Skip to content

L'Europa cambia l'Europa

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Chignoli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Bruna Di Sabato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 30

Ora che forse l'Unione rischia di perdere il suo sudato equilibro, questo lavoro potrebbe addirittura diventare un lavoro di pura storia, su di un argomento che è scomparso con la dissoluzione dell'UE. La considerazione iniziale da fare è che uno dei problemi maggiori col quale ci si confronta nella realizzazione di un lavoro che riguardi la didattica delle lingue, la storia dell'uomo o delle idee che contornano diverse popolazioni e periodi storici, è quello relativo alla parola cultura, una parola chiave di tutti i secoli. Multiculturale, interculturale, sono termini che ricorrono non raramente negli ambiti sopra citati, ma spesso rischiano di essere utilizzati in maniera erronea perdendo il proprio significato originale. Proprio queste due parole hanno rappresentato uno dei punti di partenza dell'analisi svolta qui di seguito: "L'Europa cambia l'Europa" è un lavoro trasversale e multidisciplinare in un certo senso, è una riesamina di tutto ciò che è la moderna società, da dove è partita e come ha continuato ad evolversi fino al giorno d'oggi, col fine di fornire ai lettori le informazioni considerate più importanti in questo continuo percorso di evoluzione della cultura europa. Una chiara definizione di multi o inter culturale è una base per comprendere l'attuale struttura europea, ma se non si aggiunge a ciò una conoscenza degli obiettivi e delle azioni volte a sorreggere questa struttura, non si può analizzare a pieno l'evoluzione della nostra società. Questa analisi si divide in un blocco prettamente storico, il primo, volto a trovare i punti cardine della nascita di una società europea moderna; tali punti sono rappresentati da diverse esperienze storiche che si sono susseguite e che hanno lasciato in eredità qualcosa di più che un semplice ricordo, una eredità culturale che attraverso i secoli è rimasta cristallizzata nelle menti europee. La seconda parte di questo lavoro, invece, si concentra su un aspetto forse ancora marginale nella visione dell'Europa come unità, la società multiculturale e gli sforzi che gli stati membri compiono per migliorarla, soprattutto attraverso l'insegnamento delle lingue. Proprio le lingue sono un fattore caratterizzante di ogni individuo prima che di ogni paese ed è proprio questa caratteristica che rende difficile ed in un certo senso confuso il lavoro dell'Europa. Le società occidentali da anni cercano di costruire un blocco omogeneo, tentando di ridurre al minimo le difficoltà di convivenza, attraverso ad esempio organi sovranazionali con l'obiettivo di monitorare i progressi svolti in diversi ambiti e l'attuazione delle norme: l'UE rappresenta solo il blocco europeo, ma oltre questa non può essere dimenticato l'OCSE, Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, fondato molto prima dell'Unione e composto da paesi di tutto il mondo. Questo ogni anno compie, tra gli altri, uno studio sull'istruzione all'interno di un paese analizzandone tutti gli aspetti, dall'età degli alunni a quella degli insegnanti, al sesso, alla presenza della matrice multiculturale, fino alla spesa del paese per sostenere l'istruzione ed agli obiettivi degli studenti. E proprio questo organismo mondiale ha rappresentato un altro degli spunti per questa ricerca, poiché il concentrarsi sullo sviluppo e sulla cooperazione tra i paesi del mondo è tra i fondamenti della società moderna. Oltre le direttive, le leggi, le decisioni, c'è un lato umano, perché uno degli obiettivi primari che hanno portato alla fondazione dell'Europa è la coesione sociale e la pace tra i popoli del vecchio continente. Nel lato umano rientra il campo di studio di partenza di questa ricerca, la didattica delle lingue, perché data la grande varietà di culture presente in Europa, non può esserci maggiore fattore di coesione che la comprensione linguistica. La sfida non è delle più semplici, sia da parte dell'Europa per conseguire un obiettivo di unificazione o coesione, sia da parte di chi vuole ricercare i modi in cui l'Europa ha intrapreso questo percorso ed i passi che sono stati fatti e che si prospettano: dipingere lo "sforzo di migliorare la comunicazione a tutti i livelli" incontrate dall'Unione, scavare tra i documenti che sono messi a disposizione, analizzare le diverse evoluzioni e considerazioni dettate soprattutto dalle diverse culture che ogni paese attua.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
L’EUROPA CAMBIA L’EUROPA Compiere una ricerca sull’Europa, sul suo modo di agire e di influenzare la cultura dei diversi paesi membri, è stato un caso, non era nelle mie intenzioni farlo proprio quest’anno che l’Unione vive forse il momento di massima crisi della sua seppur breve storia. Gli scontri ideali tra i diversi paesi e le diverse ideologie pro e contro l’Europa unita, stanno avendo molta più evidenza ora, in conseguenza delle elezioni, ma il lavoro che ho svolto nei mesi precedenti, puntava a fare chiarezza e a cercare una linearità per quanto riguarda il modo di agire dell’Europa in campo glottodidattico. Ora che forse l’Unione rischia di perdere il suo sudato equilibro, questo lavoro potrebbe addirittura diventare un lavoro di pura storia, su di un argomento che è scomparso con la dissoluzione dell’UE. Spingendoci molto oltre nel tempo e con la fantasia, la divisione dei paesi membri sarebbe realizzabile, ma in momenti di crisi forse il rimanere uniti rappresenterebbe il modo migliore per ripartire anche se, a quanto pare, l’uomo in alcuni casi preferisce usare le proprie forze invece della collaborazione. Mettendo da parte i discorsi socio-politici e parlando della realizzazione di questo lavoro, la considerazione iniziale da fare è che uno dei problemi maggiori col quale ci si confronta nella realizzazione di un lavoro che riguardi la didattica delle lingue, la storia dell’uomo o delle idee che contornano diverse popolazioni e periodi storici, è quello relativo alla parola cultura, una parola chiave di tutti i secoli. Multiculturale, interculturale, sono termini che ricorrono non raramente negli ambiti sopra citati, ma spesso rischiano di essere utilizzati in maniera erronea perdendo il proprio significato originale. Proprio queste due parole hanno rappresentato uno dei punti di partenza dell’analisi svolta qui di seguito: “L’Europa cambia l’Europa” è un lavoro trasversale e multidisciplinare in un certo senso, è una riesamina di tutto ciò che è la moderna società, da dove è partita e come ha continuato ad evolversi fino al giorno d’oggi, col fine di fornire ai lettori le informazioni considerate più importanti in questo continuo percorso di evoluzione della cultura europa. Una chiara definizione di multi o inter culturale è una base per comprendere l’attuale struttura europea, ma se non si aggiunge a ciò una conoscenza degli obiettivi e delle azioni volte a sorreggere questa struttura, non si può analizzare a pieno l’evoluzione della nostra società. Questa analisi si divide in un blocco prettamente storico, il primo, volto a trovare i punti cardine della nascita di una società europea moderna; tali punti sono rappresentati da diverse esperienze storiche che si sono susseguite e che hanno lasciato in eredità qualcosa di più che un semplice ricordo, una eredità culturale che attraverso i secoli è rimasta cristallizzata nelle menti europee. La seconda parte di questo lavoro, invece, si concentra su un aspetto forse ancora marginale nella visione dell’Europa come unità, la società multiculturale e gli sforzi che gli stati membri compiono per migliorarla, soprattutto attraverso l’insegnamento delle lingue. Proprio le lingue sono un fattore caratterizzante di ogni individuo prima che di ogni paese ed è proprio questa caratteristica che rende difficile ed in un certo senso confuso il lavoro dell’Europa. Le società occidentali da anni cercano di costruire un blocco omogeneo, tentando di ridurre al minimo le difficoltà di convivenza, attraverso ad esempio organi sovranazionali con l’obiettivo di monitorare i progressi svolti in diversi ambiti e l’attuazione delle norme: l’UE 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi