Skip to content

L'Italia verso l'Europa negli anni della ricostruzione (1947-1953)

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Di Benedetto
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2012-13
  Università: UniCusano - Università degli Studi Niccolò Cusano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Giuliano Caroli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 94

Per l'Italia, gli anni dell'immediato dopoguerra, costituiscono un periodo di transizione dal regime fascista alla costruzione di un regime democratico e pluripartitico.
Il paese, flagellato sia a livello economico e sia in ambito politico-militare dal secondo conflitto mondiale, urgeva di una "ricostruzione".
Tra la seconda parte del 1946 e l'inizio del 1947 si aggravò ulteriormente la situazione economica del paese, che era insieme crisi alimentaria e crisi monetaria con una forte ripresa dell'inflazione. Alla drammatica situazione economica si aggiungeva l'instabilità sociale dell'ordine pubblico, la rinascita di movimenti neofascisti e la sempre maggiore contrapposizione tra le sinistre e la DC, che stava portando il governo alla paralisi. Si ponevano come prioritari i problemi della ricostruzione economica, della creazione di un sistema democratico e del reinserimento dell'Italia nella comunità internazionale. Un'operazione la cui paternità, almeno per il primo periodo (1947 – 1953) è da attribuire in buona misura all'intuizione ed alla fermezza del Presidente del Consiglio Alcide De Gasperi e al Ministro degli Esteri Sforza . Tra il leader democratico e il conte si sarebbe dunque instaurata tra il 1947 e il 1951 una proficua ed efficace collaborazione fondata su una sostanziale comunanza di vedute e obiettivi. La collaborazione tra i due statisti, nell'arco di un quinquennio – pur non mancando le occasioni di dissenso e i dissapori – risulterà decisiva per indirizzare e quindi realizzare la "corsa di ritorno" dell'Italia nello schieramento politico-militare dell'Occidente. Fin dal suo insediamento a Palazzo Chigi Sforza si mostrò concorde con De Gasperi intorno alla necessitò di procedere alla firma del trattato di pace. Per entrambi tale scelta, per quanto dolorosa e ritenuta ingiusta, rappresentava la condizione che avrebbe permesso all'Italia di chiudere definitivamente la parentesi della guerra e della sconfitta, di riacquistare la piena sovranità e di porre le premesse per sviluppare una precisa azione di politica estera. A questo proposito, sia De Gasperi, sia Sforza ritenevano che l'Italia, a dispetto della disfatta militare, della debolezza economica, delle incertezze politiche e dell'instabilità sociale, dovesse porsi l'obiettivo del recupero del ruolo nel contesto internazionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione Per l’Italia, gli anni dell’immediato dopoguerra, costituiscono un periodo di transizione dal regime fascista alla costruzione di un regime democratico e pluripartitico. Sono gli anni in cui si decide la forma istituzionale, si consolidano i partiti, si approva la nuova Costituzione repubblicana. Nello stesso tempo, la situazione internazionale ha influenzato in modo determinante la politica non soltanto estera, ma anche quella interna. Le vicende internazionali e quelle interne sono strettamente intrecciate. Bisogna, quindi, distinguere il peso che nei diversi periodi ebbero i condizionamenti provenienti dall’estero, e il ruolo, diretto e indiretto, di entrambe le potenze, Stati Uniti e Unione Sovietica. I condizionamenti da parte americana vi furono, prima per il controllo esercitato sulla politica del paese della Commissione alleata di controllo, e poi per le scelte di politica economica collegate al piano Marshall 1 , ma soprattutto per la situazione di dipendenza dagli aiuti degli Stati Uniti nell’immediato dopoguerra. Di conseguenza, è scontata per l’Italia, una sfera d’influenza occidentale. L’influenza dell’URSS, invece, fu esercitata in modo indiretto attraverso il Partito Comunista e il Partito Socialista. Il contesto politico italiano era reso incerto dalla drammatica situazione economica. Alla liberazione del paese si ponevano come prioritari i problemi della ricostruzione economica, della creazione di un sistema democratico e del reinserimento dell’Italia nella comunità internazionale. Un’operazione la cui paternità, almeno per il primo periodo (1947 – 1953) è da attribuire in buona misura all’intuizione ed alla fermezza del Presidente del Consiglio Alcide De Gasperi 2 . Tra la seconda parte del 1946 e l’inizio del 1947 si aggravò ulteriormente la situazione economica del paese, che era insieme crisi alimentaria e crisi monetaria con una forte ripresa dell’inflazione. Alla drammatica situazione economica si aggiungeva l’instabilità sociale dell’ordine pubblico, la rinascita di movimenti neofascisti e la sempre maggiore contrapposizione tra le sinistre e la DC, che stava portando il governo alla 1 La reazione italiana al Piano Marshall fu immediatamente positiva. VARSORI ANTONIO, L’Italia nelle relazioni internazionali (1943-1992), edizioni Laterza, Roma - Bari, 1998, p. 50 2 Lo statista trentino era nato il 3 aprile 1881 a Pieve Tesino e si spense il 19 agosto 1954 a Selva di Valgardena. Presidente del Consiglio al IV Governo De Gasperi (31 maggio 1947 – 23 maggio 1948) della durata di 347 giorni e che vide una coalizione DC, PLI, PSLI, PRI; (quinto governo a partire dal 21 giugno 1945).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dopoguerra
ricostruzione
de gasperi
bevin-sforza
progetti europeisti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi