Skip to content

What do i choose? Gambling vs insurance: different decision models at stake

Informazioni tesi

  Autore: Gianni Ghetti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Paolo Ghirardato
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 90

My aim with this thesis is to make some clarity on the occurrence of both gambling and insurance, and on the role of economic theory in general. There is much confusion, indeed. In primis, I highlight the boundary between these two concepts, dispelling the idea that buying insurance can be considered a form of gambling, and underlining that they are pole apart actually. Afterward, similarly, I distinguish between normative and positive economics.
In this light, after a brief presentation of expected utility theory, I claim that its failure, as a positive theory, stems from the fact that it yields poor predictions, rather than from the fact that its assumptions are descriptively false. Indeed, the relevant question, to test a positive theory, is not whether its assumptions are realistic but whether they are a good approximation for the purpose. In this sense, only factual evidence can show whether a theory is ’right’ or ’wrong’.
The failure of expected utility theory had a pivotal role in highlighting the importance of psychological factors in economic behavior. Because of the fact that deviations of actual behavior from the predicted one are too widespread to be ignored, too systematic to be dismissed as random error and too fundamental to be set aside, it has been acknowledged that a better psychological understanding was required.
In this light, then, I present some of the evidence that has been fundamental in assessing the obsolescence of expected utility, as a positive theory.
With the idea of accounting for some of these psychological factors, I present prospect theory, which revolutionized decision theory. It was psychologically rich, empirically corroborated and a rigorous account of decision making under risk. The problems with this theory come from the fact that it allows for the choice of stochastically dominated options. In order to make up for such limitation, cumulative prospect theory ensured that decision makers would not choose stochastically dominated options. However, the gains from introducing this new version of prospect theory were somewhat diminished by a substantial loss in psychological realism.
The last model I present is known as composite cumulative prospect theory. In this model, the editing phase and the decision phase are joined into a single phase, thus combining the psychological richness of prospect theory with the more satisfactory attitudes towards stochastic dominance under cumulative prospect theory.
Before drawing the conclusion, I propose a simple application, related to the insurance context, in order to show how composite cumulative prospect theory provides a better account of factual evidence with respect to cumulative prospect theory.
Finally, I draw my conclusion. It is true that expected utility provides a poor account of factual evidence, both for what concerns gambling and insurance in particular and for other phenomena in general. In this sense, of the available alternatives at the moment, composite cumulative prospect theory is possibly the best decision theory, particularly, under risk. Yet, this may not be so relevant. As a matter of fact, what I tried to make clear is that expected utility was conceived of as a normative theory, rather than as a positive one. Thus, it should be tested accordingly. Normative economics deals with ’what ought to be’, and therefore it raises other and different issues with respect to positive economics. To me, it is not surprising, therefore, the fact that this model is poor from a positivisitc standpoint. In the end, it is just a matter of perspective.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Abstract My aim with this thesis is to make some clarity on the occurrence of both gam- bling and insurance, and on the role of economic theory in general. There is much confusion, indeed. In primis, I highlight the boundary between these two concepts, dispelling the idea that buying insurance can be considered a form of gambling, and underlining that they are pole apart actually. Afterward, similarly, I distinguish between normative and positive economics. In this light, after a brief presentation of expected utility theory, I claim that its failure, asapositivetheory, stemsfromthefactthatityieldspoorpredictions, rather than from the fact that its assumptions are descriptively false. Indeed, the relevant question, to test a positive theory, is not whether its assumptions are realistic but whether they are a good approximation for the purpose. In this sense, only factual evidence can show whether a theory is ’right’ or ’wrong’. The failure of expected utility theory had a pivotal role in highlighting the im- portance of psychological factors in economic behavior. Because of the fact that deviations of actual behavior from the predicted one are too widespread to be ig- nored, too systematic to be dismissed as random error and too fundamental to be set aside, it has been acknowledged that a better psychological understanding was re- quired. In this light, then, I present some of the evidence that has been fundamental in assessing the obsolescence of expected utility, as a positive theory. With the idea of accounting for some of these psychological factors, I present prospect theory, which revolutionized decision theory. It was psychologically rich, empirically corroborated and a rigorous account of decision making under risk. The problems with this theory come from the fact that it allows for the choice of stocha- stically dominated options. In order to make up for such limitation, cumulative prospect theory ensured that decision makers would not choose stochastically do- 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

insurance
prospect theory
gambling
kahneman
.eu
behavioral
pt
tversky
decision
expected utility

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi