Skip to content

La formazione in Media Education: analisi dell'offerta formativa degli atenei italiani

Informazioni tesi

  Autore: Julija Stevanovic
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Claudio Riva
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

L’obiettivo principale di questo lavoro è stato quello di raccogliere ed analizzare l’offerta formativa degli atenei italiani in relazione alla Media Education, sia per quanto riguarda i corsi di laurea, sia per i singoli insegnamenti. Per far ciò è stato necessario innanzitutto definire il concetto di Media Education e i termini ad esso correlati: si è proceduto quindi ad analizzare la rassegna della letteratura internazionale sul tema, dove è stata evidenziata la difficoltà a pervenire a una terminologia unitaria, poiché a fianco all’espressione “Media Education” risultano radicate anche le espressioni “Media Literacy” e “Media Studies”.
Si è proceduto successivamente con l’analisi della letteratura italiana sul tema, dove si è reso necessario esporre le differenze terminologiche ancor più marcate rispetto al contesto internazionale poiché a fianco all’espressione Media Education sono state incontrate ulteriori espressioni come “educazione ai media”, “educazione mediale” o “pedagogia dei media”. E’ stato adottato in questo elaborato, un concetto ampio di Media Education, il quale comprende sia l’educazione ai media, quanto l’educazione con i media e si è voluto pertanto sottolineare il rapporto sempre più stretto con la disciplina dell’“Education Technology”, il cui corrispettivo italiano risulta anche questo caso frammentario dal punto di vista terminologico (le espressioni più frequenti sono “tecnologie didattiche”, “tecnologie dell’educazione”, “tecnologie dell’istruzione e dell’apprendimento”). Seguendo cioè l’analisi di due autori (Ardizzone e Rivoltella, 2008) si è ripercorsa la storia e gli orientamenti della Media Education da un lato e dell’Education Technology dall’altro, analizzati infine, in vista di una possibile convergenza, la quale viene definita “New Media Education”.
Una seconda parte di questo elaborato focalizza l’attenzione sulla rassegna della letteratura internazionale e nazionale sul tema della formazione in Media Education, analizzando le indicazioni degli organismi internazionali, i cui punti programmatici indicano la formazione (a tutti i livelli) come requisito fondamentale per lo sviluppo della disciplina. A fianco alle raccomandazioni si è voluto inoltre raccogliere le esperienze reali sul tema della formazione nel contesto internazionale e, benché vi siano diversi livelli di sviluppo della disciplina nei vari Paesi del mondo, si sono delineate per molti di essi alcune criticità comuni come la mancanza di percorsi formativi istituzionali, ovvero l’assenza di un curriculum nella scuola dell’obbligo e di corsi universitari o di altre specializzazioni sul tema, la preponderanza della formazione unicamente strumentale relativa alle ITC, la difficoltà di istituire percorsi universitari in Media Education di fronte a un mercato del lavoro in cui questo tipo di figura, vista l’assenza di un curriculum formale nelle scuole, non è richiesta.
Il contesto italiano è stato delineato a partire dallo sviluppo della Media Education nella scuola, attraverso i risultati di ricerche empiriche sulla sua diffusione, sulle attività più praticate, sulla formazione degli insegnanti in riferimento ai media e alle tecnologie. A partire da quest’ultimo dato (in cui risulta che solo l’11% degli insegnanti abbia acquisito attraverso la propria formazione universitaria competenze nelle gestione dei media in contesto formativo), si è ipotizzato che l’offerta formativa universitaria risultasse insufficiente sul tema. Si è quindi proceduto a raccogliere i dati relativi ai corsi di studio e agli insegnamenti dedicati alla Media Education attraverso il sito “OFF.F” del MIUR con l’obiettivo, per quanto riguarda i corsi di laurea attivati nella classe LM-93 (Teorie e metodologie dell’e-learning e della Media Education) dall’a.a. 2008-09 all’a.a. 2012-13, di analizzare gli obiettivi specifici e gli sbocchi occupazionali di ciascun corso e confrontare i piani di studio e la distribuzione dei crediti formativi nelle singole discipline. Per quanto riguarda i singoli insegnamenti (al di fuori della classe di laurea LM-93) l’obiettivo è stato verificare, nel periodo dall’a.a. 2008-09 all’a.a. 2011-12, quale denominazione fosse più frequente, in quale classe di laurea fossero situati, quale “peso” assumessero all’interno del piano di studio, quali attività fossero più frequenti dall’analisi dei programmi etc. Si è voluto cioè indagare lo sviluppo della Media Education come disciplina universitaria e la sua definizione dal punto di vista terminologico, concettuale e pratico. Un ulteriore dato raccolto è stato quello relativo all’a.a. 2011-2012 per gli insegnamenti in Media Education e in Education Technology, al fine di verificare quale fosse la presenza delle due discipline nell’offerta formativa universitaria a confronto e in quale misura esse risultassero convergenti, ovvero se e in quale misura si potesse parlare di una forma di New Media Education.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE L’obiettivo principale di questo lavoro è stato quello di raccogliere ed analizzare l’offerta formativa degli atenei italiani in relazione alla Media Education, sia per quanto riguarda i corsi di laurea, sia per i singoli insegnamenti. Per far ciò è stato necessario innanzitutto definire il concetto di Media Education e i termini ad esso correlati: si è proceduto quindi ad analizzare la rassegna della letteratura internazionale sul tema, dove è stata evidenziata la difficoltà a pervenire a una terminologia unitaria, poiché a fianco all’espressione Media Education risultano radicate anche le espressioni Media Literacy e Media Studies. Anche dal punto di vista concettuale sono emerse differenti concezioni della Media Education, seppur vi siano alcune aree definite e comuni, come la riflessione critica e la capacità di lettura di tutte le tipologie dei media – da quelli tradizionali a quelli audiovisivi e digitali – al fine di sviluppare un’opinione personale e autonoma sui contenuti veicolati dai media; lo sviluppo di abilità (sia teoriche che tecniche) relative alla produzione creativa di messaggi mediali, ed infine una dimensione ulteriore e più ampia, ovvero la partecipazione attiva nella sfera pubblica che le abilità inerenti sia alla ricezione di messaggi mediali, quanto alla loro produzione, intendono favorire. Si è proceduto successivamente con l’analisi della letteratura italiana sul tema, dove si è reso necessario esporre le differenze terminologiche ancor più marcate rispetto al contesto internazionale poiché a fianco all’espressione Media Education sono state incontrate ulteriori espressioni come “educazione ai media”, “educazione mediale” o “pedagogia dei media”. Nel contesto italiano l’importazione dell’espressione Media Education ha creato non poche ambiguità, visto che essa ha

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

formazione
media education
media literacy
educazione ai media
education technology

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi