Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione strategica ed organizzativa dell'impresa Farmacia. tre casi a confronto.

La farmacia è un’impresa professionale, commerciale e sociale. Nel corso degli anni recenti, questa particolare impresa è stata oggetto di una profonda revisione normativa, che ne ha previsto la graduale trasformazione da “semplice” punto di dispensazione del farmaco a presidio sanitario capace di erogare numerosi servizi aggiuntivi all’utenza, così come indicato dalla Legge 69/2009.
L’importante deflazione dei prezzi dei farmaci erogati dal Sistema Sanitario Nazionale, in corso da oltre un decennio, ed i continui tagli alla spesa sanitaria in generale e farmaceutica in particolare hanno impattato profondamente sull’equilibrio economico della farmacia, spingendo i responsabili della sua conduzione economica ad allargare i confini del proprio business. Ciò impone, quindi, che i titolari/direttori di farmacia assumano ulteriori competenze rispetto a quelle già in loro possesso, in particolare di tipo economico/manageriale e strategico/organizzativo.
Questa tesi illustra tre diverse modalità di gestione economica dell’impresa farmacia operanti nel territorio vicentino, spingendosi a proporre una diversa visione strategica (rispetto quella dominante) strutturata sulla specializzazione delle risorse umane ed immaginando la costruzione di un diverso contesto competitivo, fondato sulla coopetizione degli attori.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Considerazioni introduttive: “Arte, professione e commercio”. All’inizio il farmacista era lo speziale, un professionista che grazie alle proprie competenze distintive era in grado di allestire i diversi medicamenti prescritti dal medico ai malati. Quella del farmacista, conseguentemente, è da sempre una professione nobile: la pratica galenica esalta la scienza, ed anche l’arte, che questo mestiere sottende. In un interessante e romantico scritto risalente a quasi due secoli e mezzo or sono, si può leggere: “Noi vedremo nascere l’arte farmaceutica da’ primi istinti della propria conservazione,comuni a tutti gli animali, ma fecondi di mirabili scoperte nella umana specie. La vedremo poi esercitata dagli stessi imperadori, da patriarchi, da profeti e da sommi sacerdoti, quasi che nelle loro mani stesse materialmente la salute de’ popoli. […] Il farmacista ha sempre contro di sé un pregiudizio popolare, quello cioè di essere estimato un mercante. Infatti, egli prende il suo posto nella società come tale. Ora, quale possa essere l’avvenire dell’arte farmaceutica, questa è la sua posizione al presente; e, mentre il farmacista o il Chimico fa continui sforzi per elevarsi, non lascia in apparenza di essere un mercadante. Ciò non pertanto, l’esercizio di questa nobile arte richiede una vasta istruzione scientifica che debbe sempre distinguere il farmacista da qualunque altro industrioso. […] Ecco la principal differenza che pone il farmacista al di sopra di qualunque altro venditore o mercante, quando una notevole differenza essenzialissima non la ponesse, diremmo quasi per istinto, la pubblica opinione, che vede sempre nel farmacista uomo di scienza e non di traffico” 1 . Da tale modello culturale deriva il farmacista contemporaneo, sebbene nell’attuale contesto l’aspetto magistrale sia stato soppiantato da quello distributivo e la pratica galenica abbia lasciato il posto alla vendita del farmaco preconfezionato ed il ruolo della stessa farmacia sia andato ad attestarsi su posizioni di pura intermediazione fra l’area pubblica e l’area privata: nella farmacia 1 Kernot F. (1781), STORIA DELLA FARMACIA E DEI FARMACISTI APPO I PRINCIPALI POPOLI DEL MONDO, Tipografia del Giornale di Napoli, Napoli.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Massimo Giaretta Contatta »

Composta da 146 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1127 click dal 30/05/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.