Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tesi Sperimentale: Valore prognostico dell’analisi di espressione di Galectina-3 nei tumori neuroblastici

I tumori neuroblastici dell’infanzia sono caratterizzati da un decorso clinico molto eterogeneo che riflette la variabilità istologica e biologica di queste neoplasie. Da una parte il ganglioneuroma, rappresenta una neoplasia benigna con decorso clinico sempre favorevole, all’estremo opposto il neuroblastoma indifferenziato è invece un tumore maligno altamente letale. Una corretta diagnosi istologica di queste neoplasie e la possibilità di utilizzare parametri classificativi e biologici di valore prognostico e/o terapeutico, rappresentano sempre di più un elemento essenziale della moderna oncologia al fine di proporre un’offerta terapeutica sempre più personalizzata ed efficace.
In questo studio abbiamo dimostrato che la Galectina-3, una -galattoside binding protein appartenente alla famiglia delle lectine, è variabilmente espressa nelle forme più differenziate e meno aggressive di tumori neuroblastici, come il ganglioneuroma (benigno), il ganglioneuroblastoma e in un sottogruppo di neuroblastomi a miglior prognosi. Utilizzando una casistica multicentrica di 128 tumori neuroblastici ben caratterizzati sia dal punto di vista istologico che clinico, provenienti da Centri internazionali specializzati, abbiamo osservato che l’espressione di Galectina-3, valutata immunoistochimicamente, correla in maniera positiva con gli istotipi a prognosi favorevole secondo la classificazione clinico - patologica di Shimada ed ha un valore prognostico predittivo in un sottogruppo di neuroblastomi con dati di sopravvivenza effettivamente più favorevoli.
Di particolare interesse è il riscontro che l’acido retinoico, composto con attività biologica pro-differenziativa, induce espressione ed accumulo nucleare di Galectina-3 in linee cellulari di neuroblastoma in vitro, inducendo allo stesso tempo un fenotipo differenziato e riducendo sia la proliferazione che la migrazione cellulare. Nel complesso queste informazioni suggeriscono che Galectina-3 svolge un ruolo biologico essenziale nei tumori neuroblastici promuovendone il differenziamento e rappresenta allo stesso tempo un fattore prognostico indipendente clinicamente utile per la stratificazione dei pazienti a maggior rischio di progressione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Riassunto I tumori neuroblastici dell’infanzia sono caratterizzati da un decorso clinico molto eterogeneo che riflette la variabilità istologica e biologica di queste neoplasie. Da una parte il ganglioneuroma, rappresenta una neoplasia benigna con decorso clinico sempre favorevole, all’estremo opposto il neuroblastoma indifferenziato è invece un tumore maligno altamente letale. Una corretta diagnosi istologica di queste neoplasie e la possibilità di utilizzare parametri classificativi e biologici di valore prognostico e/o terapeutico, rappresentano sempre di più un elemento essenziale della moderna oncologia al fine di proporre un’offerta terapeutica sempre più personalizzata ed efficace. In questo studio abbiamo dimostrato che la Galectina-3, una -galattoside binding protein appartenente alla famiglia delle lectine, è variabilmente espressa nelle forme più differenziate e meno aggressive di tumori neuroblastici, come il ganglioneuroma (benigno), il ganglioneuroblastoma e in un sottogruppo di neuroblastomi a miglior prognosi. Utilizzando una casistica multicentrica di 128 tumori neuroblastici ben caratterizzati sia dal punto di vista istologico che clinico, provenienti da Centri internazionali specializzati, abbiamo osservato che l’espressione di Galectina-3, valutata immunoistochimicamente, correla in maniera positiva con gli istotipi a prognosi favorevole secondo la classificazione clinico - patologica di Shimada ed ha un valore prognostico predittivo in un sottogruppo di neuroblastomi con dati di sopravvivenza effettivamente più favorevoli.

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Kristel Bejo Contatta »

Composta da 65 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1089 click dal 24/06/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.