Skip to content

The Responsibility to Protect: Focus on the Responsibility to Prevent and the role of Regional and Civil Society Organizations

Informazioni tesi

  Autore: Marthe Dovienne Lafortune Sotong
  Tipo: Tesi di Master
Master in Politics and International Relations
Anno: 2
Docente/Relatore: Peter Sutch
Istituito da: Cardiff University
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 61

Recalling the inconsistency of the international community to protect populations from terrible crimes, especially from genocide, war crimes, crimes against humanity and ethnic cleansing, and acknowledging the failure of the Security Council to act in crisis such as Rwanda, Somalia, Darfur and Kosovo, the UN former Secretary General Kofi Annan urged the member states of the UN to defend the common humanity and to find and adequate way to respond to mass atrocities. For this reason, in 2001, Gareth Evans, Michael Ignatieff and Mohamed Shanoun first formulated the “responsibility to protect”, a doctrine which holds the duty to protect communities from mass atrocities, by halting them before they occur.
The responsibility to protect gives the priority to its first element which is the responsibility to prevent mass atrocities, acknowledging that preventing terrible crimes before they occur is way better than intervention, because it reduces the number of victim and the damages, and in the case of a structural prevention it sets up the basis for a long term peace and continuous development.
However, even if it has been clarified that prevention is the most important aspect of the responsibility to protect, many States remain skeptical to sacrifice their resources to protect strangers. In addition, there is an issue on the mistrust and the lack of political willingness, the lack of enforcement mechanisms and jurisdiction, and the unavailability of necessary funds for an effective prevention policy.
Subsequently, this responsibility to prevent mass atrocities requires the implication of regional and civil society organizations. Regional organizations and civil society play an important function in preventing mass atrocities, but, the inadequacy of their preventive policies, the lack of a compelling capacity, the disagreement on their shared values, the apprehension on their authorities and the absence of a common budget to prevent mass atrocities; show that giving more importance to the actions of regional and civil society organizations, especially because of their proximity to the local contexts is necessary. Accordingly, there is a need of the harmonization of the preventive functions of regional and civil society organizations into a common international prevention framework and their conformity to the national and local institutions.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 ABSTRACT Recalling the inconsistency of the international community to protect populations from terrible crimes, especially from genocide, war crimes, crimes against humanity and ethnic cleansing, and acknowledging the failure of the Security Council to act in crisis such as Rwanda, Somalia, Darfur and Kosovo, the UN former Secretary General Kofi Annan urged the member states of the UN to defend the common humanity and to find and adequate way to respond to mass atrocities. For this reason, in 2001, Gareth Evans, Michael Ignatieff and Mohamed Shanoun first formulated the “responsibility to protect”, a doctrine which holds the duty to protect communities from mass atrocities, by halting them before they occur. The responsibility to protect gives the priority to its first element which is the responsibility to prevent mass atrocities, acknowledging that preventing terrible crimes before they occur is way better than intervention, because it reduces the number of victim and the damages, and in the case of a structural prevention it sets up the basis for a long term peace and continuous development. However, even if it has been clarified that prevention is the most important aspect of the responsibility to protect, many States remain skeptical to sacrifice their resources to protect strangers. In addition, there is an issue on the mistrust and the lack of political willingness, the lack of enforcement mechanisms and jurisdiction, and the unavailability of necessary funds for an effective prevention policy. Subsequently, this responsibility to prevent mass atrocities requires the implication of regional and civil society organizations. Regional organizations and civil society play an important function in preventing mass atrocities, but, the inadequacy of their preventive policies, the lack of a compelling capacity, the disagreement on their shared values, the apprehension on their authorities and the absence of a common budget to prevent mass atrocities; show that giving more importance to the actions of regional and civil society organizations, especially because of their proximity to the local contexts is necessary. Accordingly, there is a need of the harmonization of the preventive functions of regional and civil society organizations into a common international prevention framework and their conformity to the national and local institutions.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

united nations
responsibility to protect
responsibility to prevent
mass atrocities
subregional and civil society organisations
international crimes
united nations security council
international community
genocide, crimes against humanity, war crimes,

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi