Skip to content

Caratterizzazione geologico-tecnica dell'area in dissesto al km 9+800 della S.R.N° 599 in località S.Arcangelo di Magione (PG), Umbria

Informazioni tesi

  Autore: Sofia Fiorucci
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Geologiche
  Relatore: LucioDi Matteo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

La tesi ha trattato l'area in dissesto di Sant'Arcangelo (Magione) studiando i vari eventi franosi a partire dalle prime manifestazioni del dissesto, registrate dall'11-12 luglio 2011, fino la completa manifestazione del fenomeno che ha interessato l'area in data 28 luglio 2011. Le precipitazioni sono state una delle cause principali dell'innesco della frana ma, come risultato dallo studio delle condizioni pregresse, l'area si trovava già in una situazione "predisponente" al franamento. È stata effettuata un'analisi delle soglie pluviometriche per l'innesco di frane su depositi flyschoidi a partire dall'elaborazione dei dati pluviometrici raccolti presso la stazione meteorologica di S. Savino, nel comune di Magione. Si è evidenziato come nei mesi precedenti alla manifestazione della frana (marzo e maggio 2011), ci siano state le condizioni per cui tale evento avrebbe potuto manifestarsi ugualmente. Ciò non è avvenuto perché oltre alle precipitazioni sono subentrati altri fattori di cui è stato necessario tener conto per inquadrare al meglio le cause di attivazione dell'evento del 28 luglio 2011. Dopo i primi lavori di somma urgenza che hanno portato ad una prima stabilizzazione del versante tramite l'installazione di una rete di protezione rinforzata da funi metalliche e la realizzazione di un fosso di guardia a monte dell'area in dissesto, il 22 aprile 2012 si è verificata una riattivazione della stessa frana che ha portato il versante ad una nuova situazione di instabilità. Le piogge quindi non sono state l'unica causa di innesco: trattandosi di una riattivazione e confrontando i valori del pluviometro di S.Savino con le soglie pluviometriche di letteratura su depositi flyschoidi, si nota come la piovosità non è stata sufficiente alla riattivazione del fenomeno. Per la corretta progettazione di un piano per la definitiva messa in sicurezza e stabilizzazione del versante, sono state effettuate numerose indagini da parte della Provincia di Perugia: a seguito di queste indagini è emersa che la tecnica di stabilizzazione, con il migliore rapporto costi/benefici, è quella delle "terre armate".

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Figura 1: diagramma della distribuzione delle principali tipologie di movimenti franosi all’interno del territorio umbro. Tabella 1: ripartizione delle aree soggette a frana nel territorio umbro tra le provincie di Perugia e Terni. CAPITOLO 1 1.0 INTRODUZIONE In Umbria, secondo quanto riportato dall’analisi statistica dei fenomeni franosi nell’ambito del Progetto IFFI (Inventario Fenomeni Franosi Italiani), le frane interessano circa il 9% dell’intero territorio, corrispondente ad una superficie totale instabile pari a 651 Km 2 . Al 31 dicembre 2006, nei territori della Provincia di Perugia e di Terni, sono stati censiti circa 34.545 fenomeni franosi che principalmente interessano fenomeni di riattivazione di frane più antiche. Il territorio umbro prevalentemente montano – collinare, infatti, è particolarmente soggetto a riattivazioni periodiche a carattere stagionale, in corrispondenza di aree in dissesto già cartografate. La Tabella 1 riporta la ripartizione delle aree soggette a frane all’interno del territorio umbro tra le provincie di Perugia e Terni. Dall’analisi della distribuzione della tipologia di frane (Fig. 1), è emerso che i movimenti gravitativi più diffusi sono gli scivolamenti rotazionali/traslativi che rappresentano ben il 66% del totale, i meno comuni sono i processi rapidi di versante.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

umbria
trasimeno
frana superficiale
depositi flyschoidi
soglie pluviometriche
s.arcangelo di magione
soglie di attivazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi