Skip to content

Comunicare l'Ambiente. L'importanza della comunicazione ambientale nella società del XXI secolo

Informazioni tesi

  Autore: Maria Bergamini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze Forestali ed Ambientali
  Relatore: Gianluca Giovannini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 71

L'obiettivo della tesi è quello di comprendere quali sono i canali informativi della comunicazione in campo ambientale e cercare di capire perché nel XXI secolo si parla ancora così poco di ambiente.
Per rispondere al primo quesito ovvero, i canali di comunicazione, ho svolto il tirocinio formativo negli uffici URP di ARPAT dove sono stati analizzati i dati relativi ai report di costumer satisfation dove i cittadini esprimono le loro percezioni sullo stato ambientale e sul lavoro dell'Agenzia insieme ai dati relativi ai sondaggi redatti dall'Unione Europea di Eurobarometro.
I risultati mostrano come ancora oggi l'ambiente venga considerato un tema distaccato e di minore importanza e come in realtà l'idea di bene da proteggere sia principalmente una conformazione a quello che viene ritenuto socialmente accettabile.
I mass media presentano l'ambiente solo sotto l'aspetto apocalittico e distruttivo cosa che, se da un lato porta ad una convivenza con un perenne allarmismo ambientale, dall'altra crea assuefazione e calo di attenzione.
La crisi economica del 2008 ha creato due diverse percezioni ambientali: un'eccessiva sensibilità ed attenzione da un lato ed una considerazione dell'ambiente come freno economico dall'altra.
Le istituzioni appaiono sempre più distanti dai problemi sia ambientali che dei cittadini quindi in tutto il mondo stanno nascendo movimenti in difesa dell'ambiente che cercano di far cambiare ai propri governi le scelte in materia economica ed energetica per una svolta verso la sostenibilità ambientale.
Il passaggio verso una società più sostenibile inizia dalla scuola. Attraverso programmi di educazione ambientale è possibile creare una coscienza ambientale già dai primi livelli di istruzione per formare cittadini consapevoli.
A livello istituzionale è necessario un'integrazione delle politiche dal punto di vista ambientale conferendo al Ministero dell'Ambiente un ruolo centrale decisionale e non marginale. Creare una rete di collaborazione tra i vari ministeri in modo da garantire uno sviluppo economico con un occhio attento all'ambiente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Nel 1972, con la Dichiarazione di Stoccolma, la comunità internazionale acquisisce per la prima volta l’importanza della comunicazione e dell’educazione ambientale come strumenti indispensabili per la tutela e la protezione dell’ambiente. L’articolo 19 di suddetta dichiarazione recita quanto segue: “È essenziale impartire l’insegnamento sulle questioni ambientali tanto alle giovani generazioni quanto alle adulte, tenendo conto dei meno favoriti al fine di sviluppare le basi necessarie per illuminare l’opinione pubblica, e dare agli individui, alle imprese e alle collettività, il senso delle loro responsabilità per quanto concerne la protezione ed il miglioramento dell’ambiente in tutta la sua dimensione umana. È inoltre essenziale che i mezzi di comunicazione di massa evitino di contribuire al deterioramento dell’ambiente, ma divulghino, al contrario, informazioni di tipo educativo sulle necessità di mettere gli uomini in grado di compiere progressi in ogni aspetto” 1 . I documenti essenziali verranno redatti vent’anni più tardi con la Dichiarazione di Rio del 1992 e l’Agenda 21, quest’ultima la più adottata da molte delle amministrazioni locali in Italia. A livello europeo il tema viene sviluppato dal Trattato di Maastricht (7 febbraio 1992) con l’articolo 130 a trattare il diritto ambientale come fattore preventivo per la tutela ambientale. La tutela ambientale viene sancita anche dall’articolo 9 della Costituzione attualmente in discussione in Parlamento. L’attuazione di questa previsione costituzionale chiama direttamente in causa la responsabilità pubblica. Spetta infatti ai soggetti che esercitano competenze in ambito ambientale ed operano per il proseguimento di tale finalità, garantire la tutela ambientale che significa godimento del bene comune (parchi nazionali, vigilanza antincendio) e tutela della salute dei cittadini 2 . Il diritto all’accesso all’informazione in campo ambientale è sancito dalla legge 349/86 3 . Il 30 ottobre 2001 entra in vigore la Convenzione di Aahrus sull’accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e l’accesso alla giustizia in materia ambientale 1 Dichiarazione delle Nazioni Unite sullo stato dell’ambiente (Stoccolma 1972) art.19 2 Associazione Italiana della comunicazione pubblica e istituzionale, “Manifesto della Comunicazione pubblica in campo ambientale”, s.d. pag.1 3 Legge 8 Luglio 1986 n.349 “Istituzione del Ministero dell’Ambiente e norme in materia di danno ambientale”

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi