Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sostenibilità ambientale come fattore di competitività nel settore legno-arredamento

L'ambiente e la tutela del patrimonio ambientale stanno assumendo un ruolo sempre più strategico nell'attività delle imprese. La società, infatti, è attenta in misura sempre maggiore alle tematiche ambientali ed agli impatti ambientali dei prodotti che acquista. Per le imprese orientate alla realizzazione di prodotti/servizi di tipo "verde" vi è quindi il problema di come comunicare il proprio impegno e la qualità ambientale dei propri prodotti in modo efficace e comprensibile. Nel settore legno-arredamento vi è una bassa visibilità delle prestazioni ambientali dei prodotti, che pertanto non riescono ad essere percepite efficacemente dal consumatore. Uno strumento per sopperire a questa mancanza di visibilità ecologica sono le Certificazioni ambientali, volte a fornire al consumatore una garanzia sulla veridicità dell'impegno ambientale dell'impresa o sulla qualità ecologica del prodotto. Questa tesi vuole indagare sul livello di conoscenza di questi strumenti da parte del consumatore.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione: L'ambiente e la tutela del patrimonio ambientale stanno assumendo sempre più un ruolo strategico nelle attività delle imprese, sia per cogliere nuovi ambiti e fattori di competitività, che per soddisfare requisiti cogenti imposti dalla pubblica amministrazione, sempre più orientata su di un percorso 1 verso una politica di sviluppo sostenibile 2 . La società, infatti, è attenta in misura sempre maggiore alle tematiche ambientali ed agli impatti ambientali dei prodotti che acquista. Le tendenze dei consumatori, infatti, sono sempre più dirette ad esprimere scelte di acquisto consapevoli, finalizzate a premiare le aziende impegnate sul fronte ecologico ed a preferire prodotti più sostenibili sotto il profilo ambientale, etico e sociale. Per le imprese orientate alla realizzazione di prodotti/servizi di tipo "green" vi è quindi il problema di come comunicare il proprio impegno e la qualità ambientale dei propri prodotti in modo efficace e comprensibile. Il rischio, infatti, è che i consumatori possano percepire la comunicazione come greenwashing 3 , cioè come tentativo di rivendicare falsi meriti del prodotto e servizio offerto, senza un reale impegno ambientale. La vera sfida per un'impresa attenta alle tematiche ambientali risulta, perciò, quella di rendere "percettibile" il miglioramento ambientale associato al consumo del proprio prodotto, cioè rendere "visibili" e "tangibili" i vantaggi ambientali legati alla scelta del proprio prodotto. 1 Nel Trattato che istituisce la Comunità Europea (CE) uno dei compiti indicati è "promuovere la crescita sostenibile nell'insieme della Comunità" – art.2- Trattato di istituzione della Comunità Europea (CE) 2 Sviluppo sostenibile: "lo sviluppo che è in grado di soddisfare i bisogni delle generazioni attuali senza compromettere la possibilità che le generazioni future riescano a soddisfare i propri" (Gro Harlem Brundtland - "Il nostro futuro comune"- 1987) 3 Greenwashing: neologismo formato dalle parole "green" (verde) e "whitewash" (imbiancare, mascherare). La Commissione Europea lo definisce come "appropriazione indebita di virtù ambientalistiche finalizzate alla comunicazione di un'immagine verde"- "Orientamenti per l'attuazione/applicazione della Direttiva 2005/29/CE relativa alle pratiche commerciali sleali"- Commissione Europea - 3 dicembre 2009. 7

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Matteo Pierangeli Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1393 click dal 06/05/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.