Skip to content

La Formazione del Dipendente Pubblico

Informazioni tesi

  Autore: Marco Giuseppe De Pinto
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Carla Spinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 133

Il tema della formazione mi è molto caro, non solo a livello personale, ma anche professionale. Dal 2011 collaboro infatti con un’azienda privata con un contratto di apprendistato, e mi sono avvicinato alla tematica di questo lavoro grazie non solo alla formazione obbligatoria prevista dalla legge che ho ricevuto come apprendista, ma anche osservando la dedizione instancabile del reparto Risorse Umane della mia azienda per erogare la formazione suddetta.
Inoltre, per proseguire gli studi, ho “approfittato” della disciplina del CCNL delle telecomunicazioni, usufruendo in questi anni di orari agevolati che mi hanno consentito la frequenza delle lezioni, e di permessi per sostenere gli esami.
A questo punto è entrata in gioco la curiosità, che mi ha portato ad approfondire la tematica della formazione pubblica, dopo aver approfondito quella riguardante i dipendenti privati nel corso della mia vita lavorativa.
Il lavoro che ho redatto parte con una provocazione, ovvero ci si chiede cosa è, e a cosa serve, la formazione dei dipendenti pubblici. All’apparenza, può sembrare un concetto vacuo, o all’opposto estremamente vasto, dipende dai punti di vista. Il primo capitolo, oltre a una iniziale risposta a questi quesiti, contiene una analisi alle norme fondamentali alla base di quello che mi sento di definire un “diritto-dovere”: diritto perché basta, a mio modesto parere, realizzare un’interpretazione estensiva degli articoli 33 e 34 della nostra Costituzione, per capire quanto fondamentale fosse l’istruzione nelle idee del legislatore costituente, e la formazione non è altro che una delle tante sfaccettature dell’istruzione stessa; dovere perché, come si legge dalle norme analizzate, è diventato un dovere del datore di lavoro offrire al dipendente la possibilità di formarsi, non solo a fini professionali, ma anche per cultura personale.
Il secondo capitolo offre una panoramica generale frutto dell’analisi degli ultimi dieci anni di contrattazione collettiva e giurisprudenza in materia formativa, partendo dai CCNL che si occupano meno della questione, fino ad arrivare a quelli più completi, e offrendo una serie di spunti di riflessione.
Il terzo capitolo, devo ammetterlo, è stata una sorpresa anche per me. Nasce infatti dall’analisi di uno strumento di autoanalisi e autovalutazione della Pubblica Amministrazione, il Rapporto sulla Formazione, arrivato ormai alla quindicesima edizione, che si è rivelato ricco non solo di dati statistici e comparativi, ma anche di spunti interessanti sulla recente unione tra la formazione e il web 2.0 . Sappiamo infatti che, nell’immaginario comune, il dipendente pubblico non viene visto di buon occhio, soprattutto dal punto di vista dell’approccio alle nuove tecnologie, ma il Rapporto smentisce questa diceria, aprendo al lettore un aspetto della Pubblica Amministrazione forse a lui sconosciuto, ovvero il recente desiderio di digitalizzazione, che non và a colpire solo gli atti, ma anche gli strumenti dei dipendenti, con l’obiettivo di migliorarne le performance e, come diretta conseguenza, anche il funzionamento di tutto l’Apparato Amministrativo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 Capitolo primo LE FONTI DEL DIRITTO ALLO STUDIO E ALLA FORMAZIONE 1 A COSA SERVE LA FORMAZIONE DEI DIPENDENTI PUBBLICI? Il presente lavoro non poteva non iniziare col rinvio a quello che è un interessantissimo lavoro di Sabino Cassese, da cui questo paragrafo prende il nome 1 . Il suo lavoro è diviso in tre parti. Nella prima parte presenta una sua personale classificazione della formazione dei dipendenti pubblici dividendola in tre categorie, ad ognuna alle quali corrisponde una finalità della formazione stessa: una formazione “debole”, una “forte” e una “fortissima”. 1 Cassese Sabino, “A cosa serve la formazione dei dipendenti pubblici?” in Politica del diritto, 1989, fasc 3, pp 431-436

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

formazione
pubblica amministrazione
e-learning
diritto del lavoro
ccnl
p.a.
social
dipendente pubblico
pp.aa.
la formazione del dipendente pubblico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi