scrittura nell’antichità era previsto per i bambini di commercianti e artigiani per uno scopo pratico, legato a un futuro lavoro. Anche a Roma, soprattutto le famiglie nobili, affidavano il proprio figlio ad un pedagogo per imparare a leggere, a scrivere e a fare i calcoli. Ancora oggi, la grafia manuale rappresenta il mezzo di espressione scritta più utilizzato nelle scuole e in diverse situazioni quotidiane. Oggi la scrittura viene considerata la parte finale di un lungo percorso che inizia con l’apprendimento del bambino a migliorare le proprie capacità manipolatorie attraverso il gioco e il disegno. Nelle fasi iniziali in cui il bambino disegna, egli inizia a prendere confidenza con lo strumento grafico, quale matita, penna o pennarelli, e migliora le proprie abilità fino-motorie. Il disegno nasce da uno scarabocchio, inizialmente molto confuso, fatto da linee e tratti che nascono dal piacere di eseguire un movimento con la mano e da lasciare un’impronta di sé. Questo primo gesto grafico è un movimento spontaneo e naturale che esprime il piacere del movimento, di esplorare e di vincere una resistenza. Col tempo e con l’esperienza, uno scarabocchio diventerà una forma ricca di significato e intenzionalità, in cui il bambino ha impiegato le sue forze e capacità manipolatorie. Il bambino raggiunge una buona capacità manipolatoria e riesce a distinguere il disegno dai segni grafici: egli deve riuscire a comprendere che nella scrittura non è presente nessuna relazione figurale con l’oggetto e che nello scritto i segni tracciati sul foglio non riproducono iconicamente l’oggetto. E’ solo allora che si potranno introdurre attività per apprendere a scrivere. Questo è tutto ciò che riguarda i primi due capitoli, in cui si è preso spunto da diversi studiosi quali Oliveiro Ferraris, Luquet, Dewey, Montessori, Kellogg e gli studi di Ferreiro e Teberosky i quali hanno dato un importante contributo allo studio dell’apprendimento della scrittura, partendo da un’iniziale fase che è il disegno. Nel terzo capitolo si introduce l’apprendimento della scrittura vero e proprio, anche se sin da piccolo il bambino tenta di copiare le

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Eleonora Puddu Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5325 click dal 17/04/2014.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.