Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il cinema documenta l'orrore. Le donne di Ciudad Juárez

L’elaborato finale si focalizza sul problema del femminicidio a Ciudad Juárez (Chihuahua, Messico) e sull’importanza che il cinema ricopre rendendo coscienti le persone di tutto il mondo sullo scempio che sta accadendo in quelle zone dal 1993. Perché le donne continuano ad essere uccise? Perché nessuno riesce ad interrompere la corsa di questa folle macchina omicida? Qual è la verità sui crimini?

Più che soffermarsi sulle tante risposte incerte che sono state date, all'autrice preme ancor di più documentare e denunciare il femminicidio, una realtà che non può e non deve essere ignorata e ha scelto il cinema, come strumento di denuncia, per il suo forte impatto sulla mente e sul cuore dello spettatore poiché, diversamente dalla lettura di un libro, con un film è possibile mostrare in modo chiaro e crudo immagini e suoni senza lasciare nulla all’immaginazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
61 2.3 UNO SGUARDO SULL’ASSOCIAZIONISMO: ZORROS DEL DESIERTO, AMNESTY INTERNATIONAL, NUESTRA HIJAS DE REGRESO A CASA E ZAPATOS ROJOS Sebbene ci sia molta negligenza e indifferenza in tutto il Paese e in particolare nella città di Juárez, non si sono disinteressati alla situazione. Molte di esse si sono riunite in associazioni e, con i loro mezzi, aiutano a rendere meno grave la condizione attuale, come gli Zorros del Desierto 84 che assiste la comunità locale individuando, molto spesso per primi, i corpi delle vittime nelle zone desertiche e come Nuestras Hijas de Regreso a Casa 85 , un’associazione no-profit che sostiene le famiglie delle donne scomparse. Altri aiuti, sono inoltre arrivati in campo internazionale, come Amnesty International 86 , un’organizzazione non-governativa che si è proposta di spalleggiare la politica contro il femminicidio di Juárez dando delle norme basi che il governo dovrebbe seguire per lottare contro questa situzione, nonché da artisti messicani, come Elina Chauvet con la sua istallazione chiamata Scarpette rosse 87 con la quale, collocando delle scarpe di donna rosse per tutta la città, ha voluto lasciare un segno contro la violenza di genere. Gli Zorros del desierto (o Volpi del deserto) è un'organizzazione composta da circa sessanta persone, prevalentemente anziani. Si tratta per lo più di lavoratori dei campi e 84 Organizzazione indipendente con lo scopo di aiutare la polizia locale per il ritrovamento dei cadaveri. Ulteriori informazioni su questa organizzazione verranno fornite di seguito 85 <http://nuestrashijasderegresoacasa.blogspot.it/>[15-06-2013] Ulteriori informazioni su questa associazione verranno fornite a p. 62 86 http://www.amnesty.it/[14-06-2013] Amnesty International è un'Organizzazione non governativa indipendente, una comunità globale di difensori dei diritti umani che si riconosce nei principi della solidarietà internazionale. L'associazione è stata fondata nel 1961 dall'avvocato inglese Peter Benenson, che lanciò una campagna per l'amnistia dei prigionieri di coscienza. 87 Istallazione contro la violenza di genere iniziata a Ciudad Juárez nel 2009. Ulteriori informazioni su questa istallazione verranno fornite a p. 67

Laurea liv.I

Facoltà: Mediazione Linguistica e Culturale

Autore: Martina Alibrandi Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 435 click dal 20/06/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.