Skip to content

Gli stili skinhead e i Media

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Spacca
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze e tecnologie delle arti figurative, musica, spettacolo e moda
  Relatore: Gennaro Schembri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 95

Questo scritto analizza la nascita e lo sviluppo delle culture skinhead ed il modo in cui i media ne hanno trasformato il significato, strumentalizzandolo e dandogli indelebilmente un'accezione negativa.
Il percorso di analisi e riflessione inizia con un capitolo in cui viene spiegato antropologicamente il significato della parola cultura, spiegando perché il movimento è errato definirlo una sottocultura, avendo tutte le caratteristiche necessarie per poterlo definire una cultura a tutti gli effetti. In secondo luogo passa in rassegna la storia delle culture giovanili dagli anni '50 ad oggi e il loro stretto legame con il mondo cinematografico, che ne ha permesso la diffusione, distorcendone più di una volta il messaggio.
In fine viene illustrato il percorso storico della cultura skinhead, gli albori dello stile con la cultura mods, i rude boys, il modo in cui la musica tradizionale Jamaicana (Calypso) ha incontrato il rock dando vita a nuovi generi identificativi come il rocksteady e lo ska, le influenze socio-culturali e musicali nella società degli anni '60 e nella società contemporanea, l'utilizzo che ne ha fatto il cinema della cultura stessa e il motivo per il quale nella quotidianità la figura skinhead venga associata a gruppi estremisti di destra.
La tesi viene conclusa con una riflessione sul progressivo impoverimento culturale delle culture giovanili che inesorabilmente tornano ad assumere una posizioni di sub-culture legate eccessivamente allo stile ed alla musica ma scevre da una coscienza identitaria culturale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Fin dall'immediato dopoguerra in Europa ed in America si sono verificati fenomeni di aggregazione giovanile che, di volta in volta, hanno assunto un carattere specifico in relazione allo stato sociale ed al luogo in cui esse prendevano forma, assumendo nomi fantasiosi o provocatori e quando non sono stati inglobati dalla cultura dominante hanno contribuito a cambiare in qualche modo gli schemi rigidi della società di cui (non) facevano parte. Con questo lavoro intendo dimostrare in che modo i media, il cinema, la stampa e l'opinione pubblica abbiano influito negativamente sull'immagine “ufficiale” della cultura skinhead. A tal fine mi soffermerò sulle radici di questa cultura, cercando una continuità tra vecchie e nuove generazioni e cercherò di rivalutarne i caratteri. Intendo dimostrare quindi come questi stili culturali abbiano una vera e propria valenza culturale, lontani dall'aspetto "subculturale" in cui spesso vengono relegati: nello specifico analizzerò il movimento skinhead, conosciuto a livello mediatico quasi esclusivamente nella fase revivalista degli anni '80 (raramente i media si sono interessati alla sua origine culturale e alle tendenze che l'hanno generato). Col tempo diverse culture giovanili si sono impoverite di ideali e di significati, trasformandosi soprattutto in mode tuttavia persistono ancora oggi gruppi che, coerenti con il proprio stile, credono in positivo o in negativo nei vecchi ideali. Punto di partenza dell'analisi è il concetto di cultura, qui utilizzato nell'accezione antropologica che lo oppone a natura e che non attribuisce all'attività ad esso connessa una valenza maggiore rispetto ad altre. Con cultura si intende: "denominare invece il complesso delle attività e dei prodotti intellettuali e manuali dell'uomo-in-società, quali che se siano le forme ed i contenuti [...], e quale che ne sia la distanza dai comportamenti che nella nostra società vengono può meno riconosciuti come veri, giusti, buoni e più in generale culturali. In questo senso sono «cultura» anche certe pratiche o osservanze che per altri rispetti qualificheremmo come forme di «ignoranza» ignoranza [...]:sono «cultura» nel senso che costituiscono anch'esse un 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

stile
skinhead
subculture
culture giovanili
mods
skins

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi