Skip to content

Le garanzie dell'imparzialità e del buon andamento della pubblica amministrazione. Riflessioni sul principio dell'obbligo di motivazione dell'atto amministrativo, della partecipazione del cittadino al procedimento amministrativo (il contraddittorio) e della separazione della politica dall'amministrazione.

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Leonardi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Maria Alessandra Sandulli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 362

In una fase di riforma del sistema amministrativo, sembra opportuno indagare i princìpi dell'imparzialità ed del buon andamento della pubblica amministrazione, il cui perseguimento è garantito attraverso l'attuazione di princìpi che la l. n. 241/90 ha avuto il merito di riunire nel medesimo testo normativo. Tra i più importanti ci si è soffermati sull'obbligo di motivazione dell'atto amministrativo, nel tentativo di rendere più trasparente e quindi democratica l'attività della pubblica amministrazione, pur non mancando aspetti problematici su cui ci si soffermerà. Meritevole di attenzione si presenta anche il principio della partecipazione del cittadino al procedimento amministrativo nel tentativo di dare vita ad una sorta di coamministrazione tra amministratore ed amministrato, pur discutendo sulle modalità di attuazione di una simile partecipazione, spesso sacrificata dal legislatore in virtù di una decantata celerità delle procedure non sempre concretizzata. Infine, merita qualche cenno l'annosa questione della separazione della politica dall'amministrazione la cui commistione ha fatto scrivere spiacevoli pagine della storia italiana.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Preview Sono passati più di due anni dall’inizio della ricerca e ci si appresta a concludere una disamina che avrebbe voglia di non terminare mai, a dispetto di quel principio dell’economicità di cui all’art. 1 della l. 241/90, più volte invocato. Questo si verifica, a giudizio di chi scrive, per la difficoltà che si incontra non soltanto nell’intraprendere un simile lavoro in un campo così minato, ma anche nel concludere una ricerca in una materia magmatica come il diritto amministrativo, che difficilmente conosce conclusioni per il suo essere sempre “in itinere”, in una continua evoluzione di leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze e, quindi, opinioni, riflessioni, dibattiti, convegni, contraddizioni, abrogazioni, accorpamenti e chiarimenti. Ma la parola “fine” è d’obbligo e, pertanto, nel chiudere il sipario si cercherà, nelle pagine che seguono, di fare il punto della ricerca. L’oggetto della trattazione è stata la stretta correlazione tra le garanzie dell’imparzialità e del buon andamento della p.A. e i princìpi dell’obbligo di motivazione dell’atto amministrativo, la partecipazione del cittadino al procedimento amministrativo e la separazione della politica dall’Amministrazione. Il desiderio di chiarezza e completezza ha fatto sì che venisse dedicata la prima parte della ricerca ad un’introduzione allo studio dell’imparzialità e del buon andamento con un approccio interdisciplinare che abbracciasse contemporaneamente aspetti giuridici, storici, sociologici e politici. L’Italia del secondo dopoguerra ha voluto costituzionalizzare i princìpi dell’imparzialità e del buon andamento in quell’art. 97 Cost., comma 1, da cui la ricerca ha preso il suo avvio, mentre in realtà hanno conosciuto una scarsa applicazione o, comunque di gran lunga inferiore di quanto una loro collocazione costituzionale potesse far pensare e pur essendo considerati princìpi fondamentali e si pensi all’idea di Forti, di Spaventa, di Minghetti o di Ruini. Eppure non si è fatto nulla per dare loro tutto lo spazio necessario, ma anzi sono stati contornati da una p.A. trascurata, oscura, sottovalutata, forse pensando che tutti i princìpi validi per l’ordinamento democratico valessero anche per la p.A. che, al contrario, pur professando un’imparzialità nel significato tradizionale del termine e di weberiana memoria di indipendenza dai partiti politici, in definitiva era un braccio di un organo politico, il Governo, non contribuendo, sicuramente, né all’imparzialità né al buon andamento della p.A. I princìpi presi in esame hanno conosciuto un movimento oscillatorio con improvvise accelerate d’interesse e altrettanto improvvisi raffreddamenti, contornati da una progressiva esigenza di riforma della p.A. che nel frattempo si ingigantiva vertiginosamente, per i motivi che sono stati più volte ricordati, sempre più complessa, più macchinosa, ma sempre più incapace di rispondere alle esigenze dei cittadini i cui interessi erano stati moltiplicati da uno Stato industrializzato, senza riuscire a dare, allo stesso tempo, risposte concrete ed efficaci. Eppure

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pubblica amministrazione
semplificazione amministrativa
diritto amministrativo
discrezionalità amministrativa
buon andamento della pubblica amministrazione
imparzialità della pubblica amministrazione
motivazione dell'atto amministrativo
principio di ragionevolezza
separazione della politica dall'amministrazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi