Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'incidenza dei costi sociali sulle scelte della Pubblica Amministrazione. Eventuali risvolti sull'onere di motivazione nella procedura di valutazione di impatto ambientale

Vi sono attività umane che provocano conseguenze negative sull'ambiente e quindi incidono inevitabilmente sul benessere della collettività: tali effetti prendono il nome di costi sociali. Il problema è che i costi sociali non sono direttamente traducibili in perdite economiche e quindi risulta complesso orientare le scelte in tale campo. Un metodo messo a disposizione dalla scienza economica per risolvere tale problema è l'analisi costi-benefici, che consente di valutare la convenienza economica di un'attività, sia dal lato monetario che da quello sociale. Per giunta, tale modello permette di considerare tutti i costi che comporta l'intrapresa di un'azione, sia interni che esterni, ma incontra dei limiti per quanto riguarda la valutazione dei costi ambientali. Perciò è opportuno integrare l'analisi costi-benefici con altri sistemi in grado di dare una soluzione più completa. Tra questi vi è la Valutazione di impatto ambientale: un procedimento tecnico-amministrativo a cui devono essere sottoposte quelle opere artificiali che, secondo determinati parametri stabiliti dalla legge, sono in grado di produrre impatti rilevanti sull'ambiente.
Occorre partire proprio dalla tutela dell'ambiente per prevenire l'insorgenza dei costi sociali derivanti dalle attività economiche pubbliche o private, vista la stretta connessione tra economia e ambiente, di cui si dirà. Al fine di predisporre un'adeguata tutela, è necessario definire il suo oggetto e si vedrà come l'ambiente sia un interesse di primaria importanza per il potere pubblico, di cui la Valutazione di impatto ambientale è l'espressione. Si illustrerà come questa complessa procedura si pone l'obiettivo di uno sviluppo economico in armonia con l'ecosistema naturale, attraverso il coinvolgimento dei soggetti interessati dall'attività impattante, che quindi potranno portare all'attenzione dell'Amministrazione Pubblica preposta al procedimento i costi sociali sopportati, la quale dovrà compiere una valutazione discrezionale degli interessi emergenti e rendere edotti gli interessati dei motivi per cui ha scelto di decretare la compatibilità ambientale dell'opera.
Per comprendere al meglio le dinamiche che ruotano attorno alla procedura valutativa, si è scelto di presentare un caso di applicazione concreta.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Vi sono attività umane che provocano conseguenze negative sull’ambiente e quindi incidono inevitabilmente sul benessere della collettività: tali effetti prendono il nome di costi sociali. Il problema è che i costi sociali non sono direttamente traducibili in perdite economiche e quindi risulta complesso orientare le scelte in tale campo. Un metodo messo a disposizione dalla scienza economica per risolvere tale problema è l’analisi costi-benefici, che consente di valutare la convenienza economica di un’attività, sia dal lato monetario che da quello sociale. Per giunta, tale modello permette di considerare tutti i costi che comporta l’intrapresa di un’azione, sia interni che esterni, ma incontra dei limiti per quanto riguarda la valutazione dei costi ambientali. Perciò è opportuno integrare l’analisi costi-benefici con altri sistemi in grado di dare una soluzione più completa. Tra questi vi è la Valutazione di impatto ambientale: un procedimento tecnico- amministrativo a cui devono essere sottoposte quelle opere artificiali che, secondo determinati parametri stabiliti dalla legge, sono in grado di produrre impatti rilevanti sull’ambiente. Occorre partire proprio dalla tutela dell’ambiente per prevenire l’insorgenza dei costi sociali derivanti dalle attività economiche pubbliche o private, vista la stretta connessione tra economia e ambiente, di cui si dirà. Al fine di predisporre un’adeguata tutela, è necessario definire il suo oggetto e si vedrà come l’ambiente sia un interesse di primaria importanza per il potere pubblico, di cui la Valutazione di impatto ambientale è l’espressione. Si illustrerà come questa complessa procedura si pone l’obiettivo di uno sviluppo economico in armonia

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Gava Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 711 click dal 06/06/2014.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.