Skip to content

L'infermiere e il Clinical Risk Management delle cadute dei pazienti: analisi e confronto tra i dati reali ed il livello di percezione del fenomeno nelle unità operative di ricovero dell'ospedale Sandro Pertini

Informazioni tesi

  Autore: Roza Holovnya
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Maurizio Musolino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 112

Background Oggi il Clinical Risk Managment assume un ruolo rilevante nell'ambiente ospedaliero in quanto è in grado di ridurre la possibilità di un danno al paziente. L'infermiere è implicato in questo processo. Gli incidenti che si verificano sono numerosi, tra questi l'evento-caduta che provoca un aumentano di disabilità, morbilità e spese sanitarie. Il dovere etico dell'infermiere è di contribuire alla prevenzione, segnalazione e rilevazione di possibili modifiche al miglioramento.
Obiettivi. Valutare l'entità reale del fenomeno-caduta accidentale del paziente e verificare il grado di percezione da parte del personale infermieristico.

Metodi e materiali Revisione della bibliografia sul processo del Clinical Risk Management e sul rischio di caduta in ospedale. Il metodo scelto per lo studio è descrittivo-fenomenologico che ha previsto l'analisi delle schede di segnalazione con successiva somministrazione di un questionario strutturato agli infermieri delle Unità Operative di ricovero dell'ospedale Sandro Pertini. I dati così raccolti e analizzati vengono rappresentati graficamente.

Risultati La popolazione studiata è composta di 254 infermieri, 122 partecipanti hanno risposto al questionario. Nel periodo di osservazione, sono state valutate 414 schede di segnalazione delle cadute. Tra i pazienti caduti il 63% sono uomini. Il range di età va da 20 a 96 anni. Età media del campione è di 68,5 anni. Si conclude con la proposta di un piano di miglioramento.
Limite dello studio è rappresentato dal fatto che la rilevazione della percezione è stata fatta in forma puntuale ed è pertanto necessario ripetere la raccolta dati nel tempo al fine di averne una visione dinamica.

Conclusioni Dallo studio emerge che, percepire la caduta come un problema, gioca un ruolo importante, ma non determinante per la prevenzione, inoltre, non è sufficiente la valutazione quantitativa per dare evidenza completa dell'efficacia preventiva, questa deve essere confrontata con il parere del personale. Il feedback sui tassi di caduta e sui cambiamenti posti nel programma di prevenzione deve essere una leva motivazionale per creare una base solida per la segnalazione e prevenzione delle cadute accidentali. Allora la scheda di segnalazione e i dati raccolti, oltre che strumento aziendale, deve diventare un mezzo formativo e di coesione dell'intera equipe, stimolo al miglioramento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
RIASSUNTO DELLA TESI Oggi il Clinical Risk Managment assume un ruolo rilevante nell’ambiente ospedaliero in quanto è in grado di ridurre la possibilità di un danno al paziente. L’infermiere è implicato in questo processo perché il suo l’obiettivo principale è mettere il paziente in sicurezza. Gli incidenti che si verificano durante l'attività assistenziale sono numerosi, tra questi l’evento- caduta. Le cadute provocano un aumento della disabilità, morbilità e delle spese sanitari. Il dovere etico dell’infermiere è di prevenire, indagare, segnalare le cadute e rilevare possibili modifiche finalizzate al miglioramento. Obiettivo generale Obiettivi specifici del lavoro seguenti: di questo lavoro è di valutare l’entità reale del fenomeno-caduta accidentale del paziente e verificare il grado di percezione da parte del personale infermieristico.  Studio del Clinical Risk Management come mezzo per la prevenzione e gestione degli incidenti clinici;  Revisione della letteratura relativa al rischio-caduta nell'ambiente ospedaliero;  Individuare i requisiti principali della procedura aziendale per la prevenzione delle cadute; Materiali e metodi per la ricerca: la prima fase dello studio è stata caratterizzata dalla ricerca bibliografica sul rischio di caduta e sul Risk Management nella sanità utilizzando le seguenti parole chiave: clinical risk management and falls (gestione del rischio clinico e cadute); risk of falls in hospital and nurses (rischio di cadute in ospedale e gli infermieri); perception of nurses and falls (la percezione degli infermieri e cadute); falls and hospital Le fonti della ricerca sono state tratte sia dai testi scientifici messi a disposizione dalle biblioteche che dal portale del centro studi EBN e seguenti banche dati: Medline, Cochrane collaboration. Fonte essenziale per la ricerca è stato il portale del Ministero della Salute. (cadute e ospedale). Come principale riferimento il presente lavoro prende in considerazione la procedura aziendale formulata dal gruppo di lavoro dell’UOC Qualità e Risk Management dell’ASL ROMA B e le raccomandazioni del Ministero della Salute per la prevenzione delle cadute nelle strutture sanitarie. Il metodo scelto per lo studio è descrittivo-fenomenologico che prevedeva analisi delle schede di segnalazione delle cadute e successiva somministrazione di un questionario ad infermieri delle unità operative di ricovero. I dati cosi raccolti sono ampiamente descritti e rappresentati graficamente nella terza parte del lavoro. Si conclude con la proposta di un piano di miglioramento. La tesi si articola in tre parti principali: Nella prima parte, per comprendere al meglio la gestione del rischio di caduta, si è ritenuto necessario apprestare una panoramica sul tema del Clinical Risk Management che in ambito sanitario viene definito come Gestione del Rischio Clinico. In questo processo la sicurezza è concepita come un requisito del sistema e l’evento avverso come il frutto di un’ interazione tra fattori tecnici, organizzativi e di processo, piuttosto che conseguenza di un singolo errore

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

clinical risk management and falls
gestione del rischio clinico e cadute
perception of nurses and falls
percezione degli infermieri e cadute
falls and hospital
cadute e ospedale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi