Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Mobbing: panoramica del fenomeno e studio di un caso particolare

La prima parte della tesi analizza i mobbing nelle sue caratteristiche: cos'è e cosa non è, tipi, modalità di attuazione, gli attori del mobbing, le fasi e le tecniche di difesa. La seconda parte è una carrellata della normativa europea e italiana riferita a questo fenomeno.
Nella terza parte vengono riportati gli atti del processo di un eclatante caso di mobbing accaduto presso un'associazione sindacale dei lavoratori.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Il mobbing ormai è una realtà quotidiana ed è una parola entrata nel lessico comune a significare una situazione di pressione psicologica sul posto di lavoro. Talvolta si pensa ad un’ atmosfera che normalmente si respira in questi ambienti e si dà per acquisita, tanto che a volte non ci si fa neppure caso. Uno studioso l’ha definita “situazione zero” e l’ha individuata come caratteristica tipica nella realtà italiana del mondo del lavoro. Molto spesso però questa parola viene utilizzata in modo non appropriato perché il mobbing è ben altro che una pressione psicologica. Il mobbing così come viene comunemente inteso non è altro che la punta di un iceberg, sotto al quale è ancorato un pesante fardello di situazioni concomitanti che concorrono a far inabissare la vittima. Da semplice forma di repressione nei confronti del lavoratore, il mobbing è oggi diventato una problematica complessa che si sta gradatamente espandendo man mano che i lavoratori, messi a conoscenza delle dinamiche del fenomeno, si riconoscono nelle situazioni e nei sintomi e con la loro denuncia ne fanno rilevare la frequenza. Consci dei mezzi messi a disposizione per loro tutela, hanno più coraggio a denunciare il mobber e a palesare situazioni che diversamente resterebbero nel sottobosco dell’illegalità. Le ultime statistiche dell’Ispesl, Istituto Superiore per la salute negli ambienti di lavoro, che già risalgono al 2012, rilevano una percentuale del 9% di lavoratori italiani mobbizzati, pari a circa 2.600.000, con una prevalenza di donne rispetto agli uomini, pur

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Paola Cogo Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1416 click dal 11/06/2014.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.