Skip to content

L'andamento del mercato del petrolio dagli anni '70 agli anni '90

Informazioni tesi

  Autore: Bruno Peroni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Andrea Iovane
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 213

Per analizzare l’andamento del mercato del petrolio ed i meccanismi relativi al meccanismo legato alla formazione del suo prezzo non si poteva prescindere da uno studio di quelle teorie che, negli anni, hanno cercato di offrire un’interpretazione di una realtà spesso molto complessa.
I principali approcci teorici che si sono sviluppati nel secolo scorso sono stati:
· Quello basato sulla teoria neoclassica delle risorse esauribili
· Quello sulle forme di mercato, originatosi dal dibattito degli anni ‘70
· Quello legato alla teoria del cartello Opec
· Quello moderno basato sulla teoria dei giochi
L’approccio basato sulla teoria neoclassica delle risorse esauribili poggia essenzialmente sulla considerazione della limitata disponibilità in natura del petrolio, ovvero sulla sua scarsità.
Seguendo questa impostazione si arriva a ritenere che il prezzo del petrolio sarebbe destinato a crescere al diminuire della sua disponibilità, fino al punto da risultarne non più economicamente conveniente la produzione.
Questo dovrebbe avvenire ad un livello di prezzo detto di backstop per cui il petrolio risulterebbe troppo costoso rispetto alle fonti di energia alternative.
L’enfasi, in quelle teorie, era posta sul comportamento dei produttori (in quel caso delle compagnie petrolifere), che miravano a massimizzare i profitti per tutto l’orizzonte temporale nel quale sarebbe stato possibile sfruttare le risorse estraibili.
Il dilemma dei produttori, infatti, consisteva nel produrre oggi ai prezzi correnti o produrre domani a prezzi stimati necessariamente più alti.
Il problema di massimizzazione è risolto includendo nei costi di produzione il concetto keynesiano di costo opportunità o user cost, determinato dai minori profitti che si otterranno producendo oggi anziché domani.
Negli anni ’70, infatti, il punto di vista si spostò sulla forma di mercato caratterizzante il settore ed il dibattito si sviluppò acceso su questo tema.
Sostenitori di posizione fortemente contrapposte furono Adelman da una parte e Frankel dall’altra, con il primo che cercava di ricondurre il comportamento del mercato agli effetti derivanti dall’aumentata concorrenza nel settore tra le compagnie petrolifere, rispetto al secondo che sosteneva che, tolta qualche eccezione, nel mercato sarebbero continuate a prevalere le condizioni favorevoli al predominio di poche grandi imprese.
Naturalmente, in quel periodo, ognuno cercava di porre all’evidenza degli altri, gli eventi che caratterizzavano il settore alla luce dello schema teorico preferito.
Ciò che però conta, in questa sede, è lo spostamento dell’oggetto dell’analisi: negli anni ’30 era il petrolio e la sua disponibilità al centro del dibattito, negli anni ’70 è la forma di mercato.
Conseguentemente alla nascita dell’Opec nel 1960, poi, si pensò di poter ricondurre il mercato petrolifero ad una forma di concorrenza monopolistica tra il cartello dei paesi aderenti all’Opec e tutti gli altri produttori rimanenti.
La teoria che focalizza l’attenzione sul ruolo di primo piano svolto dal cartello Opec, ritiene che il prezzo di mercato ed il suo andamento siano strettamente determinati dalla politica di massimizzazione della rendita petrolifera da parte dei produttori.
Le oscillazioni di prezzo sono spiegate, in questo approccio, con i differenti obiettivi dei produttori Opec, interessati a sostenere il prezzo, e di quelli non Opec, interessati a coprire le ingenti spese collocando greggio sul mercato a prescindere dal suo prezzo.
Un’estensione a questo tipo di impostazione si ottiene introducendo l’ipotesi di una curva di offerta autoregressiva per i produttori Opec, utilizzata nei modelli chiamati di target revenue.
Questi modelli hanno il pregio, rispetto ai precedenti, di considerare il fatto che l’obiettivo di alcuni paesi opec non è tanto focalizzato sul prezzo, ma piuttosto quello di ottenere un reddito sufficiente a far quadrare precari bilanci statali.
Inoltre per spiegare le oscillazioni dei prezzi, viene considerato, anche il fatto che, su queste, influisce la lentezza dell’adeguamento della domanda all’offerta, come è anche confermato dall’evidenza empirica negli anni ’70 e negli anni del contro shock del 1986.
La teoria moderna si orienta a considerare il mercato internazionale del petrolio regolato da una forma di oligopolio asimmetrico tra gruppi di produttori con interessi tra loro contrapposti.
Ogni gruppo si considera costituito, inoltre, da giocatori che possono avere finalità da conseguire a volte anche non coerenti con quelle del proprio gruppo di appartenenza.
Una situazione del genere ben si presta ad essere descritta con l’utilizzo degli strumenti offerti dalla teoria dei giochi.
Un approccio del genere è quello utilizzato da Carraio, De Paoli, Vidaich...

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Lo scopo di questo lavoro è quello di analizzare l’andamento del “mercato” internazionale del petrolio ed il meccanismo di formazione dei prezzi. Il processo produttivo del petrolio si suddivide nelle seguenti fasi: a. ricerca, b. estrazione, c. trasporto, d. raffinazione, e. distribuzione. La fase della ricerca è quella più impegnativa e rischiosa, in quanto, nonostante il considerevole progresso tecnologico richieda iniziali elevati investimenti e non sempre ad alta redditività. La fase estrattiva è caratterizzata, invece, da una minore incertezza, in quanto i costi determinati dai fattori produttivi sono stimabili a priori. Esistono tre principali tecniche di recupero (primario, secondario, terziario), a cui corrispondono costi crescenti, che vengono applicate per l’estrazione in mare aperto, su piattaforme apposite, o sulla terra ferma. Il trasporto può avvenire per mare e per terra, sia su strade ferrate (soprattutto agli albori dell’industria) sia mediante oleodotti; i costi, in questa fase, sono influenzati da notevoli economie di scala e dipendono dalla modalità scelta.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi della domanda
compagnie verticalmente integrate
mercato del petrolio
opec
petrolio
previsioni sull'andamento del prezzo del petrolio
prezzo del petrolio
processi di produzione del petrolio
teoria dei giochi
teorie economiche
teorie relativa al prezzo del petrolio
economia internazionale
john nash
analisi del prezzo del petrolio
esecizio econometrico del prezzo del petrolio
esercizio statistico del prezzo del petrolio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi