Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Là dove regna il gruppo: Il contributo di Franco Fasolo alla gruppoanalisi all'interno della psichiatria di comunità

Si tratta in modo approfondito il contributo di Franco Fasolo alla gruppoanalisi all’interno della psichiatria di comunità. Dopo aver revisionato il lavoro di Bion e Foulkes, nonchè dei gruppoanalisti italiani, si approfondisce il grande lavoro di Fasolo all'interno delle istituzioni nel tentativo di creare gruppo che portano alla guarigione, non solo del paziente, ma anche degli operatori e delle istituzioni malate. Il tutto senza tralasciare uno degli elementi fondanti del lavoro di Franco Fasolo, ossia il ruolo dell'umorismo sia nella terapia, sia nel rileggere in chiave satirica i disagi creati dalle istituzioni lungo il percorso di guarigione.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Franco Fasolo è stato uno degli autori di riferimento della scuola gruppoanalitica italiana e ad oggi, a poco più di due anni dalla sua scomparsa, avvenuta nel settembre del 2010, il suo pensiero continua ad avere un ruolo centrale in ambito gruppoanalitico. Fasolo, nato il 15 marzo 1946, conseguì la laurea in medicina presso l’Università di Padova, per poi specializzarsi in psichiatria, in particolare in malattie nervose e mentali, all’Università di Modena. Egli lavorò soprattutto nel padovano, sua zona d’origine, ricoprendo molteplici ruoli: è stato infatti psichiatra, gruppoanalista, full member della Group Analytic Society di Londra (fondata da Foulkes), direttore Emerito del Dipartimento Interaziendale di Salute Mentale di Padova, ma anche Presidente della C.O.I.R.A.G. (Confederazione delle Organizzazioni Italiane per la Ricerca Analitica sui Gruppi) dal 1995 al 1997 e, infine, presidente dell’AS.VE.GR.A. (Associazione Veneta per la Ricerca e la Formazione in Psicoterapia Analitica di Gruppo e Analisi Istituzionale). L’associazione fu da lui stesso fondata, nel 1983, assieme agli psichiatri Giovanni Gozzetti, Sergio Fava ed Eliodoro Novello, ispirandosi all’opera di Resnik e al pensiero di Heidegger nella riflessione di Bateson con lo scopo di: “promuovere la ricerca e la formazione nel campo della psicoterapia psicoanalitica di gruppo e dell’analisi istituzionale; stabilire rapporti di reciproca collaborazione con associazioni nazionali ed internazionali che svolgono attività simili; stabilire rapporti con la Regione Veneto e le ULSS del Veneto perché il metodo della psicoterapia psicoanalitica di gruppo e dell’analisi istituzionale vengano utilizzati come contributo alla formazione ed alla clinica nel campo dell’assistenza psichiatrica”, parole tratte dal primo Statuto AS.VE.GR.A. (www.asvegra.it). Tra le sue innumerevoli opere contiamo circa centosettanta pubblicazioni e undici volumi a stampa: tra questi ricordiamo “Grottesche” (1991); “Gruppi che curano & gruppi che guariscono” (2002); “Sviluppi della soggettualità nelle reti sociali” (con I. Ambrosiano e A. Cordioli, 2005), “Psichiatria senza rete” (2007), “Gruppoanalisi e salute mentale” (2009) e, postumi nel 2011, “Gruppi per adulti. I Dipartimenti di Salute Mentale e la terapia di gruppo in Italia” (con O. Galuppi e T. Baisini, a cura di) e “Respirare il gruppo. Introduzione alla gruppoanalisi senza neutralità” ultimato grazie al lavoro di Michela Fasolo. Il mio elaborato, nella sua modestia, ha l’obiettivo di illustrare al meglio, dopo una presentazione delle teorie più rilevanti della gruppoanalisi di Bion e Foulkes e della realtà italiana, il pensiero di Franco Fasolo, negli aspetti più salienti e innovativi da lui introdotti nel panorama gruppoanalitico italiano; in particolare, verrà trattato, oltre ovviamente ai concetti di gruppo e di

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Davide Ghiani Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 916 click dal 06/05/2014.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.