Skip to content

Intese verticali e Franchising una comparazione degli ordinamenti italiano e canadese

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Bonsaver
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Enrico Ginevra
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 143

Il presente lavoro si pone l'obiettivo di operare una comparazione, tra il diritto italiano e canadese, sul tema degli accordi verticali. Nel trattare questo argomento, particolare attenzione è stata riservata alle peculiarità della disciplina di dette restrizioni nell’ambito dei rapporti negoziali di franchising.
Il lavoro si articola su tre capitoli. L'organicità della tesi è garantita attraverso una puntuale analisi dei singoli ordinamenti, operata nei primi due capitoli. Il primo capitolo, specificamente, si concentra sul profilo europeo. Viene analizzato in maniera dettagliata il Regolamento UE n. 330/2010, cuore della disciplina delle restrizioni verticali in Europa. Nella seconda parte del primo capitolo viene analizzata la fattispecie dell'abuso di dipendenza economica, art. 9 della Legge 192/1998 sulla subfornitura, della quale, dopo aver chiarito i dubbi applicativi, si sostiene il rilevante significato concorrenziale.
Il secondo capitolo contiene un'accurata e circostanziata analisi del sistema canadese delle restrizioni verticali. Viene sottolineato, in una prima parte, il background giuridico della normativa antitrust in questo paese e, successivamente, si analizzano in maniera puntuale tutte le sezioni, dalla s. 75 alla s. 79 del Competition Act, riferite al tema delle restrizioni verticali in Canada.
Nel terzo capitolo, si devia dal profilo di indagine giuridica relativa alle restrizioni, per addentrarsi nella vera e propria comparazione dei profili di rilievo. Il tema delle restrizioni viene sviscerato partendo da una analisi del profilo economico.
Successivamente l'analisi si focalizza sulla comparazione dei profili più significativi, evidenziando le criticità ed osservando le soluzioni, di volta in volta, approntate da ciascun ordinamento.
Lo studio viene condotto con un'attenzione particolare a quella che è la ratio sottesa alle norme antitrust che regolano le restrizioni verticali, sempre riservando un'attenzione particolare alla fattispecie giuridica di franchising. Il lavoro, viene effettuato attraverso la minuziosa analisi della legislazione e dei casi rilevanti in tema di restrizioni verticali e franchising, sia nella giurisprudenza italiana e continentale sia in quella canadese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Pag. 1 INTRODUZIONE Il presente lavoro è stato realizzato anche grazie a un soggiorno di studio presso la città di Toronto (Canada), nel corso del quale ho avuto la possibilità di analizzare il tema delle restrizioni verticali, svolgendo un’analisi comparata tra l’ordinamento canadese e quello italiano. Nel trattare questo argomento, particolare attenzione è stata riservata alle peculiarità della disciplina di dette restrizioni nell’ambito dei rapporti negoziali di franchising. Nello scenario internazionale, la prima legge a tutela della concorrenza, a differenza di quanto comunemente ritenuto, non è lo Sherman Act 1 statunitense, bensì il Competition Act canadese, emanato nel 1889 col nome "An Act to provide for the general regulation of trade and commerce in respect of conspiracies, trade practices and mergers affecting competition" . La prima legge italiana a tutela della concorrenza, invece, risale al 1990. Questa semplice osservazione può riassumere il ritardo e la lunga sottovalutazione delle tematiche legate alla concorrenza nel nostro paese. Nel contesto del diritto della concorrenza europeo, dopo una più che trentennale applicazione dei principi affermati dal regolamento 17/1962 2 , abbiamo assistito, grazie al Reg. n. 1/2003 3 , ad un processo di c.d. modernizzazione del diritto della concorrenza. Indiscutibilmente, questo processo, ha visto il suo inizio nell’emanazione del regolamento di esenzione sulle restrizioni o intese verticali: il Reg. n. 2790/1999 4 . Quest'ultimo atto è stato oggi sostituito dal Reg. n. 330/2010 5 , il quale riprende e rappresenta l'evoluzione ultima della materia delle restrizioni verticali in Europa. Anche la legislazione canadese è stata interessata, negli ultimi anni, da una profonda revisione della legislazione riservata alle intese verticali 6 , che ha impresso una forte spinta “liberista” sulla disciplina, delle restrizioni verticali, di questo Paese 7 . Questi sviluppi normativi hanno innovato profondamente il quadro delle intese verticali. È facile comprendere, dunque, che gli spunti di riflessione, in una ottica comparativa, non mancano. 1 Sherman Act, 2 Luglio 1890, ch. 647, 26 Stat. 209, 15 U.S.C. §§ 1–7. 2 Il primo regolamento che governò l'applicazione di quelli che oggi sono gli articoli 101 e 102 del TFUE, Regolamento (CEE) n. 17: primo regolamento d'applicazione degli articoli 85 e 86 del trattato, GU 13, 21.2.1962. 3 Regolamento (CE) n. 1/2003 del Consiglio, del 16 dicembre 2002, concernente l'applicazione delle regole di concorrenza di cui agli articoli 81 e 82 del trattato, Gazzetta ufficiale n. L 001 del 04/01/2003. 4 Regolamento (CE) n. 2790/1999 della Commissione, del 22 dicembre 1999, relativo all'applicazione dell'articolo 81, paragrafo 3, del trattato CE a categorie di accordi verticali e pratiche concordate. 5 Regolamento (UE) n. 330/2010 della Commissione del 20 aprile 2010 relativo all’applicazione dell’articolo 101, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea a categorie di accordi verticali e pratiche concordate. 6 Si tratta della grande riforma del diritto antitrust del 2009 la Budget Implementation Act o (Bill C-10), che è stata definita come una delle più importanti degli ultimi 20 anni. 7 Questa influenza è venuta, in particolare, dalla scuola di pensiero nota come scuola di Chicago.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

italia
franchising
canada
comparazione
franchise
intese verticali
vertical
restrizioni
restraints

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi