Skip to content

Il lobbying europeo: un'analisi del Registro per la trasparenza per le organizzazioni, le persone giuridiche e i lavoratori autonomi impegnati nell'elaborazione e nell'attuazione delle politiche dell'Unione

Informazioni tesi

Autore: Claudio Quaresima
Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
Anno: 2013-14
Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
Facoltà: Scienze Politiche
Corso: Relazioni internazionali
Relatore: Maria CristinaMarchetti
Lingua: Italiano
Num. pagine: 158

L'elaborazione e l'attuazione delle politiche dell'Unione europea sono sistematicamente oggetto dell'influenza diretta o indiretta della società civile organizzata, cioè di quei gruppi che, al fine di difendere e promuovere i propri interessi, cercano di fare pressione sul processo decisionale delle istituzioni europee.
La rilevanza del fenomeno chiama ad analizzare i suoi attori principali, le lobbies, cercando di cogliere il ruolo tecnico-politico che la loro attività, non solo de facto, ricopre nel funzionamento della macchina comunitaria. Il presente elaborato, però, non si limita a un'osservazione asettica: consapevole del fragile equilibrio tra il particolarismo del lobbying, strumento della società civile organizzata, e la rappresentanza democratica dell'interesse generale dei cittadini europei, mette a fuoco gli elementi negativi e le prospettive di riforma della normativa vigente, figlia di un processo politico iniziato negli anni '90, che potrebbero rispettivamente incrinare e rafforzare l'equilibrio suddetto.
Il Registro per la Trasparenza (ufficialmente Registro per la trasparenza per le organizzazioni, le persone giuridiche e i lavoratori autonomi impegnati nell'elaborazione e nell'attuazione delle politiche dell'Unione), rappresenta lo strumento di più recente sviluppo da parte della Commissione europea e del Parlamento europeo: un database online in comune a cui è chiamato ad iscriversi volontariamente chiunque eserciti lobbying presso le istituzioni comunitarie. Oltre alla denominazione e ai recapiti generici, l'iscritto deve fornire una serie d'informazioni significative, tra cui il nominativo della persona legalmente responsabile dell'organizzazione, i nominativi delle persone per le quali è richiesto il titolo di accesso agli edifici del Parlamento europeo, il numero di persone che fanno lobbying, i settori di interesse, e le dichiarazioni sulle proprie risorse finanziarie.
Nonostante le diverse criticità ancora persistenti a due anni dall'entrata in funzione, il Registro può essere utilizzato come lente d'ingrandimento sulla realtà del lobbismo nell'UE.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE L’elaborazione e l’attuazione delle politiche dell’Unione europea sono sistematicamente oggetto dell’influenza diretta o indiretta della società civile organizzata, cioè di quei gruppi che, al fine di difendere e promuovere i propri interessi, cercano di fare pressione sul processo decisionale delle istituzioni europee. La rilevanza del fenomeno chiama ad analizzare i suoi attori principali, le lobbies, cercando di cogliere il ruolo tecnico-politico che la loro attività, non solo de facto, ricopre nel funzionamento della macchina comunitaria. Il presente elaborato, però, non si limita a un’osservazione asettica: consapevole del fragile equilibrio tra il particolarismo del lobbying, strumento della società civile organizzata, e la rappresentanza democratica dell’interesse generale dei cittadini europei, mette a fuoco gli elementi negativi e le prospettive di riforma della normativa vigente, figlia di un processo politico iniziato negli anni ’90, che potrebbero rispettivamente incrinare e rafforzare l’equilibrio suddetto. Il Registro per la Trasparenza (ufficialmente Registro per la trasparenza per le organizzazioni, le persone giuridiche e i lavoratori autonomi impegnati nell’elaborazione e nell’attuazione delle politiche dell’Unione), rappresenta lo strumento di piø recente sviluppo da parte della Commissione europea e del Parlamento europeo: un database on- line in comune a cui è chiamato ad iscriversi volontariamente chiunque eserciti lobbying presso le istituzioni comunitarie. Oltre alla denominazione e ai recapiti generici, l’iscritto deve fornire una serie d’informazioni significative, tra cui il nominativo della persona legalmente responsabile dell'organizzazione, i nominativi delle persone per le quali è richiesto il titolo di accesso agli edifici del Parlamento europeo, il numero di persone che fanno lobbying ,i settori di interesse, e le dichiarazioni sulle proprie risorse finanziarie. Nonostante le diverse criticità ancora persistenti a due anni dall’entrata in funzione, il Registro può essere utilizzato come lente d’ingrandimento sulla realtà del lobbismo nell’UE. La questione del lobbying europeo rientra nel dibattito sulla struttura del processo decisionale e la legittimazione politica dell’Unione europea, avviato anche formalmente con il Libro bianco del 2001 per la governance europea. Il pericolo di un divario incolmabile tra cittadini e istituzioni comunitarie evidenziato dal Libro è costante, soprattutto nell’attuale fase d’instabilità politico-monetaria della zona Euro apertasi nel

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

lobbying
rappresentanza di interessi
comitatologia
registro per la trasparenza
iniziativa europea per la trasparenza
transparency register
stakeholders
interest representation
expert groups
claudio quaresima

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi