Skip to content

Effetti del conflitto genitoriale sullo sviluppo psicologico dei figli in caso di separazione e divorzio: come cambia la famiglia

Informazioni tesi

  Autore: Jessica Tomasetta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Santa Parrello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

L'elaborato si propone di studiare come l'evento della separazione e del divorzio influenzi lo sviluppo psicologico dei figli, in particolare nei casi di situazioni conflittuali. Nei 4 capitoli viene studiato la trasformazione socio culturale della famiglia italiana che vede un notevole incremento del fenomeno della separazione e del divorzio, tanto che Cigoli definisce tale situazione come "fase storica". Contemporaneamente viene effettuata un'analisi psicologica dal momento che la separazione, non solo legale, ma soprattutto affettiva ed emotiva è determinata da un processo che necessita il percorrere di varie fasi al fine di evitare stati di malessere, che possono portare a "legame disperante". Aspetto importante è che nonostante la rottura della coniugalità permane la genitorialita, i membri della coppia anche se non più coniugi restano genitori ed è per questo motivo che devono rispettarsi e stimarsi per un sano sviluppo psicologico dei figli. All'interno di ogni famiglia esiste la crisi, il cui superamento rappresenta il segno di salute psichica e impegno nella relazione. Nelle dinamiche della crisi centrale risulta essere il ruolo del conflitto che, secondo Parkinson, non è né qualcosa di positivo nè negativo ma si tratta di una forza necessaria al cambiamento, la cui negatività è data dalla reazione negativa che è capace di generare. Dagli studi effettuati si evince che è preferibile una coppia genitoriale divisa ma stabile e serena piuttosto che una famiglia integra ma conflittuale. Le variabili che maggiormente influenzano lo sviluppo psicologico dei figli nei casi di separazione e divorzio sono il genere, l'età e la resilienza, cioè la capacità dell'individuo di svilupparsi adeguatamente nonostante forme di stress che comportano un alto rischio di risultati negativi. L'elaborato si conclude con un'analisi dei comportamenti anomali dei genitori che possono sfociare in vere e proprie sindromi come la PAS di Gardner o il Complesso di Medea. Per concludere, da uno studio longitudinale di Amato e Cheadle gli effetti della separazione e del divorzio hanno ripercussioni anche a lungo termine su tre generazioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE L’elaborato si propone di studiare in che modo l’evento della separazione e del divorzio dei genitori influenzi lo sviluppo psicologico dei figli, in particolare nei casi in cui sono già presenti situazioni conflittuali, sia precedi alla decisione di separarsi che nella fase successiva. Il primo capitolo dell’elaborato analizza l’incremento del fenomeno della separazione coniugale all’interno del contesto italiano, e a tal proposito Cigoli (1998b) definisce «fase storica» la situazione tipica della famiglia e del contesto socioculturale attuale. In particolare, all’interno del testo si fa riferimento ai dati Istat, che evidenziano la crescita del fenomeno in esame, attraverso il confronto dei dati del 2011 con quelli relativi all’anno 1995. Tra gli autori che hanno studiato la separazione coniugale dal punto di vista psicologico ricordiamo Bohannan (1973) e Kaslow (1981). Entrambi hanno approfondito il fenomeno della separazione e del divorzio individuando al loro interno una serie di fasi. Secondo Bohannan, nello specifico, le coppie che si separano devono attraversare sei fasi per l’elaborazione del momento separativo. L’altro modello studiato è quello proposto da Kaslow, che prevede una relazione tra le emozioni e il comportamento agito dagli ex partner nelle diverse fasi del processo separativo. Entrambi gli autori studiati sostengono l’importanza della conclusione di una fase prima dell’inizio della fase successiva, al fine di evitare stati di malessere. Tale stato di malessere è esprimibile con la definizione di “legame disperante” di Cigoli (1988), in cui gli ex coniugi cercano di mantenere il legame attraverso il conflitto. Un altro tema importante affrontato è la genitorialità, da cui derivano accomodamenti sia di tipo organizzativo che relazionale, per dirla con Cusinato (1994). Erikson (1982), invece, considera la generatività come uno degli stadi evolutivi e la definisce come la capacità di preoccuparsi e di prendersi cura (take care of) in modo responsabile di ciò che è stato generato. Scabini e Cigoli (2000)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi