Skip to content

Responsabilità per urto tra aeromobili

Informazioni tesi

  Autore: Federica Poni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Silvio Busti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 84

L'aumento della velocità, le condizioni atmosferiche, gli errori nelle informazioni (il pilota è male informato, un documento è errato, si ha uno strumento difettoso etc.), lo sviluppo del traffico e la conseguente congestione dello spazio aereo e degli aeroporti, hanno comportato una casistica effettiva di collisioni sia in aria sia sul suolo, durante le manovre per l'involo e per l'atterraggio. In seguito all'evoluzione qualitativa e quantitativa del traffico aereo, l'attività aviatoria è stata assoggettata a un sistema di regole di condotta oggettiva per i comandanti dell'aeromobile e ad un'assistenza al volo a terra, finalizzata a separare il traffico al fine di prevenire le collisioni. La disciplina del codice della navigazione presenta un insieme di disposizioni riguardanti gli urti di navi, gli urti tra gli aeromobili e gli urti misti, cioè tra una nave e un aeromobile. La disciplina dell'urto aeronautico richiede come presupposto il movimento di tutti i velivoli coinvolti e allo stesso regime è sottoposto anche l'urto misto. Al di fuori di questi casi vengono applicate le disposizioni speciali che regolano la responsabilità per danni ai terzi sulla superficie. Per tali danni il regime della responsabilità dell'esercente si ispira alla Convenzione di Roma del 7 ottobre del 1952, la quale fissa il criterio della responsabilità oggettiva. La disciplina della responsabilità per i danni cagionati ai terzi sulla superficie copre quindi tutti quegli eventi dannosi che, in conseguenza della navigazione aerea, si verificano sul suolo. Di fondamentale importanza è l'obbligazione risarcitoria a carico dell'esercente la quale, nella Convenzione di Roma, è fondata sul rapporto diretto che intercorre tra il danno patito in superficie da una persona, fisica o giuridica, e il volo di un aeromobile o la caduta dallo stesso di persone o cose. Tutti gli accadimenti e gli eventi che sono una possibile causa di danno possono essere assicurati. L'Unione Europea si è interessata ai requisiti in materia di assicurazione dei vettori aerei. Nel quadro della politica comune dei trasporti per tutelare più efficientemente i consumatori e per evitare la distorsione della concorrenza tra i vettori, l'Unione Europea ha inteso fissare un livello assicurativo minimo adeguato al fine di coprire la responsabilità dei vettori aerei in relazione ai passeggeri, ai bagagli, alle merci e ai terzi. In merito all'assicurazione per i danni a terzi sulla superficie, si fa riferimento all'assicurazione di responsabilità. Quest'ultima è limitata così che l'assicuratore fissa un massimale contrattuale, ossia l'importo massimo entro il quale egli assume la copertura. Questo lavoro, quindi, è orientato a chiarire non solo la disciplina degli urti tra gli aeromobili, ma anche le responsabilità di tutti coloro che sono coinvolti in un sinistro aereo e chi risponde dei danni che sono stati cagionati ai terzi sulla superficie, la limitazione del debito dell'esercente e i fatti impeditivi della sua responsabilità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione L‟aeromobile viene definito come una macchina che consente il trasporto tridimensionale di persone o cose all‟interno dell‟atmosfera terrestre. Il complesso delle attività che coinvolgono questo tipo di apparecchio adatto al volo, incluse le attività tecniche e scientifiche, il personale e l‟organizzazione degli enti, prende il nome di aviazione. Nel mondo occidentale l‟attenzione si concentrò sul volo, per la prima volta in modo sistematico, nel corso del Rinascimento ed in particolare, con gli studi di Leonardo da Vinci. Il primo volo di un mezzo pesante tuttavia, si ebbe per la prima volta nel 1903, compiuto dai fratelli Wright negli Stati Uniti. Con le guerre mondiali, ed in particolar modo durante la seconda, gli aeromobili vennero utilizzati soprattutto per scopi bellici e quindi di bombardamento e di caccia, conducendo l‟aviazione all‟assunzione di una funzione militare e strategica. A tale evento susseguì un imponente sviluppo tecnologico, soprattutto per quanto riguarda l‟elettronica e gli aerei da trasporto si trasformano in aerei passeggeri: nasce il trasporto di massa. Al fine di garantire una maggiore sicurezza e fiducia nell‟aviazione civile, le più importanti case produttrici di aeromobili, hanno sentito l‟esigenza di cercare motori più efficienti e di disegnare i propri aerei in modo da renderli più leggeri, più veloci e meno dispendiosi, attraverso l‟adozione di materiali composti. Uno dei primi aiuti alla navigazione introdotti negli Stati Uniti (alla fine del 1920) era una luce dell'aeroporto per assistere i piloti nell'atterraggio in caso di maltempo o dopo il tramonto. Da questa, nel 1930, è stato sviluppato l' Approach Path Indicator, che indica al pilota l'angolo di discesa al fine di facilitare l‟atterraggio. Quest‟ultimo venne adottato a livello internazionale grazie all‟intervento dell'Organizzazione internazionale dell'aviazione civile (ICAO). Inoltre, grazie all'invenzione di sistemi satellitari quali il Global Positioning System (GPS), è possibile conoscere la propria posizione con precisione in qualsiasi parte del mondo. Con l'arrivo di Wide Area Augmentation System (WAAS), la navigazione GPS è diventata sufficientemente accurata e viene utilizzata sempre più per avvicinamenti strumentali, nonché in navigazione. L‟aumento della velocità, le condizioni atmosferiche, gli errori nelle informazioni (il pilota è male informato, un documento è errato, si ha uno strumento difettoso o si seguono delle istruzioni non accurate o delle informazioni di volo o di controllo a terra

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto della navigazione
il ricupero e ritrovamento dei relitti
l'assicurazione di responsabilità
la responsabilità per danni ai terzi in superficie
la responsabilità dell'esercente
gli urti tra aeromobili
la limitazione del debito dell'esercente
i fatti impeditivi della responsabilità
applicazione del codice della navigazione
organizzazione amministrativa della navigazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi