Skip to content

Cartografia storica e GIS per l'analisi dell'evoluzione del territorio rurale

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Cillis
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi della Basilicata
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze Forestali ed Ambientali
  Relatore: Carlo Manera
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 143

Nel lavoro di tesi, dopo un excursus sulla storia recente della cartografia e del suo sviluppo in Basilicata e l’integrazione di quest’ultima con i moderni strumenti informatici, è stata condotta un’analisi delle variazioni avvenute su un’area campione di territorio rurale nel comune di Forenza.
In particolare è stata proposta una metodologia di analisi del paesaggio agro-forestale che si basa su tecniche di modellazione spaziale e image processing mediante l’utilizzo dei GIS. Lo studio ha avuto come oggetto l’analisi di una porzione di territorio rurale lucano ed è finalizzato alla ricostruzione di un percorso storico centrato maggiormente sulle trasformazioni dell’uso del suolo e paesaggistiche e la loro interazione con quasi due secoli di crescente pressione antropica sul territorio. L’analisi territoriale ha portato, in particolare, all’elaborazione di due carte tematiche principali riferite ai quattro periodi in esame (anni 1829 – 1876 – 1955 – 2008), ovvero quelle dell’uso del suolo e delle infrastrutture; inoltre sono state realizzate le ricostruzioni tridimensionali del paesaggio basate su modelli digitali del terreno, nonché derivare anche alcuni strati informativi, quali ad esempio pendenze e deflusso idrico, valorizzando la banca dati esistente e allo stesso tempo estrapolando nuove informazioni. Il risultato finale rappresenta quindi il frutto dell’interazione e dell’analisi di numerosi livelli, opportunamente valutati in relazione all’obiettivo proposto.
Nello specifico, l’analisi ha evidenziato la crescente antropizzazione che ha avuto come principali conseguenze:
- Progressivo aumento delle rete viaria che attualmente serve in maniera capillare l’area; inoltre questo ha permesso un afflusso di traffico non esclusivamente legato all’attività agricola, vista la trasformazioni di alcune arterie in strade provinciali e comunali;
- Aumento numerico dei nuclei abitativi e incremento dimensionale di alcune masserie “storiche” che si sono evolute in vere e proprie aziende agricole;
- Modificazioni morfologiche legate alla graduale perdita di naturalità la quale ha raggiunto il minimo nel 1955, differentemente dal passato (1829) in cui il bosco era l’assoluto protagonista;
- Trasformazioni del territorio legate soprattutto al cambiamento dell’indirizzo produttivo degli agricoltori, che dalla pratica dell’allevamento estensivo sono passati progressivamente alla messa a coltura dei terreni che precedentemente erano, appunto, pascoli arborati;
- Riduzione in termini di superficie del fiume Bradano per questioni legate all’abbandono delle sfruttamento delle sue acque;
- Riconquista, in base all’analisi sull’ortofoto del 2008, da parte della vegetazione naturale di aree agricole che sono state abbandonate negli ultimi decenni. Le cause di questo processo sono: cambiamenti nelle politiche agricole ed ambientali, insostenibilità della cerealicoltura nei territori marginali e spopolamento e quindi assenza di un ricambio generazionale.
Inoltre è stato implementato un sistema dinamico che permetta di interagire e “navigare” nel territorio in esame attraverso un modello tridimensionale grazie al quale è stato possibile ricreare un sistema di realtà virtuale in modo tale da offrire la possibilità di rendere più accessibili e acquisibili le diverse informazioni elaborate. Le straordinarie proprietà di rappresentazione che offrono questi specifici software, incrementano notevolmente la percezione dell’area di studio e ne migliorano sia gli aspetti informativi sia le opportunità di simulazione visuale dell’evoluzione territoriale.
Per rendere maggiormente evidenti i cambiamenti di uso del suolo nel corso dei 179 anni considerati, attraverso tecniche di analisi spaziali e image processing, si è operato con tecniche di fotomosaicatura, estrapolando patch corrispondenti a tipologie di uso del suolo note dalle foto aeree in formato raster ed è stata ricostruita un’ipotetica “foto aerea virtuale” in bianco e nero dell’aerea considerata sulla base dell’uso del suolo del 1829. Successivamente, questa nuova foto aerea, è stata accuratamente sovrapposta al modello digitale del terreno in modo tale da apprezzare l’evoluzione territorio in maniera visiva e scenica oltre che in termini quantitativi
La procedura utilizzata può essere facilmente estesa a qualunque altro aspetto territoriale e, in senso più ampio, ad un qualsivoglia tipo di informazione di interesse nell’ambito dell’area di studio. Inoltre, tenendo conto che il modello implementato è indipendente dagli strati informativi utilizzati, è possibile utilizzare nuove e diverse rappresentazioni cartografiche o un qualsiasi altro documento, per poter aggiornare e rendere più completo lo studio del territorio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. INTRODUZIONE L’ambiente è un intricato sistema che ha raggiunto un proprio equilibrio solamente dopo migliaia di anni di evoluzioni e trasformazioni. All’interno di questi cicli naturali, si è inserito da alcuni millenni, un altro protagonista: l’uomo. Gli esseri umani si sono adattati ai territori in cui vivevano e spesso hanno apportato continue “modifiche” in modo tale da regolare i naturali processi in atto, ai propri interessi; tali trasformazioni si sono rese necessarie per colmare le esigenze che via via aumentavano nel nuovo complesso sistema che l’uomo stava costruendo. Però, nel corso della sua evoluzione, l’uomo ha prima limitato lo spazio di cui necessitava intaccando solo quello utile alla propria sopravvivenza, poi col passere del tempo e delle epoche storiche, ha radicalmente mutato il territorio, riservandosi buona parte del proprio spazio ed occupando anche zone che fino a qualche anno fa risultavano inaccessibili. Attualmente il complesso rapporto ambiente-uomo è fortemente sbilanciato verso quest’ultimo e il vecchio equilibrio sembra ormai compromesso. In particolar modo il territorio rurale è stato oggetto di trasformazioni sempre più profonde negli ultimi decenni poiché agli eventi naturali si sono aggiunti le sempre maggiori pressioni determinate dall’azione dell’uomo. Le conseguenze, oltre che dal punto di vista paesaggistico e visivo, possono imprimere probabili cambiamenti anche ai cicli naturali, la cui evoluzione è ancora in fase di studio. L’utilizzo di materie prime e tecniche inquinanti, l’assenza di programmi di sviluppo sostenibile e di mitigazione degli impatti sull’ambiente, politiche di controllo scarsamente efficienti, associati alla deforestazioni di vastissime superfici, hanno determinato alterazioni talmente profonde da modificare la struttura stessa degli ecosistemi; un esempio può essere la riduzione della biodiversità. Una delle più evidenti e frequenti conseguenze dell’alterazione dell’originale copertura dei suoli imposta dall’uomo, è riscontrabile nell’attuale situazione di dissesto idrogeologico in cui versano le aree rurali. Le differenti condizioni di copertura forestale, con la conseguente perdita di resistenza dei confronti di agenti atmosferici, hanno prodotto forti processi erosivi, tali da rendere instabili interi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

gis
territorio
basilicata
rurale
uso del suolo
land cover
analisi ambientale
cartografia storica
land use
historical cartography

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi