Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Soluzione analitica esaustiva del contatto hertziano tra corpi

Dal 1882, anno in cui Heinrich Rudolf Hertz, con i suoi articoli “Über die Berührung fester elastischer Körper” e “Über die Berührung fester elastischer Körper und über die Härte” pubblicati sulla rivista “Journal für die reine und angewandte Mathematik” formulò la sua teoria del contatto sono passati ben centotrentatrè anni, tuttavia, seppur le ipotesi semplificative introdotte, e le numerose restrizioni, tale teoria è utilizzata tutt'oggi nello studio dei fenomeni di contatto e negli anni seguenti alla sua pubblicazione ha fornito solide basi per analisi più complesse ed avanzate del fenomeno, venendo estesa ed adattata a numerosi campi ed applicazioni, no all'integrazione delle condizioni di attrito, del moto, del lubrificante e per ultima l'integrazione nei modelli FEM. Tale lavoro, che potrebbe sembrare anacronistico, nasce dalla curiosità di avere dell'argomento una visione di insieme completa ed allo stesso tempo semplice, questo perchè seppur tale fenomeno sia stato trattato nel corso degli anni da numerose menti illustri, ed esistano su di esso altrettanti eccellenti testi in lingua inglese di livello più o meno avanzato essi non forniscono una visione d'insieme del problema ma si soffermano principalmente sulle equazioni principali e sui modelli di applicazione, dando molti concetti per scontati, inoltre si è dovuto constatare la penuria, a mio avviso non giustificabile, di testi in lingua italiana che trattassero tale argomento, pertanto, si è cercato di stilare qualcosa di più integrato che potesse permettere allo studente universitario che per la prima volta si confronta con il problema di averene una visione più estesa e che gli permetta di affrontarlo con minori difficoltà possibili. Tale lavoro non può certo avere pretese di completezza e/o esaustività sull'argomento, che tra l'altro risulta essere molto vasto ed articolato, ma vuol fornire tutti gli strumenti necessari, raggruppati coerentemente in ordine successivo, relativamente allo studio del contatto hertziano, approfondendo concetti teorici e matematici che in altre sedi sono tralasciati fno alla risoluzione del problema stesso in modo tale da renderne più agevole la comprensione e laddove fosse necessario fornire solide basi per eventuali studi più avanzati, il tutto correlato da tutta la bibliografia storica e da quella più recente e significativa sull'argomento.

Mostra/Nascondi contenuto.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Luca Di Leta Contatta »

Composta da 207 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 488 click dal 11/07/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:
×