Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dipendenza mediata: analisi delle influenze delle nuove tecnologie della comunicazione nella società dalla nascita di internet a oggi

Una delle principali conquiste dell'uomo risiede nella sua capacità di comunicare. La storia degli ultimi secoli è stata segnata da innovazioni nel campo dell'informazione e comunicazione che hanno accompagnato la vita umana fino ai giorni nostri, dalla scrittura all'imposizione della comunicazione di massa fino a oggi, il cui principale mezzo di comunicazione di massa, internet, ha inglobato in sé quasi tutti i precedenti mezzi, generando revisioni nelle teorie sui vecchi media e portando con sé numerosi problemi legati al suo uso e abuso.
Lo scopo di questa tesi è quello di delineare, attraverso un quadro generale, il cambiamento generato dalla tecnologia nella nostra società "accresciuta", dalla semplice influenza fino a toccare fenomeni di dipendenza legata proprio alle nuove e nuovissime tecnologie.
Nel primo dei tre capitoli di cui è composto l'elaborato sarà presentato un breve excursus storico della nascita dei più nuovi mezzi di comunicazione di massa in ordine cronologico, accompagnati dalle relative teorie di influenza e penetrazione più significative.
Nel secondo capitolo saranno analizzati i principali cambiamenti dovuti all'accelerazione digitale e come nuovi dispositivi e forme di comunicazione e informazione hanno trasformato positivamente la vita quotidiana.
Il terzo capitolo affronterà invece il concetto di dipendenza da nuove tecnologie e forme di comunicazione, tipiche spesso delle nuove generazioni always on, e conterrà l'analisi dei principali tipi di dipendenza legata alla rete e ai dispositivi che possono accedervi.
Infine, sarà presente una riflessione sulla connessione tra i nuovissimi media e la "sospensione di incredulità" a cui porta proprio l'immersione nei nuovi media.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La storia degli ultimi secoli è stata segnata da innovazioni nel campo dell'informazione e in quello della comunicazione, che hanno accompagnato la vita umana fino ai giorni nostri, il cui principale mezzo di comunicazione di massa, Internet, ha inglo- bato in sé quasi tutti i precedenti mezzi, generando revisioni nel- le teorie sui vecchi media e portando con sé numerosi problemi legati al suo uso e abuso. Il titolo della mia tesi, «Dipendenza Mediata» è nato a segui- to di una riflessione sulla nostra esperienza personale: pur quo- tidianamente immersi in un mondo tecnologico e digitale, non sempre siamo in grado di riconoscere i sintomi di una nuova forma di «dipendenza». Nella scelta del titolo ho cercato di espri- mere l’intento principale, e cioè delineare, attraverso un quadro generale, il cambiamento generato dalla tecnologia nella nostra società “accresciuta”, dalla semplice influenza fino a toccare fe- nomeni di dipendenza legata proprio alle nuove e nuovissime tecnologie. Inoltre, ho più volte attinto alla lingua inglese per spiegare fenomeni e strumenti, preferendo così mantenermi fe- dele alla terminologia utilizzata dai principali addetti ai lavori del settore; tuttavia, là dove si è reso necessario, per organicità dell’elaborato e per semplicità linguistica, utilizzare formule e termini italiani, ho scelto di utilizzare il termine «dipendenza» nella sfumatura di significato di «forte desiderio di trascorrere più tempo possibile svolgendo una determinata attività» 1 . 1 Per esprimere la condizione di bisogno e dipendenza, la lingua inglese possiede due termini affini, «dependence» e «addiction» confluiti entrambi nell’italiano «dipendenza». Il primo termine si riferisce a condizioni di bi-

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giada Maria Grasso Contatta »

Composta da 77 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1433 click dal 15/07/2014.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.